Pizza S. Marco.

Nel vedere Stefano Accorsi seduto in smoking a un tavolino di piazza San Marco mentre seduce un trancio di pizza alle tre del mattino, ho pensato: beato lui che non ha ancora scavalcato quel confine esistenziale oltre il quale qualsiasi cosa immetti nello stomaco dopo le sette di sera ti torna su come un congiuntivo di Toninelli. E la memoria è andata ai tanti viaggi al termine della notte in cui si finiva più svegli che sobri ad aspettare il bombolone appena sfornato, e lo si divorava alla stessa ora in cui adesso ci si sveglia per fare una capatina idrica in bagno. 

Come al solito non avevo capito niente. L’immagine gravida di carboidrati che aveva messo in moto la macchina della nostalgia era un gesto vandalico, paragonabile al cassonetto rovesciato da un’orda di crocieristi. Lo ha rivelato il presidente dei pubblici esercizi veneziani, che invita l’attore a portarsi la pizzaccia in hotel (non diventerà fredda?) per non mancare di rispetto a una piazza dove un caffè bene educato arriva a costare anche 100 euro. Vorrei spezzare, se non una lancia, un trancio a favore di Accorsi: nell’era dell’indignazione permanente da social, uno avrà il diritto di gustarsi una pizza notturna senza trovarsi subito iscritto al partito degli sporcaccioni? Si può ancora vivere senza che ogni nostro atto sia interpretato come una dichiarazione di sfida o di appartenenza a qualche categoria? Libera pizza in libero Stato.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

5 messaggi in questa discussione

Il 12/9/2018 in 11:40 , wronschi ha scritto:

Nel vedere Stefano Accorsi seduto in smoking a un tavolino di piazza San Marco mentre seduce un trancio di pizza alle tre del mattino, ho pensato: beato lui che non ha ancora scavalcato quel confine esistenziale oltre il quale qualsiasi cosa immetti nello stomaco dopo le sette di sera ti torna su come un congiuntivo di Toninelli. E la memoria è andata ai tanti viaggi al termine della notte in cui si finiva più svegli che sobri ad aspettare il bombolone appena sfornato, e lo si divorava alla stessa ora in cui adesso ci si sveglia per fare una capatina idrica in bagno. 

Come al solito non avevo capito niente. L’immagine gravida di carboidrati che aveva messo in moto la macchina della nostalgia era un gesto vandalico, paragonabile al cassonetto rovesciato da un’orda di crocieristi. Lo ha rivelato il presidente dei pubblici esercizi veneziani, che invita l’attore a portarsi la pizzaccia in hotel (non diventerà fredda?) per non mancare di rispetto a una piazza dove un caffè bene educato arriva a costare anche 100 euro. Vorrei spezzare, se non una lancia, un trancio a favore di Accorsi: nell’era dell’indignazione permanente da social, uno avrà il diritto di gustarsi una pizza notturna senza trovarsi subito iscritto al partito degli sporcaccioni? Si può ancora vivere senza che ogni nostro atto sia interpretato come una dichiarazione di sfida o di appartenenza a qualche categoria? Libera pizza in libero Stato.

Scusa wronschi..chi ti ha scritto qst,pezzo..non è da te..tu sei rozzo-ripetitivo-privo di fantasia--allora??

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
27 minuti fa, robyrossa236 ha scritto:

Scusa wronschi..chi ti ha scritto qst,pezzo..non è da te..tu sei rozzo-ripetitivo-privo di fantasia--allora??

Ho fatto copia incolla.

Mai visto fare ?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

3 minuti fa, wronschi ha scritto:

Ho fatto copia incolla.

Mai visto fare ?

Si,ma io uso le mie in-for-ma-zio-ni segrete..non copio nessuno,ciao bello!

Modificato da robyrossa236
si

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, robyrossa236 ha scritto:

Si,ma io uso le mie in-for-ma-zio-ni segrete..non copio nessuno,ciao bello!

Fai come ti pare..

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Zitto, sei stato bocciato ancora quando frequentavi la prima alla primaria.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora