febbre del nilo:a bologna 18 contagi

Sono 18 a Bologna e provincia le persone che da inizio luglio hanno contratto il virus della West Nile – trasmesso dalle zanzare del genere Culex – che sono state segnalate al dipartimento di Sanità Pubblica: lo rende noto l’Ausl. A queste persone si aggiungono 7 donatori di sangue “nei quali è stata riscontrata la presenza del virus ma senza presentare i sintomi della malattia”.

Attualmente sono ricoverate 6 persone, “4 presso il Policlinico di S. Orsola di cui 3 in miglioramento e 2 negli ospedali  l’attenzione è alta dopo i tre morti in due settimane nel Ferrarese e il decesso di un’anziana a Faenza, due giorni fa.

http://www.imolaoggi.it/2017/07/30/migranti-e-malattie-infettive-il-legame-ce-eccome-ma-non-si-puo-dire/

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

7 messaggi in questa discussione

La maledizione di tutankamon.

Causa immigrazione europea in Egitto e adiacenze.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

La maledizione di tutankamon.

Causa immigrazione europea in Egitto e adiacenze.

hai azzeccato il problema: difatti i l contagio è superiore alla media nazionale nelle cosiddette citta' dell'accoglienza

fattene incontro....ma un normale zampirone non basta

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non c'è rimedio alla maledizione di tutankamon.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Quindi ha ragione quel'ebe.te di grillo nel dire che i vaccini sono inutili, anzi quasi dannosi....meno male che i fasci sono con lui.......tra loro....xD

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, sempre135 ha scritto:

Quindi ha ragione quel'ebe.te di grillo nel dire che i vaccini sono inutili, anzi quasi dannosi....meno male che i fasci sono con lui.......tra loro....xD

mentre vaccinarsi per gli uccellacci è impossibile....occhio alla stagione venatoria in arrivo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Quindi hanno voglia i cosiddetti ‘esperti’ a dire che “non vi sarebbe alcuna relazione tra il grande flusso di immigrati africani che ha interessato il Nord Italia e la diffusione del virus africano della febbre del Nilo” che, invece, sarebbe favorita dal cambiamento climatico.

Il cambiamento climatico – bufala – può aumentare il proliferare di zanzare – il veicolo del virus – non certo il bacino di infetti che, comunque, da qualche parte deve arrivare. E non arriva certo per il ‘cambiamento climatico’.

Molti fanno notare la coincidenza tra l’area interessata dall’epidemia di febbre del Nilo nel Veneto e la zona – il Polesine e la zona Sud della provincia di Venezia, proprio quella di Cavarzere, dove si sono registrati vari casi – dove è presente la maggiore densità di profughi africani in Italia: lo chiamano il ‘triangolo dei profughi’. E dei virus.

Immigrazione e turismo non sono compatibile.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

mi perdoni signor director

le banane che provengono dall'Africa possiamo mangiarle o sono pericolose?

Lei quali mangia solitamente?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963