rekord!! gia' domani gli sfollati genovesi avranno la casa

Tempo di record. Domani alle 16 il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti con il sindaco di Genova Marco Bucci consegneranno già i primi alloggi agli sfollati del crollo di Ponte Morandi.

Si sono concluse le operazioni di ricerca, recupero e ricerca delle vittime del crollo del ponte Morandi di Genova. I vigili del fuoco continuano però ad operare tra le macerie del ponte per mettere in sicurezza l’area e bonificare le zone. Il premier Conte in un post su Facebook ricorda gli stanziamenti del governo e ribadisce: ‘il Governo è con Genova e con i genovesi e non solo a parole, ma con gesti concreti’.

Un governo che si da da fare.....vi ricordate i terremotati delle marche??? case?? ahahahah pe r *** chiedere lumi alla 91enne sig,.ra beppina!!!sta ancora aspettando le VALUTAZIONI ambientali!!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

9 messaggi in questa discussione

42 minuti fa, director12 ha scritto:

Tempo di record. Domani alle 16 il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti con il sindaco di Genova Marco Bucci consegneranno già i primi alloggi agli sfollati del crollo di Ponte Morandi.

i primi alloggi non significa che tutti gli sfollati genovesi avranno la casa da domani, signor director.

Essendo i primi alloggi (quanti sono signor director, questi primi alloggi?  10, 100, 650?) significa che nemmeno questi splendidi governi, regionale in generale e nazionale in particolare, hanno la bacchetta magica per risolvere il problema in tempo record.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
10 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

i primi alloggi non significa che tutti gli sfollati genovesi avranno la casa da domani, signor director.

Essendo i primi alloggi (quanti sono signor director, questi primi alloggi?  10, 100, 650?) significa che nemmeno questi splendidi governi, regionale in generale e nazionale in particolare, hanno la bacchetta magica per risolvere il problema in tempo record.

e gia'...voi con i terremotati siete rimasti ai conteiners anche dopo decine d'anni...per quello vi meravigliate.crollo il 14/8....15 festa....il 20 pronti ad insediarsi...magari un bravi..ci starebbe

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
14 minuti fa, director12 ha scritto:

e gia'...voi con i terremotati siete rimasti ai conteiners anche dopo decine d'anni...per quello vi meravigliate.crollo il 14/8....15 festa....il 20 pronti ad insediarsi...magari un bravi..ci starebbe

Appunto per questo signor director

glielo dico per esperienza. Ricorda l'Aquila nel 2009 ?

C'era un governo di dx. Mi sembra ci fosse pure la lega, si proprio quella dei 49 milioni, ecco, mi sembra di aver sentito dire, ma forse mi sbaglio, che la città è ancora piena di macerie e che le splendide casette, consegnate con ogni ben di Dio all'interno, si stanno rilevando piuttosto fatiscenti. 

Era di queste che voleva parlare sig. director?

Per la precisione, non sono passati decine di anni ma solo nove.

Se invece si riferisce a quello di Amatrice....correva l'anno 2016  e 2017.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
13 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Appunto per questo signor director

glielo dico per esperienza. Ricorda l'Aquila nel 2009 ?

C'era un governo di dx. Mi sembra ci fosse pure la lega, si proprio quella dei 49 milioni, ecco, mi sembra di aver sentito dire, ma forse mi sbaglio, che la città è ancora piena di macerie e che le splendide casette, consegnate con ogni ben di Dio all'interno, si stanno rilevando piuttosto fatiscenti. 

Era di queste che voleva parlare sig. director?

Per la precisione, non sono passati decine di anni ma solo nove.

Se invece si riferisce a quello di Amatrice....correva l'anno 2016  e 2017.

in questo frangente ci sono stati i governi renzi+gentiloni:

La casa dove la anziana signora abitava è danneggiata dal terremoto e risulta completamente inagibile: sarà da abbattere e ricostruire. Una situazione uguale a quella di  migliaia di altre persone affette dalle scosse del terremoto in centro Italia.

La famiglia di Peppina allora ha pensato, come moltissime altre famiglie che erano nelle condizioni di farlo, di costruire una casetta di legno, una abitazione sostitutiva, in uno spazio di propria proprietà, per ovviare ai disagi causati dall'abitazione resa inagibile. 

 

Peccato che questa abitazione sia abusiva, per due motivi: in primis vìola i vincoli ambientali (mancava solo un documento da consegnare, e la concesione edilizia sarebbe arrivata in tempi troppo lunghi) e supera in volumetria l’abitazione originaria, quella danneggiata dal terremoto.

Ma il problema non riguarda di certo la sola famiglia Fattori: sono un quarto, almeno, le casette costruita fai-da-te dai privati cittadini che risultano non a norma.

 

Per tutte queste casette improvvisate allora, ma di volumetria inferiore alle case originarie danneggiate a seguito delle scosse dell’anno scorso, ci sarà una sanatoria in arrivo dal Commissario Paola De Micheli, che consentirà di salvare sia gli immobili fissi, sia quelli amovibili. Quest'ultimi dovranno essere rimossi soltanto alla restituzione della casa originaria lesionata dal sisma. Solo nelle Marche se contano circa 250, un migliaio in complesso nelle Regioni all’interno del cratere.

Il decreto è stato chiamato “salva-casette” ed è stato spiegato sia su Repubblica che in varie edizione di testate e telegiornali nazionali.

 

Il problema della casetta fatta costruire dalle figlie di Peppina quindi rimane la volumetria, almeno per questo decreto. Il prezzo, inoltre, che loro sostengono di aver speso, si aggira sugli 80 mila euro, cifra non raggiungibile, pare da mercato, nelle Marche.

 

Ma se il problema della casa di Peppina a livello burocratico non è risolvibile sulla carta, il comune di Fiastra, nella persona del Sindaco Claudio Castelletti, si era schierato senza indugi dalla parte della famiglia Fattori, avanzando la proposta di una proroga ad personam per la  casetta: far restare la anziana signora nella soluzione abitativa fino al momento del suo decesso e solo successivamente la casa in legno sarebbe stata abbattuta.

 

Il comune di Fiastra aveva anche prorogato l’esecuzione dello sfratto, sempre per quel principio annunciato dal sindaco secondo cui: “In ogni caso, finita l’emergenza, sarebbe stata comunque demolita se l’***  non fosse stato sanato. Ma secondo me si sarebbe potuto risolvere tutto, anche pagando una penale, prima di mettere i sigilli e sfrattare una persona di 94 anni”.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, director12 ha scritto:

Tempo di record. Domani alle 16 il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti con il sindaco di Genova Marco Bucci consegneranno già i primi alloggi agli sfollati del crollo di Ponte Morandi.

Si sono concluse le operazioni di ricerca, recupero e ricerca delle vittime del crollo del ponte Morandi di Genova. I vigili del fuoco continuano però ad operare tra le macerie del ponte per mettere in sicurezza l’area e bonificare le zone. Il premier Conte in un post su Facebook ricorda gli stanziamenti del governo e ribadisce: ‘il Governo è con Genova e con i genovesi e non solo a parole, ma con gesti concreti’.

Un governo che si da da fare.....vi ricordate i terremotati delle marche??? case?? ahahahah pe r *** chiedere lumi alla 91enne sig,.ra beppina!!!sta ancora aspettando le VALUTAZIONI ambientali!!!!

Esprimi liberamente Kompagno. 

Secondo te la Iuvre vincerà lo scudetto anche quest'anno è potrà ambire alla conquista della Champion? Per cui, sempre secondo tem i tifosi delle altre squadre possono ambire a tifare per qualcosa o è tutto già deciso ed è inutile tifare?

Se ti va potresti fare, per esempio, un parallelo col Gpvdw (il Governo piu veloce del west).

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, director12 ha scritto:

in questo frangente ci sono stati i governi renzi+gentiloni:

La casa dove la anziana signora abitava è danneggiata dal terremoto e risulta completamente inagibile: sarà da abbattere e ricostruire. Una situazione uguale a quella di  migliaia di altre persone affette dalle scosse del terremoto in centro Italia.

La famiglia di Peppina allora ha pensato, come moltissime altre famiglie che erano nelle condizioni di farlo, di costruire una casetta di legno, una abitazione sostitutiva, in uno spazio di propria proprietà, per ovviare ai disagi causati dall'abitazione resa inagibile. 

 

Peccato che questa abitazione sia abusiva, per due motivi: in primis vìola i vincoli ambientali (mancava solo un documento da consegnare, e la concesione edilizia sarebbe arrivata in tempi troppo lunghi) e supera in volumetria l’abitazione originaria, quella danneggiata dal terremoto.

Ma il problema non riguarda di certo la sola famiglia Fattori: sono un quarto, almeno, le casette costruita fai-da-te dai privati cittadini che risultano non a norma.

 

Per tutte queste casette improvvisate allora, ma di volumetria inferiore alle case originarie danneggiate a seguito delle scosse dell’anno scorso, ci sarà una sanatoria in arrivo dal Commissario Paola De Micheli, che consentirà di salvare sia gli immobili fissi, sia quelli amovibili. Quest'ultimi dovranno essere rimossi soltanto alla restituzione della casa originaria lesionata dal sisma. Solo nelle Marche se contano circa 250, un migliaio in complesso nelle Regioni all’interno del cratere.

Il decreto è stato chiamato “salva-casette” ed è stato spiegato sia su Repubblica che in varie edizione di testate e telegiornali nazionali.

 

Il problema della casetta fatta costruire dalle figlie di Peppina quindi rimane la volumetria, almeno per questo decreto. Il prezzo, inoltre, che loro sostengono di aver speso, si aggira sugli 80 mila euro, cifra non raggiungibile, pare da mercato, nelle Marche.

 

Ma se il problema della casa di Peppina a livello burocratico non è risolvibile sulla carta, il comune di Fiastra, nella persona del Sindaco Claudio Castelletti, si era schierato senza indugi dalla parte della famiglia Fattori, avanzando la proposta di una proroga ad personam per la  casetta: far restare la anziana signora nella soluzione abitativa fino al momento del suo decesso e solo successivamente la casa in legno sarebbe stata abbattuta.

 

Il comune di Fiastra aveva anche prorogato l’esecuzione dello sfratto, sempre per quel principio annunciato dal sindaco secondo cui: “In ogni caso, finita l’emergenza, sarebbe stata comunque demolita se l’***  non fosse stato sanato. Ma secondo me si sarebbe potuto risolvere tutto, anche pagando una penale, prima di mettere i sigilli e sfrattare una persona di 94 anni”.

Mi perdoni Sig director, io volevo parlare di quello più vecchio quello con la lega e forza Italia al governo.

Lei ha parlato di una sola famiglia, che a quanto sembra non era neppure a corto ne di denaro ne di terreno.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Certo  alcune  famiglie    avranno le  case  ma  a  chi le  hanno  rubate ?  Perché  non  credo  che  il  governo  gialloverde  è riuscito  a  costruirle  in  meno  di tre  giorni....  ci  spieghi da  dove  saltano  fuori e  se  erano  libere  da  prima  perché  mai  non  sono   state   assegnate   prima  a   " PRIMA  GLI  ITAgLIANI "  ?

Modificato da pm610

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Rendere  anche  i 49  milioni  rubati  potrebbero  tornare  utili

L'immagine può contenere: 1 persona, con sorriso, testo

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora