Ma se non cacciano questo ...chi cacciano ??

“Buona fortuna e buon lavoro Presidente Giuseppe Conte “.            (Fosforo , Cazzaro di Napoli , il 24/05/2018)

B9BA2FA9-653D-4240-9039-F2A097C27C31.jpeg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

3 messaggi in questa discussione

l'ex "fratellino" si é montato la testa proprio come quella cosa di cui il celebre proverbio preannuncia il profumo quando sale il gradino.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

“Casalino ha scalato il potere con metodi feroci: ecco come manipola giornali e tv”

Il “codice Rocco” è semplice: Casalino sceglie quali sono i parlamentari che devono andare in tv, come si devono concedere le interviste e a chi vanno concesse. Decide poi se ha necessità di un corso di dizione, come si deve vestire e se ha bisogno di uno sbiancamento dentale.

Non solo. “Casalino ha guadagnato un grande potere anche tra i parlamentari. Ha il potere di favorirne le comparsate o meno, di parlarne male o bene. Qualsiasi parlamentare che non si sottomette alla sua volontà di dominio e di controllo inizia ad avere problemi”. A parlare è Nicola Biondo, ex capoufficio stampa del Movimento 5 Stelle alla Camera che, intervistato dal Giornale, commenta i giochi di forza che l’ex concorrente del Grande Fratello muove in Parlamento.

Biondo e Casalino erano colleghi all’inizio della scorsa legislatura, quando il primo era capoufficio stampa del M5s alla Camera e Casalino era il responsabile comunicazione del M5s al Senato. Secondo quanto affermato da Biondo, erano in molti a chiedere il licenziamento dell’attuale portavoce del premier Conte ma “non c’è stato mai verso, ogni volta arrivava il veto di Luigi e di Davide”.

Come nel maggio del 2014: “Chiesi a Gianroberto Casaleggio di togliermelo dalle scatole, lui si arrabbiò: che ti importa di lui, sarai tu il capo della baracca, qualcosa a Grillo dobbiamo lasciargliela, mi disse”.

 

“Venni così a sapere che, appena capito che volevano farlo fuori, Rocco si era messo a piagnucolare al telefono con un direttore di tg, uno con un rapporto forte con Beppe Grillo. E poi con un famoso direttore di quotidiano. Insomma aveva smosso due pezzi da novanta per cercare protezioni. In questo Casalino è stato molto abile. Lui non esisterebbe se una larga fetta dell’informazione italiana non obbedisse ai suoi diktat”.

Per Biondo, Casalino detta la linea da seguire negli articoli e nei servizi sul M5s. E chi non la rispetta entra in un lista nera e viene tagliato fuori dalle ***.

“Casalino è diventato depositario di tutti i malumori, confidenze, sfoghi dei parlamentari, utilizzati sapientemente per consolidare ed accrescere la propria influenza. Chi sgarra, tra i parlamentari, è fuori, a meno di non possedere un patrimonio di *** tale da contrastare quello di Rocco”, conclude Biondo che, insieme a Marco Canestrari, ha scritto il libro Supernova. I segreti, le bugie e i tradimenti del MoVimento 5 stelle: storia vera di una nuova casta che si pretendeva anticasta.

“Chi chiede le sue dimissioni non ha capito il Movimento. Finché Di Maio sarà al governo, Casalino starà a Palazzo Chigi”, ha concluso Biondo, che fa un esempio.

Alla pubblicazione di Supernova, lui e Canestrari erano stati chiamati come ospiti dalla Annunziata nel programma In mezz’ora. “Eravamo già d’accordo, quando le comunicazioni si interruppero improvvisamente. Venimmo a sapere che Casalino aveva posto il veto: se inviti loro non ti mandiamo più nessuno. E infatti non fummo invitati. In cambio, la puntata dopo c’era Alessandro Di Battista ospite della Annunziata. Questo è il metodo Rocco”.

Fonte: www.tpi.it

del 24 Settembre 2018

Nicola Biondo, ex capoufficio stampa del Movimento 5 Stelle alla Camera, ha descritto “il code Rocco”, il metodo di lavoro del portavoce del premier Conte. #confrontodem

Annunci

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

“Casalino ha scalato il potere con metodi feroci: ecco come manipola giornali e tv”

Il “codice Rocco” è semplice: Casalino sceglie quali sono i parlamentari che devono andare in tv, come si devono concedere le interviste e a chi vanno concesse. Decide poi se ha necessità di un corso di dizione, come si deve vestire e se ha bisogno di uno sbiancamento dentale.

Non solo. “Casalino ha guadagnato un grande potere anche tra i parlamentari. Ha il potere di favorirne le comparsate o meno, di parlarne male o bene. Qualsiasi parlamentare che non si sottomette alla sua volontà di dominio e di controllo inizia ad avere problemi”. A parlare è Nicola Biondo, ex capoufficio stampa del Movimento 5 Stelle alla Camera che, intervistato dal Giornale, commenta i giochi di forza che l’ex concorrente del Grande Fratello muove in Parlamento.

Biondo e Casalino erano colleghi all’inizio della scorsa legislatura, quando il primo era capoufficio stampa del M5s alla Camera e Casalino era il responsabile comunicazione del M5s al Senato. Secondo quanto affermato da Biondo, erano in molti a chiedere il licenziamento dell’attuale portavoce del premier Conte ma “non c’è stato mai verso, ogni volta arrivava il veto di Luigi e di Davide”.

Come nel maggio del 2014: “Chiesi a Gianroberto Casaleggio di togliermelo dalle scatole, lui si arrabbiò: che ti importa di lui, sarai tu il capo della baracca, qualcosa a Grillo dobbiamo lasciargliela, mi disse”.

 

“Venni così a sapere che, appena capito che volevano farlo fuori, Rocco si era messo a piagnucolare al telefono con un direttore di tg, uno con un rapporto forte con Beppe Grillo. E poi con un famoso direttore di quotidiano. Insomma aveva smosso due pezzi da novanta per cercare protezioni. In questo Casalino è stato molto abile. Lui non esisterebbe se una larga fetta dell’informazione italiana non obbedisse ai suoi diktat”.

Per Biondo, Casalino detta la linea da seguire negli articoli e nei servizi sul M5s. E chi non la rispetta entra in un lista nera e viene tagliato fuori dalle ***.

“Casalino è diventato depositario di tutti i malumori, confidenze, sfoghi dei parlamentari, utilizzati sapientemente per consolidare ed accrescere la propria influenza. Chi sgarra, tra i parlamentari, è fuori, a meno di non possedere un patrimonio di *** tale da contrastare quello di Rocco”, conclude Biondo che, insieme a Marco Canestrari, ha scritto il libro Supernova. I segreti, le bugie e i tradimenti del MoVimento 5 stelle: storia vera di una nuova casta che si pretendeva anticasta.

“Chi chiede le sue dimissioni non ha capito il Movimento. Finché Di Maio sarà al governo, Casalino starà a Palazzo Chigi”, ha concluso Biondo, che fa un esempio.

Alla pubblicazione di Supernova, lui e Canestrari erano stati chiamati come ospiti dalla Annunziata nel programma In mezz’ora. “Eravamo già d’accordo, quando le comunicazioni si interruppero improvvisamente. Venimmo a sapere che Casalino aveva posto il veto: se inviti loro non ti mandiamo più nessuno. E infatti non fummo invitati. In cambio, la puntata dopo c’era Alessandro Di Battista ospite della Annunziata. Questo è il metodo Rocco”.

Fonte: www.tpi.it

del 24 Settembre 2018

Nicola Biondo, ex capoufficio stampa del Movimento 5 Stelle alla Camera, ha descritto “il code Rocco”, il metodo di lavoro del portavoce del premier Conte. #confrontodem

Annunci

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963