Togliamoci dal collo il cappio dello spread

Con l'internazionalizzazione del debito e con le aste marginali, dove il tasso non lo stabilisce lo Stato ma il cartello dei grandi speculatori, ci siamo messi un cappio intorno al  collo, il cappio dello spread. E di conseguenza, come se non bastasse, abbiamo messo volontariamente  la testa sotto la spada di Damocle dell'amministrazione controllata in stile Grecia. Ci siamo legati le mani da soli. Per colpa soprattutto nostra, non dell'Europa, il margine di manovra dei nostri governi sull'economia ormai è analogo a quello dei paesi poveri. Eppure eravamo, e nonostante tutto restiamo, uno dei paesi più ricchi al mondo. 

Ora basta! Difendiamo il nostro grande risparmio privato dagli speculatori mondiali che, a nostra insaputa, ci stanno allungando sopra gli artigli, ricompriamoci il nostro debito pubblico in Bot e Cct, azzeriamo gradualmente i Btp, liberiamoci dal cappio dello spread e delle agenzie di rating, liberiamo la nostra economia dalla finanza speculativa, ripristiniamo un grande sistema bancario pubblico senza fini di lucro ma a difesa del risparmio e a sostegno dell'investimento interno, e torneremo presto ad essere il grande paese che eravamo. 

Questa, in estrema sintesi, è la ricetta di Guido Grossi, autorevole addetto ai lavori che in 28 imperdibili minuti illumina il sentiero nascosto della rinascita, nascosto da chi specula sul male dell'Italia.

Presidente Conte, ministro Tria, ministro Di Maio, governatore Visco, guardatevi molto attentamente questo filmato e mettetelo in pratica, al più presto, a tutti i costi, con determinazione e coraggio.

Buon lavoro.

https://youtu.be/r5fQKEPYD7A

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

6 messaggi in questa discussione

2 ore fa, fosforo41 ha scritto:

Con l'internazionalizzazione del debito e con le aste marginali, dove il tasso non lo stabilisce lo Stato ma il cartello dei grandi speculatori, ci siamo messi un cappio intorno al  collo, il cappio dello spread. E di conseguenza, come se non bastasse, abbiamo messo volontariamente  la testa sotto la spada di Damocle dell'amministrazione controllata in stile Grecia. Ci siamo legati le mani da soli. Per colpa soprattutto nostra, non dell'Europa, il margine di manovra dei nostri governi sull'economia ormai è analogo a quello dei paesi poveri. Eppure eravamo, e nonostante tutto restiamo, uno dei paesi più ricchi al mondo. 

Ora basta! Difendiamo il nostro grande risparmio privato dagli speculatori mondiali che, a nostra insaputa, ci stanno allungando sopra gli artigli, ricompriamoci il nostro debito pubblico in Bot e Cct, azzeriamo gradualmente i Btp, liberiamoci dal cappio dello spread e delle agenzie di rating, liberiamo la nostra economia dalla finanza speculativa, ripristiniamo un grande sistema bancario pubblico senza fini di lucro ma a difesa del risparmio e a sostegno dell'investimento interno, e torneremo presto ad essere il grande paese che eravamo. 

Questa, in estrema sintesi, è la ricetta di Guido Grossi, autorevole addetto ai lavori che in 28 imperdibili minuti illumina il sentiero nascosto della rinascita, nascosto da chi specula sul male dell'Italia.

Presidente Conte, ministro Tria, ministro Di Maio, governatore Visco, guardatevi molto attentamente questo filmato e mettetelo in pratica, al più presto, a tutti i costi, con determinazione e coraggio.

Buon lavoro.

https://youtu.be/r5fQKEPYD7A

Buona fortuna. Novello Varoufakis.....

Per portare a casa lo stock di debito pubblico (circa 800 mld. su 2300 mld.) attualmente in mani straniere, noi italiani dovremmo venderci la casa, le mutande ed anche ciò che ci sta sotto.

Purtroppo negli ultimi 40 anni, non solo il debito è cresciuto più del PIL, ma l'Italia ha attinto a portafogli stranieri per finanziarsi. ( centrodestra e centrosinistra governanti a fasi alterne ).

Come un imprenditore decotto ha bussato alla porta delle sette chiese elemosinando credito.

Così chi ci presta i soldini per sbarcare il lunario, ci ha messo (nel 2011) sotto tutela.

Certo, l'Italia è un Paese a sovranità limitata. Ma ce la siamo andata a cercare. Dai tempi di Forlani e Craxi per finire con Papy. 

Ma il nazionalismo del governo giallo verde ricorda tanto : "Mio caro, mi hanno dato un sacco di botte, ma sapessi quante gliene ho dette....".

Ah, già... Contro Salvini e Grillo abbiamo la grande congiura della finanza mondiale, in combutta con maestri massoni, rabbini ebrei, comunisti cinesi, e gli alieni elohim di cui parla la Bibbia......

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, fosforo41 ha scritto:

Con l'internazionalizzazione del debito e con le aste marginali, dove il tasso non lo stabilisce lo Stato ma il cartello dei grandi speculatori, ci siamo messi un cappio intorno al  collo, il cappio dello spread. E di conseguenza, come se non bastasse, abbiamo messo volontariamente  la testa sotto la spada di Damocle dell'amministrazione controllata in stile Grecia. Ci siamo legati le mani da soli. Per colpa soprattutto nostra, non dell'Europa, il margine di manovra dei nostri governi sull'economia ormai è analogo a quello dei paesi poveri. Eppure eravamo, e nonostante tutto restiamo, uno dei paesi più ricchi al mondo. 

Ora basta! Difendiamo il nostro grande risparmio privato dagli speculatori mondiali che, a nostra insaputa, ci stanno allungando sopra gli artigli, ricompriamoci il nostro debito pubblico in Bot e Cct, azzeriamo gradualmente i Btp, liberiamoci dal cappio dello spread e delle agenzie di rating, liberiamo la nostra economia dalla finanza speculativa, ripristiniamo un grande sistema bancario pubblico senza fini di lucro ma a difesa del risparmio e a sostegno dell'investimento interno, e torneremo presto ad essere il grande paese che eravamo. 

Questa, in estrema sintesi, è la ricetta di Guido Grossi, autorevole addetto ai lavori che in 28 imperdibili minuti illumina il sentiero nascosto della rinascita, nascosto da chi specula sul male dell'Italia.

Presidente Conte, ministro Tria, ministro Di Maio, governatore Visco, guardatevi molto attentamente questo filmato e mettetelo in pratica, al più presto, a tutti i costi, con determinazione e coraggio.

Buon lavoro.

https://youtu.be/r5fQKEPYD7A

Ah  si   ma  questa  lo  già  sentita   alcuni  anni fa   mi sembra  proprio  dal pregiudicato  piduista  toh  assimili la  sua  politica.... andava    mi sembra  in  Europa  e    appunto  diceva    che  i risparmi degli  Italiani   coprivano  di gran lunga  il debito...  ma  se  io   avessi  dei  risparmi  perchè  dovrei darli  agli evasori e   ai fancaxxisti ?   Perchè  questo  è  oggi ?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, cortomaltese-*** ha scritto:

Buona fortuna. Novello Varoufakis.....

Per portare a casa lo stock di debito pubblico (circa 800 mld. su 2300 mld.) attualmente in mani straniere, noi italiani dovremmo venderci la casa, le mutande ed anche ciò che ci sta sotto.

Purtroppo negli ultimi 40 anni, non solo il debito è cresciuto più del PIL, ma l'Italia ha attinto a portafogli stranieri per finanziarsi. ( centrodestra e centrosinistra governanti a fasi alterne ).

Come un imprenditore decotto ha bussato alla porta delle sette chiese elemosinando credito.

Così chi ci presta i soldini per sbarcare il lunario, ci ha messo (nel 2011) sotto tutela.

Certo, l'Italia è un Paese a sovranità limitata. Ma ce la siamo andata a cercare. Dai tempi di Forlani e Craxi per finire con Papy. 

Ma il nazionalismo del governo giallo verde ricorda tanto : "Mio caro, mi hanno dato un sacco di botte, ma sapessi quante gliene ho dette....".

Ah, già... Contro Salvini e Grillo abbiamo la grande congiura della finanza mondiale, in combutta con maestri massoni, rabbini ebrei, comunisti cinesi, e gli alieni elohim di cui parla la Bibbia......

 

Beh  ma  sono tranquilli  non  hanno   contro  l' ISIS   hanno  mandato  il Dibba a trattare  con  loro...

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Presto invierò una rassegna di post del doppiopesista Cazzaro di Napoli relativi a quel che diceva sullo spread nel 2011.  Preparatevi il pop corn e la coca cola . Le risate , invece , verranno spontanee ...!! 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

2 ore fa, cortomaltese-*** ha scritto:

Buona fortuna. Novello Varoufakis.....

Per portare a casa lo stock di debito pubblico (circa 800 mld. su 2300 mld.) attualmente in mani straniere, noi italiani dovremmo venderci la casa, le mutande ed anche ciò che ci sta sotto.

Purtroppo negli ultimi 40 anni, non solo il debito è cresciuto più del PIL, ma l'Italia ha attinto a portafogli stranieri per finanziarsi. ( centrodestra e centrosinistra governanti a fasi alterne ).

Come un imprenditore decotto ha bussato alla porta delle sette chiese elemosinando credito.

Così chi ci presta i soldini per sbarcare il lunario, ci ha messo (nel 2011) sotto tutela.

Certo, l'Italia è un Paese a sovranità limitata. Ma ce la siamo andata a cercare. Dai tempi di Forlani e Craxi per finire con Papy. 

Ma il nazionalismo del governo giallo verde ricorda tanto : "Mio caro, mi hanno dato un sacco di botte, ma sapessi quante gliene ho dette....".

Ah, già... Contro Salvini e Grillo abbiamo la grande congiura della finanza mondiale, in combutta con maestri massi oni, rabbini ebrei, comunisti cinesi, e gli alieni elohim di cui parla la Bibbia......

 

Quanto scrivi può forse valere per la Grecia, non certo per noi. Forse non hai guardato con attenzione il filmato o forse le cifre non sono il tuo forte. Il risparmio privato degli italiani è quasi il doppio del debito pubblico (4,4 bilioni contro 2,3 bilioni) e la quota di quest'ultimo in mani estere oggi è meno di 1/3 (ed è in calo). Dunque basterebbe appena 1/6 circa del nostro risparmio privato per portare in Italia tutto il debito pubblico. Non dovremmo affatto venderci le mutande. E il risparmiatore italiano, secondo Grossi, si accontenterebbe di tassi nettamente più bassi rispetto allo speculatore straniero. Del resto basta guardare i rendimenti netti miserevoli (0,0...%) che milioni di italiani oggi accettano sui loro conti correnti, certificati di deposito, libretti etc. Un Bot allo 0,50% netto oggi io andrei di corsa a comprarlo: proteggerei il mio risparmio e aiuterei il mio paese.

Modificato da fosforo41

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora