effetto salvini concreto.alla facciaccis di chi diceva che.....

Il numero dei clandestini riportati a terra in Libia “è in drammatico aumento”, si lamentano quelli dell’Onu. 
Solo dall’inizio dell’anno sono stati respinti in Libia dal dispositivo italo-libico oltre 13mila clandestini. Con punte, è il caso ad esempio del 24 giugno scorso, di mille respinti in un solo giorno.

Il blocco navale italo-libico funziona.

La notizia arriva dall’ultimo rapporto settimanale dell’Unhcr, l’agenzia Onu per i “rifugiati”, in Libia.

Questi sono 13.517 clandestini che si sarebbero aggiunti ai 170mila attualmente negli hotel per ‘profughi’ in Italia. Com’era quella storia che l’immigrazione non si può fermare?

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

3 messaggi in questa discussione

18 minuti fa, director12 ha scritto:

Il numero dei clandestini riportati a terra in Libia “è in drammatico aumento”, si lamentano quelli dell’Onu. 
Solo dall’inizio dell’anno sono stati respinti in Libia dal dispositivo italo-libico oltre 13mila clandestini. Con punte, è il caso ad esempio del 24 giugno scorso, di mille respinti in un solo giorno.

Il blocco navale italo-libico funziona.

La notizia arriva dall’ultimo rapporto settimanale dell’Unhcr, l’agenzia Onu per i “rifugiati”, in Libia.

Questi sono 13.517 clandestini che si sarebbero aggiunti ai 170mila attualmente negli hotel per ‘profughi’ in Italia. Com’era quella storia che l’immigrazione non si può fermare?

L’articolo da cui ti sei abbeverato e’ questo ???   E’ Falso , ahahahahahaha .  Vox News manda solo notizie false per devastarvi il cervello . Per la verità con te non ci sarebbe bisogno ....Non so se ...!! 

 
fact_icon.png VERIFICA LA NOTIZIA
E questo ha messo in seria difficoltà i trafficanti umanitari come Medici Senza Frontiere, che protesta: “Chiediamo di porre fine alla detenzione arbitraria di rifugiati, richiedenti asilo e migranti in Libia dopo il drammatico aumento del numero di persone intercettate nel Mediterraneo dalla Guardia Costiera libica, supportata dall’Unione Europea”. 

 

Solo quest’anno, per lo più da quando Salvini è ministro e ha ripristinato gli accordi con la Libia, iniziando ad attuare un blocco navale con le motovedette italiane consegnate ai libici con equipaggio misto, secondo le organizzazioni delle Nazioni Unite, almeno 11.800 clandestini che tentavano di raggiungere l’Italia sono stati riportati indietro, con intercettazioni quasi quotidiane nelle acque internazionali tra Italia, Malta e Libia.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
19 minuti fa, mark222220 ha scritto:

L’articolo da cui ti sei abbeverato e’ questo ???   E’ Falso , ahahahahahaha .  Vox News manda solo notizie false per devastarvi il cervello . Per la verità con te non ci sarebbe bisogno ....Non so se ...!! 

 
fact_icon.png VERIFICA LA NOTIZIA
E questo ha messo in seria difficoltà i trafficanti umanitari come Medici Senza Frontiere, che protesta: “Chiediamo di porre fine alla detenzione arbitraria di rifugiati, richiedenti asilo e migranti in Libia dopo il drammatico aumento del numero di persone intercettate nel Mediterraneo dalla Guardia Costiera libica, supportata dall’Unione Europea”. 

 

Solo quest’anno, per lo più da quando Salvini è ministro e ha ripristinato gli accordi con la Libia, iniziando ad attuare un blocco navale con le motovedette italiane consegnate ai libici con equipaggio misto, secondo le organizzazioni delle Nazioni Unite, almeno 11.800 clandestini che tentavano di raggiungere l’Italia sono stati riportati indietro, con intercettazioni quasi quotidiane nelle acque internazionali tra Italia, Malta e Libia.

37019326_949106808594999_564584388622915
 
 

Dall'inizio del 2018, la Guardia Costiera Libica ha salvato e riportato in #Libia13.517 migranti. 
Un enorme grazie alle autorità libiche (إدارة التواصل والإعلام برئاسة مجلس الوزراء) che stanno sostenendo l'Italia nella battaglia contro i trafficanti di esseri umani e le morti in mare, sebbene qualcuno stia cercando di metterci il bastone tra le ruote. 
Vero Emmanuel Macron?

Francesca Totolo

L'immagine può contenere: testo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, director12 ha scritto:
37019326_949106808594999_564584388622915
 
 

Dall'inizio del 2018, la Guardia Costiera Libica ha salvato e riportato in #Libia13.517 migranti. 
Un enorme grazie alle autorità libiche (إدارة التواصل والإعلام برئاسة مجلس الوزراء) che stanno sostenendo l'Italia nella battaglia contro i trafficanti di esseri umani e le morti in mare, sebbene qualcuno stia cercando di metterci il bastone tra le ruote. 
Vero Emmanuel Macron?

Francesca Totolo

L'immagine può contenere: testo

Ahahahaha, ecco !! Allora il merito e’ di Minniti e non di Salvini . Leggi bene , somaro !! Bella figura di Mer da ...non so se ...!! Ahahahaga 

  • Chi Siamo
  •  
  • Contattaci Open Migration
  •  
  • Newsletter Open Migration
  •  
  • Condividi

MENU

Homepage >> Approfondimento >> Nelle mani della Guardia costiera libica: respinti per procura
A Libyan Coast Guard unit photographed from Open Arms' Golfo Azzurro vessel on August 15, 2017

Nelle mani della Guardia costiera libica: respinti per procura

FacebookTwitterPinterestGoogle+Share
28 giugno 2018 - LAURA CLARKE
Tra il 1° gennaio e il 31 maggio 2018, oltre il 42 per cento dei migranti che sono partiti dalle coste libiche nel tentativo di raggiungere l’Italia sono stati riportati in Libia, al netto dei morti e dispersi. Questo dato rappresenta un notevole aumento rispetto all’11 per cento dello stesso periodo del 2017, e va visto nel contesto della strategia di “respingimenti per procura” adottata dall’Italia attraverso le attività della Guardia costiera libica.

Tra il 1° gennaio e il 31 maggio 2018, secondo i dati del Ministero degli interni, sono sbarcati in Italia 13.430 migranti e rifugiati. Questo rappresenta un calo del 77,7 per cento rispetto allo stesso periodo del 2017, quando erano sbarcate in Italia 60.228 persone. 

Di coloro che sono arrivati appunto nei primi cinque mesi dell’anno, secondo la stessa fonte sono 9.214, ovvero il 68,6 per cento, quelli partiti dalla Libia: un calo del 84,2 per cento rispetto allo stesso periodo del 2017, quando 58.258 migranti e rifugiati erano sbarcati dalla Libia, ovvero il 96,7 per cento del totale. 

Il calo si inscrive nel quadro del Memorandum d’intesa tra Italia e Libia, voluto dall’ex ministro dell’interno Marco Minniti e firmato a febbraio 2017 dal premier italiano Paolo Gentiloni e dal capo del Governo di accordo nazionale di Tripoli, Fayez al-Serraj, per frenare il flusso di migranti irregolari attraverso la Libia verso l’Italia.

Da allora, in ottemperanza degli accordi, l’Italia ha rafforzato la capacità tecnica, tecnologica e materiale dei guardacoste libici di intercettare e soccorrere migranti e rifugiati in partenza dalla Libia e riportarli a riva, dove rischiano di subire gravi e ben documentate violazioni dei diritti umani, compresi abusi e torture, nei centri di detenzione libici.

180627_Libya pullbacks_GF01_1 ITA

L’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM) in Libia ci ha detto che tra il 1° gennaio e il 31 maggio 2018 6.835 migranti e rifugiati sono stati soccorsi o intercettati in mare e riportati sulle coste libiche. I dati si basano su aggiornamenti forniti dalla Guardia costiera libica, le forze di sicurezza libiche, la Mezzaluna Rossa e altre organizzazioni locali e, a partire dal 2018, sono riportati nel cruscotto Maritime Update Libyan Coast pubblicato con cadenza mensile sul Displacement Tracking *** di OIM.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora