BUFALA GALATTICA DEL SOMARO PISANO MARK525

Il perissodattilo pisano mark525 raglia e fornisce prova di essere un PANZANARO MONUMENTALE.

Secondo l'asino pisano, lo scellerato Del Rio avrebbe risposto in questi termini all’interrogazione del senatore Maurizio Rossi del 28 aprile 2016:
"recentemente il ponte è stato oggetto di un preoccupante cedimento dei giunti che hanno reso necessaria un'opera straordinaria di manutenzione senza la quale è concreto il rischio di una sua chiusura. Se non si predispone immediatamente una nuova strategia stradale di più ampio respiro del capoluogo ligure, i mancati lavori di realizzazione della Gronda, sommati alla possibile futura chiusura totale o parziale del Ponte Morandi, determinerebbero inevitabilmente il collasso dell'intero sistema viario genovese".

Peccato che quanto riportato dal somaro pisano NON sia la risposta dello scellerato Graziano del Rio.

Trattasi di una parte dell'interrogazione del senatore Maurizio Rossi

http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/showText?tipodoc=Sindisp&leg=17&id=971481

All’asino pisano mark525 non resta che aggiornare il contatore delle figure di medda

Buona lunga opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

8 messaggi in questa discussione

14 minuti fa, sardonicoebasta ha scritto:

Il perissodattilo pisano mark525 raglia e fornisce prova di essere un PANZANARO MONUMENTALE.

Secondo l'asino pisano, lo scellerato Del Rio avrebbe risposto in questi termini all’interrogazione del senatore Maurizio Rossi del 28 aprile 2016:
"recentemente il ponte è stato oggetto di un preoccupante cedimento dei giunti che hanno reso necessaria un'opera straordinaria di manutenzione senza la quale è concreto il rischio di una sua chiusura. Se non si predispone immediatamente una nuova strategia stradale di più ampio respiro del capoluogo ligure, i mancati lavori di realizzazione della Gronda, sommati alla possibile futura chiusura totale o parziale del Ponte Morandi, determinerebbero inevitabilmente il collasso dell'intero sistema viario genovese".

Peccato che quanto riportato dal somaro pisano NON sia la risposta dello scellerato Graziano del Rio.

Trattasi di una parte dell'interrogazione del senatore Maurizio Rossi

http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/showText?tipodoc=Sindisp&leg=17&id=971481

All’asino pisano mark525 non resta che aggiornare il contatore delle figure di medda

Buona lunga opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

 

Sei il solito formidabile idio ta che non solo non sa leggere ma nemmeno interpretare . Sei un fascista di Mer da !!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

In che anno siamo?

Credo il 2018.

Dal 2016 ad oggi sembra che siano stati fatti dei lavori di rinforzo e manutenzione ed era in progetto la modifica ai tiranti del pilone crollato.

O sbaglio?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

In che anno siamo?

Credo il 2018.

Dal 2016 ad oggi sembra che siano stati fatti dei lavori di rinforzo e manutenzione ed era in progetto la modifica ai tiranti del pilone crollato.

O sbaglio?

E in  questi  tre  mesi  il  ministero del tontinelli era  pure  stato  avvisato del  pericolo  ma  era  una  favoletta  anche  questo  avviso...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Atto n. 4-05731

Pubblicato il 28 aprile 2016, nella seduta n. 618

ROSSI Maurizio - Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti. -

Premesso che:

la situazione viaria della città di Genova e del ponente ligure è da anni critica a causa della carenza di infrastrutture ferroviarie (è noto il binario unico in zona Andora) e autostradali;

queste carenze infrastrutturali comportano gravi criticità di traffico tanto che, in diversi orari di ogni giorno, il tratto Pegli-Genova risulta totalmente congestionato da mezzi privati in transito e commerciali sia in transito che in entrata ed uscita dal porto di Genova;

la soluzione è stata individuata, da oltre un decennio, nella costruzione della "gronda di Genova" che libererebbe dal traffico la viabilità autostradale intorno alla città alleggerendo tutto il traffico verso e dal ponente (lunedi 25 aprile, come anche tutte le domeniche estive, la coda in autostrada ha raggiunto i 50 chilometri);

l'obiettivo del sistema portuale Genova-Savona è di un forte incremento del traffico dei container, cosa che lascia presagire un ulteriore aumento di traffico su gomma, essendo pura utopia credere ad un traffico solo su ferro;

il turismo della regione, uno dei pochi dati positivi per la Liguria, necessita di collegamenti che migliorino e facilitino la mobilità dei turisti, oggi penalizzati sia su ferro che via autostrada;

l'attuale blocco dell'iter dei lavori per la costruzione della gronda di Genova deve trovare immediata soluzione;

l'iter amministrativo per la costruzione della gronda, oggi inspiegabilmente fermo, inizialmente era stato ben impostato. Infatti, sul tema si svolse un débat publique che all'epoca coinvolse la popolazione genovese. Questo istituto, utilizzato forse per la prima volta in Italia, fu accolto favorevolmente dalla città e consentì di "non far calare dall'alto" una scelta politica così importante e invasiva per la viabilità e per il territorio. Venne così deciso il tracciato dell'opera in modo condiviso;

durante le prime fasi dell'iter amministrativo dei lavori della gronda, risultava che la necessità finanziaria per i lavori fosse già nella disponibilità della società Autostrade, grazie ad aumenti tariffari concordati e subito applicati su tutto il territorio nazionale;

sembra che la società Autostrade abbia recentemente chiesto una proroga di 7 anni della sua concessione, legando la necessità di detta proroga proprio alla realizzazione della gronda di Genova;

considerato che:

il viadotto Polcevera dell'autostrada A10, chiamato ponte Morandi, è un'imponente realizzazione lunga 1.182 metri, costituita su 3 piloni in cemento armato che raggiungono i 90 metri di altezza che collega l'autostrada Genova-Milano al tratto Genova-Ventimiglia, attraversando la città sulla val Polcevera;

recentemente, il ponte è stato oggetto di un preoccupante cedimento dei giunti che hanno reso necessaria un'opera straordinaria di manutenzione senza la quale è concreto il rischio di una sua chiusura;

se non si predispone immediatamente una nuova strategia stradale di più ampio respiro del capoluogo ligure, i mancati lavori di realizzazione della gronda sommati alla possibile futura chiusura totale o parziale del ponte Morandi determinerebbero inevitabilmente il collasso dell'intero sistema viario genovese,

si chiede di sapere:

quali siano i motivi per i quali il necessario iter amministrativo per la costruzione della gronda di Genova è fermo da anni e quale sia il cronoprogramma fissato per proseguire celermente nell'opera;

a quanto ammontino le somme ad oggi percepite attraverso gli aumenti autostradali concordati all'epoca con società Autostrade;

se le disponibilità finanziarie, finalizzate alla costruzione della gronda di Genova e incassate in anticipo da società Autostrade, siano state utilizzate per altre finalità o se siano state accantonate per la realizzazione dell'opera;

se corrispondano al vero le notizie che società Autostrade avrebbe chiesto al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti una proroga della sua concessione a livello nazionale per 7 anni, adducendo come primaria motivazione proprio la necessità di costruire la gronda di Genova;

se corrisponda al vero che società Autostrade sostiene che la costruzione della gronda di Genova abbia un costo che la obbligherebbe, in mancanza di una proroga di 7 anni, ad aumentare le tariffe autostradali sul territorio nazionale del 30 per cento, mentre, ottenendo la proroga, potrebbe contenere l'aumento tariffario entro il 5 per cento;

se corrispondano al vero le notizie che il Governo abbia già chiesto una deroga in sede europea per l'eventuale gara da effettuare per l'assegnazione delle nuove concessioni autostradali, al fine di evitare di ricorrere proprio all'istituto della gara. Questo al fine di accogliere la richiesta di proroga della società Autostrade che è strettamente legata alla costruzione della gronda di Genova;

se non si ravvisi, prima di procedere con eventuali richieste di deroga, la necessità di fare il punto della situazione con gli enti locali del territorio ligure e la società Autostrade, al fine di evitare che i lavori della costruzione della gronda di Genova possano essere strumentalmente utilizzati al solo fine di ottenere un'ulteriore proroga di 7 anni su tutto il territorio nazionale. Infatti, l'eventuale proroga non tutelerebbe di certo dal rischio, poi, di non portare a compimento i lavori stabiliti, perché, senza le opportune garanzie, il concessionario potrebbe motivare la mancata realizzazione dell'opera con ipotetiche colpe imputabili alle amministrazioni locali. Cosa già accaduta in questi anni e che ha un fondo di assoluta verità;

quali garanzie di realizzazione dei lavori siano state presentate dalla società Autostrade anche in considerazione del fatto che, negli anni, le continue richieste di modifiche e inserimenti di nuovi tratti autostradali da parte degli enti locali liguri spesso sono state causa, motivo o alibi per il concessionario autostradale per non iniziare neppure l'opera principale;

stante la richiesta di proroga della concessione, se società Autostrade ritenga di mettere a norma di sicurezza, secondo gli standard europei, la rete autostradale ligure, con particolare riguardo proprio al tratto tra Voltri e Genova che comprende l'uscita per l'aeroporto e il ponte Morandi, ad oggi fuori dalle normative comunitarie così come altre parti delle autostrade liguri;

quale sia in dettaglio l'attuale situazione dei lavori di messa in sicurezza del ponte Morandi, quali siano gli interventi che ancora devono essere realizzati e se gli interventi saranno tali da comportare gravi disagi alla circolazione della città e quale sia la tempistica di fine lavori;

se corrisponda al vero che il ponte Morandi, viste le attuali condizioni di criticità, potrebbe venir chiuso almeno al traffico pesante, entro pochi anni, gettando la città nel totale caos.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

L'immagine può contenere: testo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

OOOOOOOOOOPS!

L'ASINO PISANO NON HA ANCORA RISPOSTO

Eppure la domanda è semplice.

Il somaro pisano sostiene il dl 59/2008 cancella la legge del governo Prodi che legava gli introiti all' obbligo di reinvestirli nell' ammodernamento e manutenzione delle autostrade.

Pertanto il somaro pisano mark525 non avrà difficoltà a rispondere alla domanda: dove leggiamo nel dl 59/2008 che viene cancellata la legge del governo Prodi che legava gli introiti all' obbligo di reinvestirli nell' ammodernamento e manutenzione delle autostrade?

Buona lunga opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

VAi a caga re idio ta . Hai già avuto le risposte : non sai né leggere né interpretare . Quindi recati a prendere tua sorella sui viali della stazione che e’ da ieri sera che ...rosica . Su , avviati idio ta !! 

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ecco quanto ragliato dal perissodattilo pisano mark525 nel post del 20 agosto 2018 (ore 02.50):

il decreto cancellò la legge del governo Prodi che legava gli introiti all' obbligo di reinvestirli nell' ammodernamento e manutenzione delle autostrade

Pertanto il somaro pisano mark525 non avrà difficoltà a rispondere alla domanda: dove leggiamo nel dl 59/2008 che viene cancellata la legge del governo Prodi che legava gli introiti all' obbligo di reinvestirli nell' ammodernamento e manutenzione delle autostrade?

Buona lunga opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

PS: quanto segna il contatore delle "figures made of shit" ?

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora