POCO FA TONINELLI DICEVA CHi HA SBAGLIATO PAGHI

Inviata (modificato)

Metta  mano  al  portafoglio  per  primo...  A parte   che  qualche   anno fa   sosteneva  che  quel  ponte  sarebbe     durato   altri  cento anni   pochi  giorni fa  però.. visto   che  loro  pensano  anche  alla  sicurezza   tolse   la    " GRONDA "  tra  le  opere  inutili 

Eppure il ministro delle Infrastrutture, pochi giorni fa, aveva inserito la Gronda che avrebbe dovuto alleggerire il traffico del ponte Morandi, tra i progetti da abbandonare.

https://goo.gl/wcPMAU

Modificato da pm610
2 persone è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

10 messaggi in questa discussione

ROMA - A qualche ora dal crollo del ponte Morandi di Genova, che ha causato oltre 35 vittime, è spuntato sui social un comunicato dei Comitati No Gronda del 2013. Nel testo, ospitato sul sito del Movimento 5 Stelle, venivano spiegati i motivi della contrarietà alla Gronda di Ponente, una bretella autostradale progettata a Genova. Poi, a un certo punto, il comunicato cita espressamente il ponte Morandi.

"Ci viene poi raccontata, a turno - si legge nel documento - la favoletta dell'imminente crollo del Ponte Morandi, come ha fatto per ultimo anche l'ex presidente della Provincia, il quale dimostra chiaramente di non avere letto la Relazione conclusiva del dibattito pubblico, presentata da Autostrade nel 2009. In tale relazione si legge infatti che il Ponte "...potrebbe star su altri cento anni" a fronte di "...una manutenzione ordinaria con costi standard" (queste considerazioni sono inoltre apparse anche più volte sul Bollettino degli Ingegneri di Genova)".

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
12 ore fa, pm610 ha scritto:

Metta  mano  al  portafoglio  per  primo...  A parte   che  qualche   anno fa   sosteneva  che  quel  ponte  sarebbe     durato   altri  cento anni   pochi  giorni fa  però.. visto   che  loro  pensano  anche  alla  sicurezza   tolse   la    " GRONDA "  tra  le  opere  inutili 

Eppure il ministro delle Infrastrutture, pochi giorni fa, aveva inserito la Gronda che avrebbe dovuto alleggerire il traffico del ponte Morandi, tra i progetti da abbandonare.

https://goo.gl/wcPMAU

Queste cose tragiche sono le cose che sembrano dare un pò di respiro all'indecenza di tipi come questo, che sembra meno preoccuparsi delle vittime, che non quello di dare la colpa a quelli che c'erano prima.....razza di cialtroni, anche la dx sembra dare tutta la colpa a chi c'era prima della raggi....alemagno escluso natuiralmente...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il M5S si era fidato delle ripetute  e formali assicurazioni del concessionario sulla sicurezza e sull'affidabilità dell'opera. Ma ora il concessionario, che da anni lucra profumatamente su migliaia di km di autostrade costruite con i soldi, con il lavoro e con il sangue degli italiani (74 operai morti solo nei cantieri dell'A1), DEVE PAGARE. Leggere attentamente:

http://www.repubblica.it/politica/2018/08/15/news/ponte_morandi_di_maio_multa_da_150_milioni_ritirare_concessione_autostrade_-204158561/?ref=RHPPTP-BH-I0-C12-P1-S1.12-T1

Naturalmente dalle parole bisogna passare ai fatti. Ma in questo caso dovremmo parlare di novità assoluta, di svolta epocale nella politica italiana. Imporre il principio di responsabilità: chi sbaglia paga. Rinazionalizzare le autostrade mal gestite dai privati. Musica per le mie orecchie! Ma non solo ai Benetton, anche a qualche altro concessionario staranno fischiando le orecchie. Scommetto che si è intossicato la vacanza a Villa Certosa.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
59 minuti fa, fosforo41 ha scritto:

Il M5S si era fidato delle ripetute  e formali assicurazioni del concessionario sulla sicurezza e sull'affidabilità dell'opera. Ma ora il concessionario, che da anni lucra profumatamente su migliaia di km di autostrade costruite con i soldi, con il lavoro e con il sangue degli italiani (74 operai morti solo nei cantieri dell'A1), DEVE PAGARE. Leggere attentamente:

http://www.repubblica.it/politica/2018/08/15/news/ponte_morandi_di_maio_multa_da_150_milioni_ritirare_concessione_autostrade_-204158561/?ref=RHPPTP-BH-I0-C12-P1-S1.12-T1

Naturalmente dalle parole bisogna passare ai fatti. Ma in questo caso dovremmo parlare di novità assoluta, di svolta epocale nella politica italiana. Imporre il principio di responsabilità: chi sbaglia paga. Rinazionalizzare le autostrade mal gestite dai privati. Musica per le mie orecchie! Ma non solo ai Benetton, anche a qualche altro concessionario staranno fischiando le orecchie. Scommetto che si è intossicato la vacanza a Villa Certosa.

già  si  fidava  di  quello a  cui  oggi  vogliono togliere  la  concessione e  multare   ma  erano  contro  la  sindaca   che  diceva  che  il ponte  era  un  pericolo e  che   c'era  bisogno di  una  alternativa  ma  che  vuoi era una  sindaca  del PIDDI...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Da questa tragedia, dopo le immancabili promesse di punire i responsabili, si ricomincerà a parlare di sicurezza.

I ministri manderanno le solite veline raccomandando a chi di competenza i controlli di tutti i ponti d'Italia.

La nota negativa, dopo i controlli, è che gli addetti ai lavori chiederanno soldi per le necessarie manutenzioni e consolidamenti.

La risposta sarà, qualsiasi partito sia al governo, "non c'è una lira":  e noi il primo gennaio dell'anno scopriremo che c'è stato un nuovo aumento delle tariffe autostradali.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, fosforo41 ha scritto:

Il M5S si era fidato delle ripetute  e formali assicurazioni del concessionario sulla sicurezza e sull'affidabilità dell'opera. Ma ora il concessionario, che da anni lucra profumatamente su migliaia di km di autostrade costruite con i soldi, con il lavoro e con il sangue degli italiani (74 operai morti solo nei cantieri dell'A1), DEVE PAGARE. Leggere attentamente:

http://www.repubblica.it/politica/2018/08/15/news/ponte_morandi_di_maio_multa_da_150_milioni_ritirare_concessione_autostrade_-204158561/?ref=RHPPTP-BH-I0-C12-P1-S1.12-T1

Naturalmente dalle parole bisogna passare ai fatti. Ma in questo caso dovremmo parlare di novità assoluta, di svolta epocale nella politica italiana. Imporre il principio di responsabilità: chi sbaglia paga. Rinazionalizzare le autostrade mal gestite dai privati. Musica per le mie orecchie! Ma non solo ai Benetton, anche a qualche altro concessionario staranno fischiando le orecchie. Scommetto che si è intossicato la vacanza a Villa Certosa.

Hai capito il Cazzaro ?? Avete capito che razza di idio ta sia ?? Avete capito che razza di concetto di giustizia ha questa specie di uomo ??  Ancora non e’ stata iniziata nessuna perizia , nessuna commissione di esperti ha nemmeno “abbozzato” ed ipotizzato alcunché , nessun fattore evidente e’ lì in prima vista , ma basta che due idio ti fuoricorso da Ingegneria , sentenzino già , non solo che la colpa e’ della concessionaria autostradale che gestisce l’autostrada , ma addirittura ne comminino la pena in 150.000 euro di sanzione più la revoca della concessione . Più o meno come accade in Venezuela con Maduro o come potrebbe accadere in Italia se sfortunatamente per noi questo governo durasse fino a Pasqua . Che idio ti !! Ed il Cazzaro saluta questa novità , credo anche sotto gli scroscianti applausi del popolo della rete social opportunamente ammaestrati dalla Casaleggio e C. , come di novità assoluta , di svolta epocale politica italiana . Mi fate ribrezzo !! Anzi no , mi fai schifo vecchio demente sconfitto dalla storia in tutto il mondo !! Pecoro impotente !! 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non  vi  è  permesso  lo sciacallaggio,  anche se  qualche  ministro lo  ha  già fatto,  sui fatti  di Genova. 

Smontiamo due bufale in un sol colpo:
1) Non è vero che i soldi destinati agli immigrati potevano e dovevano essere usati per fare la manutenzione del viadotto Morandi a Genova
2) Non è vero che il crollo del viadotto Morandi a Genova è colpa dell'Europa e dell'austerità
Per la semplice ragione che il viadotto Morandi era gestito ed è gestito da Atlantia, la consociata del gruppo Benetton che ha il controllo delle autostrade. Insomma era in regime di gestione privata, e si doveva occupare quest'ultima della manutenzione. I soldi per la manutenzione ce li doveva mettere un privato e non lo Stato.
Ora possiamo discutere quanto vogliamo se sia giusto o meno che le autostrade italiane siano private ma questi sono i fatti. Quindi se cercate un responsabile per questa tragedia, non sono gli immigrati né l'Europa ma è l'amministratore delegato della società Atlantia che non ha fatto abbastanza manutenzione e che non ha chiuso al traffico il viadotto. 
Quindi risparmiamoci le manfrine sovraniste, che sono inutili e anche stupide e superflue.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, pm610 ha scritto:

Non  vi  è  permesso  lo sciacallaggio,  anche se  qualche  ministro lo  ha  già fatto,  sui fatti  di Genova. 

Smontiamo due bufale in un sol colpo:
1) Non è vero che i soldi destinati agli immigrati potevano e dovevano essere usati per fare la manutenzione del viadotto Morandi a Genova
2) Non è vero che il crollo del viadotto Morandi a Genova è colpa dell'Europa e dell'austerità
Per la semplice ragione che il viadotto Morandi era gestito ed è gestito da Atlantia, la consociata del gruppo Benetton che ha il controllo delle autostrade. Insomma era in regime di gestione privata, e si doveva occupare quest'ultima della manutenzione. I soldi per la manutenzione ce li doveva mettere un privato e non lo Stato.
Ora possiamo discutere quanto vogliamo se sia giusto o meno che le autostrade italiane siano private ma questi sono i fatti. Quindi se cercate un responsabile per questa tragedia, non sono gli immigrati né l'Europa ma è l'amministratore delegato della società Atlantia che non ha fatto abbastanza manutenzione e che non ha chiuso al traffico il viadotto. P
Quindi risparmiamoci le manfrine sovraniste, che sono inutili e anche stupide e superflue.

Sono pienamente d'accordo sui punti 1 e 2. Aggiungo un paio di cose. 

I lavori della bretella alternativa osteggiata dai 5stelle dovevano partire nel 2019 e concludersi nel 2029. Inoltre si parlava per l'appunto di bretella alternativa e non sostitutiva. Il ponte Morandi sarebbe rimasto in uso. Insomma, adombrare una corresponsabilità dei 5stelle per i morti di Genova è fantasioso sciacallaggio politico. 

Se sarà confermato che è stato uno degli stralli a cedere e se è vero che una parte di questi stralli aveva già subito interventi di rinforzo per problemi di corrosione e perdita di tensione, allora sarà difficile per il gestore privato evitare una dura condanna per disastro colposo. Gli stralli andavano rinforzati tutti. 

Peraltro l'idea dell'ing. Morandi di realizzare un ponte strallato (ovvero un ponte sospeso i cui tiranti, detti stralli, sono ancorati direttamente ai piloni invece che a due cavi principali portanti come avviene nei ponti sospesi più comuni) all'epoca era ritenuta azzardata ma oggi non viene messa in discussione. All'epoca nel mondo c'erano pochissimi ponti strallati e Morandi fu un pioniere di questa tecnica che oggi si è affermata con successo. Oltre ad alcuni vantaggi strutturali, gli strallati hanno un effetto estetico notevole. Ricordo che tempo fa postai le immagini mozzafiato di un traversata in moto del ponte di Rio Antirio nel Peloponneso. Quello che oggi si contesta è la scelta di Morandi di realizzare gli stralli non con semplici funi (trefoli) in acciaio ma in calcestruzzo armato pretensionato. Una soluzione che presenta alcuni vantaggi ma anche alcune criticità, in primis inerenti alla durabilità, emerse dagli studi degli ultimi decenni.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

... caro Toninelli, affermazione giusta e doverosa ma di difficile attuazione qualsiasi colore politico sia al comando e la storia del paese ci offre anni di conferme.   cmq,  x il bene dell'ItaGlia e nn del suo partito, speriamo riuscita ardua impresa.

sentir dire no o giudicare inutili, lavori risolutivi gravi problemi di traffico (gronda a genova) x una regione con morfologia particolare, specie da elemento ke si presume conoscitore del suo territorio, suona come uno sproloquio.   purtroppo si rimandano al domani o settimana successiva pure manutenzioni quando urgenza incombente ed intelletto suggerivano eseguirle... ieri.

andiamo avanti coi "No" ed i "Poi"  osserverando il progressivo degrado, speriamo senza vittime,  di opere passate e tornando alla carozza a cavalli e biada x affrontare lunghi e tortuosi percorsi causa territori collinari e montagnosi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
45 minuti fa, fosforo41 ha scritto:

Sono pienamente d'accordo sui punti 1 e 2. Aggiungo un paio di cose. 

I lavori della bretella alternativa osteggiata dai 5stelle dovevano partire nel 2019 e concludersi nel 2029. Inoltre si parlava per l'appunto di bretella alternativa e non sostitutiva. Il ponte Morandi sarebbe rimasto in uso. Insomma, adombrare una corresponsabilità dei 5stelle per i morti di Genova è fantasioso sciacallaggio politico. 

Se sarà confermato che è stato uno degli stralli a cedere e se è vero che una parte di questi stralli aveva già subito interventi di rinforzo per problemi di corrosione e perdita di tensione, allora sarà difficile per il gestore privato evitare una dura condanna per disastro colposo. Gli stralli andavano rinforzati tutti. 

Peraltro l'idea dell'ing. Morandi di realizzare un ponte strallato (ovvero un ponte sospeso i cui tiranti, detti stralli, sono ancorati direttamente ai piloni invece che a due cavi principali portanti come avviene nei ponti sospesi più comuni) all'epoca era ritenuta azzardata ma oggi non viene messa in discussione. All'epoca nel mondo c'erano pochissimi ponti strallati e Morandi fu un pioniere di questa tecnica che oggi si è affermata con successo. Oltre ad alcuni vantaggi strutturali, gli strallati hanno un effetto estetico notevole. Ricordo che tempo fa postai le immagini mozzafiato di un traversata in moto del ponte di Rio Antirio nel Peloponneso. Quello che oggi si contesta è la scelta di Morandi di realizzare gli stralli non con semplici funi (trefoli) in acciaio ma in calcestruzzo armato pretensionato. Una soluzione che presenta alcuni vantaggi ma anche alcune criticità, in primis inerenti alla durabilità, emerse dagli studi degli ultimi decenni.

 

Cazzaro , nessuno accusa nessuno . Semmai sono stati i tuoi amici a 5 stelle a tentare di incolpare il PD. Poi si sono resi conto dall’ilarita’ della cosa ed hanno abbandonato . Toninelli, Di Maio e Grillo per anni hanno usato le relazioni tecniche di Autostrade per l'Italia (dove si sosteneva che quel ponte «... potrebbe star su altri 100 anni» a fronte di «... una manutenzione ordinaria con costi standard») per opporsi al progetto della Gronda.
Oggi Toninelli, Di Maio e Grillo ci dicono che Autostrade per l'Italia è responsabile del crollo. 
Sarà sicuramente così... ma se queste son le loro fonti sulle quali basano la loro proposta politica siamo messi male . Capito  Cazzaro ?? 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora