SALSICCIATA DELUDENTE

“Abbiamo perso il contatto con il popolo, con la parte più debole della società“. La militante interpellata per prima alla festa nazionale del Pd a Ravenna spiega così la disfatta elettorale, dalla quale il partito non sembra essersi ancora ripreso. Come lei la pensano molti altri. “Non sarà facile il rilancio, dobbiamo tornare in mezzo alla gente con nuove idee e nuovi dirigenti“. Tra iscritti ed elettori prevale il disorientamento. C’è chi confida nell’avvento di Zingaretti e chi crede ancora in Renzi. “Ma no – obiettano altri – non è questione di leader ma di linea politica”. Pochi si fanno illusioni in vista delle prossime scadenze elettorali. Più d’uno è perfino incerto se continuare a votare Pd. Ma non manca chi si dice convinto che lo spazio politico per ripartire ci sia, “purché si azzeri tutto, compreso il nome e il simbolo“. E voi che ne dite?

.... E se la Lega, travolta dallo scandalo dei 48 milioni abdicasse, il PD o quello che ne rimane lo farebbe un nuovo contratto di governo con i pentastellati?

😂😂🤣

BrS

Buon rosicamento Somari

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

3 messaggi in questa discussione

18 minuti fa, shinycage ha scritto:

“Abbiamo perso il contatto con il popolo, con la parte più debole della società“. La militante interpellata per prima alla festa nazionale del Pd a Ravenna spiega così la disfatta elettorale, dalla quale il partito non sembra essersi ancora ripreso. Come lei la pensano molti altri. “Non sarà facile il rilancio, dobbiamo tornare in mezzo alla gente con nuove idee e nuovi dirigenti“. Tra iscritti ed elettori prevale il disorientamento. C’è chi confida nell’avvento di Zingaretti e chi crede ancora in Renzi. “Ma no – obiettano altri – non è questione di leader ma di linea politica”. Pochi si fanno illusioni in vista delle prossime scadenze elettorali. Più d’uno è perfino incerto se continuare a votare Pd. Ma non manca chi si dice convinto che lo spazio politico per ripartire ci sia, “purché si azzeri tutto, compreso il nome e il simbolo“. E voi che ne dite?

.... E se la Lega, travolta dallo scandalo dei 48 milioni abdicasse, il PD o quello che ne rimane lo farebbe un nuovo contratto di governo con i pentastellati?

😂😂🤣

BrS

Buon rosicamento Somari

Da dove hai copiaincollato , cecato ?? Incomincia a pensare al tiro a segno di salsicce contro  i tuoi esponenti Grillebeti . Mi sembra uno sport che inizia a prendere piede ed al quale sempre più nuovi “atleti” iniziano ad appassionarvisi.                         P.S.  Puoi notiziarci se l’ispezione ad Agrigento e’ terminata ?? Non c’hai piu’ notiziato e non e’ corretto da parte tua . 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

E cosa cambierebbe  azzerando nome e simbolo se gli uomini sono gli stessi?

Possono certamente cambiare nome e simbolo ma devono anche dire : siamo una cosa diversa da prima, siamo più vicini ad A che a B.

E se il PD sparisce pazienza.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Dopo Ravenna il senatore Renzi è salito sul palco anche alla Festa dell'Unità di Firenze. A differenza che in passato non se ne perde una, come Cossutta ai tempi del Pci. Ha ammonito che non dobbiamo illuderci di esserci liberati di lui e che anzi intensificherà la sua attività politica andando a parlare nelle scuole e in TV. E pensare che appena insediato in Senato aveva dichiarato ai giornalisti: "Ora me ne sto zitto per due anni". Figuriamoci se qualcheduno gli aveva creduto! Infatti in giugno il Bomba ridimensionava la sua balla confidando al Corriere: "Starò fuori dal giro per qualche mese". Secondo il Corriere avrebbe viaggiato e tenuto conferenze pagate in giro per il mondo fino alla Leopolda di ottobre. Quest'altra balla però qualche ingenuo se la bevve sul serio, per es. il leghista Calderoli che chiese le dimissioni del Bomba da senatore o la rinuncia allo stipendio. Nell'appassionato discorso di Firenze l'ex segretario del Pd ha dato degli attuali governanti una definizione prosaica, "cialtroni", e una poetica, "profeti della bugia". In particolare ha dato del bugiardo a Toninelli e lo ha invitato a dimettersi. Ma il ministro Toninelli, a differenza dell'ex premier Letta, può stare assolutamente sereno. Essere definito bugiardo o profeta della bugia da una reincarnazione di Pinocchio è un titolo di merito, una medaglia.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora