rifiutano soccorso:stiamo andando in italia

Un barchino con 11 clandestini, tutti di nazionalità tunisina, ha incontrato ieri lungo la sua rotta, in zona Search and Rescue maltese, l’Aquarius, la nave dei trafficanti umanitari di SOS Mediterranée e Medici senza Frontiere che ha già a bordo 141 clandestini recuperati in acque libiche il 10 agosto scorso.


Gli occupanti dell’imbarcazione, avvicinati dalle lance dell’Aquarius, che appena vendono una barca si lanciano come avvoltoi, hanno rifiutato di essere soccorsi e hanno proseguito il loro viaggio verso l’Italia.

“Questa mattina, mentre facevamo rotta verso nord, siamo stati informati dal JRCC di Tripoli (il centro di coordinamento libico per le operazioni di ricerca e soccorso, ndr) di un’imbarcazione in difficoltà che si recava a nord”, dice Aloys Vimard, coordinatore di MSF a bordo dell’Aquarius. “Abbiamo quindi alterato la nostra corsa e li abbiamo trovati nel pomeriggio”.

“Le nostre lance si sono avvicinate per verificare la situazione e per stabilizzarla”, dice il coordinatore di Medici senza Frontiere. “Abbiamo distribuito i salvagenti”. Le persone a bordo erano nervose. “Stavano andando a Lampedusa e non volevano essere salvati. Abbiamo dato loro cibo e acqua e il team medico ha constatato che non c’erano casi clinici”.li ci aspettano Hotel,telefonini,belle pollastrelle bianche!!

Insomma, hanno facilitato il loro viaggio verso l’Italia rifornendoli. Non è favoreggiamento dell’immigrazione clandestina?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

3 messaggi in questa discussione

E chi è che ci deve pensare?....state ancora cazz..egg..iando come se al Gov. ci fossero altri, ma adesso ci siete voi con il baldo salvi, e allora.....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, sempre135 ha scritto:

E chi è che ci deve pensare?....state ancora cazz..egg..iando come se al Gov. ci fossero altri, ma adesso ci siete voi con il baldo salvi, e allora.....

allora non attraccano!! ahahahahaha

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
9 ore fa, director12 ha scritto:

Un barchino con 11 clandestini, tutti di nazionalità tunisina, ha incontrato ieri lungo la sua rotta, in zona Search and Rescue maltese, l’Aquarius, la nave dei trafficanti umanitari di SOS Mediterranée e Medici senza Frontiere che ha già a bordo 141 clandestini recuperati in acque libiche il 10 agosto scorso.


Gli occupanti dell’imbarcazione, avvicinati dalle lance dell’Aquarius, che appena vendono una barca si lanciano come avvoltoi, hanno rifiutato di essere soccorsi e hanno proseguito il loro viaggio verso l’Italia.

“Questa mattina, mentre facevamo rotta verso nord, siamo stati informati dal JRCC di Tripoli (il centro di coordinamento libico per le operazioni di ricerca e soccorso, ndr) di un’imbarcazione in difficoltà che si recava a nord”, dice Aloys Vimard, coordinatore di MSF a bordo dell’Aquarius. “Abbiamo quindi alterato la nostra corsa e li abbiamo trovati nel pomeriggio”.

“Le nostre lance si sono avvicinate per verificare la situazione e per stabilizzarla”, dice il coordinatore di Medici senza Frontiere. “Abbiamo distribuito i salvagenti”. Le persone a bordo erano nervose. “Stavano andando a Lampedusa e non volevano essere salvati. Abbiamo dato loro cibo e acqua e il team medico ha constatato che non c’erano casi clinici”.li ci aspettano Hotel,telefonini,belle pollastrelle bianche!!

Insomma, hanno facilitato il loro viaggio verso l’Italia rifornendoli. Non è favoreggiamento dell’immigrazione clandestina?

ha cominciato a scrivere barzellette signor director?

Guardi che nel web ce ne sono di migliori.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963