sono profughi e quindi esigono sky per vedere le partite di calcio

Vicenza – “I clandestini presunti profughi di Vicenza che protestano in Questura perché pretendono di avere SKY per vedere le partite di calcio, meritano di tornare in Africa di corsa. Questi personaggi, tutti richiedenti asilo politico da anni (alcuni hanno persino presentato ricorso in tribunale dopo che la loro domanda è stata bocciata), devono capire che la pacchia è veramente finita e che possono tranquillamente tornare a casa loro senza nessuna possibilità di rimettere piede in Italia”.

Lo dichiara l’europarlamentare vicentina Mara Bizzotto, capogruppo della Lega al Parlamento Europeo.

“Altro che proteste e manifestazioni: questa gente, che è mantenuta dallo Stato con colazione, pranzo e cena gratis, che non lavora e che passa le giornate a bighellonare, va rimpatriata il prima possibile – continua l’eurodeputata Bizzotto – Si è mai visto al mondo che chi scappa veramente dalla guerra protesti perché non vede le partite di calcio su Sky? Siamo seri: le sceneggiate di questi falsi profughi di Vicenza sono l’ennesima presa in giro verso milioni di italiani in difficoltà che non sanno come arrivare alla fine del mese e che mai si sognerebbero di protestare per avere l’abbonamento a Sky”

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

12 messaggi in questa discussione

15 minuti fa, director12 ha scritto:

Vicenza – “I clandestini presunti profughi di Vicenza che protestano in Questura perché pretendono di avere SKY per vedere le partite di calcio, meritano di tornare in Africa di corsa. Questi personaggi, tutti richiedenti asilo politico da anni (alcuni hanno persino presentato ricorso in tribunale dopo che la loro domanda è stata bocciata), devono capire che la pacchia è veramente finita e che possono tranquillamente tornare a casa loro senza nessuna possibilità di rimettere piede in Italia”.

Lo dichiara l’europarlamentare vicentina Mara Bizzotto, capogruppo della Lega al Parlamento Europeo.

“Altro che proteste e manifestazioni: questa gente, che è mantenuta dallo Stato con colazione, pranzo e cena gratis, che non lavora e che passa le giornate a bighellonare, va rimpatriata il prima possibile – continua l’eurodeputata Bizzotto – Si è mai visto al mondo che chi scappa veramente dalla guerra protesti perché non vede le partite di calcio su Sky? Siamo seri: le sceneggiate di questi falsi profughi di Vicenza sono l’ennesima presa in giro verso milioni di italiani in difficoltà che non sanno come arrivare alla fine del mese e che mai si sognerebbero di protestare per avere l’abbonamento a Sky”

Oh , ma sei di coccio eh !! Colazione , pranzo e cena gli spettano di diritto  fronte dei 35 euro che la UE paga per il loro sostentamento . Nei 35 euro sono compresi 3 euro di telefonate giornaliere che , se non vengono effettuate si accumulano  .  Faccio un esempio uso decerebrati padani : se non telefono a casa per 10 gg , ho diritto a 30 euro di telefonate . Ci siamo , analfabeta ?? Gli spettano pure ore “ludiche “ quindi anche la Tv. E se possono vedere le partite di calcio , a te , cosa interessa ?? Sono regole stabilite altro che privilegi !! Siamo d’accordo Machoman ?? 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

l’europarlamentare vicentina Mara Bizzotto, capogruppo della Lega al Parlamento Europeo, è una cara ragazza, che invece di lamentarsi che i "presunti?" profughi chiedono sky per vedere le partite di calcio, dovrebbe impegnarsi a far lavorare questi profughi a beneficio delle amministrazioni comunali che li ospitano, con la motivazione che il rispetto e l'aiuto che diamo loro deve avere un corrispettivo.

Quando avranno liberato le strade dalle erbacce e dalle immondizie del comune che li ospita, avranno anche la possibilità di guardare la TV che ci siano o meno le partite di calcio.

Chiedo troppo signor director? Sono troppo buonista?

 

P.S. Scommettiamo che insorgeranno quegli italiani che sono senza lavoro e magari sono pure verdi?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
31 minuti fa, mark222220 ha scritto:

Oh , ma sei di coccio eh !! Colazione , pranzo e cena gli spettano di diritto  fronte dei 35 euro che la UE paga per il loro sostentamento . Nei 35 euro sono compresi 3 euro di telefonate giornaliere che , se non vengono effettuate si accumulano  .  Faccio un esempio uso decerebrati padani : se non telefono a casa per 10 gg , ho diritto a 30 euro di telefonate . Ci siamo , analfabeta ?? Gli spettano pure ore “ludiche “ quindi anche la Tv. E se possono vedere le partite di calcio , a te , cosa interessa ?? Sono regole stabilite altro che privilegi !! Siamo d’accordo Machoman ?? 

ahooo...anvedi questo.....snocciola i diritti dei finti profughi come fosse un rosario...ma scusa.pissano...chi li ha fatti questi pseudo diritti? voi benpensanti delle sinistre...con i soldi della UE?? magari!! con i soldi delle nostre tasse!! vai nei loro paesi...zimbawe,congo..etc.etc..a vedere se ti danno 3 euro giornalieri di telefonate che si accumolano!! te le danno,si nel ku@@!! e poi,vallo araccontare a qualche pir8 delle tue parti che con tre euro /gg. stanno con lo smartphone tuttoi l giorno!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
14 minuti fa, director12 ha scritto:

ahooo...anvedi questo.....snocciola i diritti dei finti profughi come fosse un rosario...ma scusa.pissano...chi li ha fatti questi pseudo diritti? voi benpensanti delle sinistre...con i soldi della UE?? magari!! con i soldi delle nostre tasse!! vai nei loro paesi...zimbawe,congo..etc.etc..a vedere se ti danno 3 euro giornalieri di telefonate che si accumolano!! te le danno,si nel ku@@!! e poi,vallo araccontare a qualche pir8 delle tue parti che con tre euro /gg. stanno con lo smartphone tuttoi l giorno!!!

Chi lo stabilisce ?? La carta dei diritti dell’Unione Europea firmata a Nizza . Ma cosa lo dico a fare ad un idio ta padano come te trascorrente le domeniche pomeriggio in un qualsiasi centro commerciale brianzolo .  ( lo dicesti te quando ti chiamavi Machoman nell’altro forum ). 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
14 minuti fa, mark222220 ha scritto:

Chi lo stabilisce ?? La carta dei diritti dell’Unione Europea firmata a Nizza . Ma cosa lo dico a fare ad un idio ta padano come te trascorrente le domeniche pomeriggio in un qualsiasi centro commerciale brianzolo .  ( lo dicesti te quando ti chiamavi Machoman nell’altro forum ). 

la carta dei  diritti? ah si..quella che sono NOI furbi italiani abbiamo raccolta alla lettera!! ma vedi,pissano,fore tu e i tuo iadepti non ve ne siete accori,in quanto vivete su latri sistemi solari..ma le cose ,da un paio di mesi in italia SONO CAMBIATE!!!! fattene na' raggione!!

amb...cilleeee dogc....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

7 minuti fa, director12 ha scritto:

la carta dei  diritti? ah si..quella che sono NOI furbi italiani abbiamo raccolta alla lettera!! ma vedi,pissano,fore tu e i tuo iadepti non ve ne siete accori,in quanto vivete su latri sistemi solari..ma le cose ,da un paio di mesi in italia SONO CAMBIATE!!!! fattene na' raggione!!

amb...cilleeee dogc....

Se il mondo fosse giusto , uno come te , doveva nascere albero ...!! Di quelli dove i cani vanno a pisciare. Ma che cose cambiate !! Ahahahahaha. 

Modificato da mark222220

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
30 minuti fa, mark222220 ha scritto:

Se il mondo fosse giusto , uno come te , doveva nascere albero ...!! Di quelli dove i cani vanno a pisciare. Ma che cose cambiate !! Ahahahahaha. 

SKY-672x372.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 9/8/2018 in 17:04 , director12 ha scritto:

Vicenza – “I clandestini presunti profughi di Vicenza che protestano in Questura perché pretendono di avere SKY per vedere le partite di calcio, meritano di tornare in Africa di corsa. Questi personaggi, tutti richiedenti asilo politico da anni (alcuni hanno persino presentato ricorso in tribunale dopo che la loro domanda è stata bocciata), devono capire che la pacchia è veramente finita e che possono tranquillamente tornare a casa loro senza nessuna possibilità di rimettere piede in Italia”.

Lo dichiara l’europarlamentare vicentina Mara Bizzotto, capogruppo della Lega al Parlamento Europeo.

“Altro che proteste e manifestazioni: questa gente, che è mantenuta dallo Stato con colazione, pranzo e cena gratis, che non lavora e che passa le giornate a bighellonare, va rimpatriata il prima possibile – continua l’eurodeputata Bizzotto – Si è mai visto al mondo che chi scappa veramente dalla guerra protesti perché non vede le partite di calcio su Sky? Siamo seri: le sceneggiate di questi falsi profughi di Vicenza sono l’ennesima presa in giro verso milioni di italiani in difficoltà che non sanno come arrivare alla fine del mese e che mai si sognerebbero di protestare per avere l’abbonamento a Sky”

Ahahahahah , Machoman ...?? Ahahahahaha 

 
 
 

"I migranti vogliono Sky". Ma la questura nega tutto

 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
10 Agosto 2018

A Vicenza si diffonde la notizia della richiesta dei migranti. Ma la questura smentisce: "Mai successo"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

41 minuti fa, mark222220 ha scritto:

Ahahahahah , Machoman ...?? Ahahahahaha 

 
 
 

"I migranti vogliono Sky". Ma la questura nega tutto

 

Patetici sinistrasti al servizietto della disinformazione. Ieri la notizia dei fancazzisti che esigono Sky (e l’aria condizionata) ha fatto il giro d’Italia.

Subito la macchina della contro-propaganda si è messa in moto per gridare, come al solito, alla fake news.

Uno di questo è il giornalista di Repubblica Butera, già noto per la sua collaborazione con le ong – quindi quelle che i fanatici di Sky li hanno traghettati – che sotto falso nome su facebook ha preteso di smentire la notizia.

Svergognato da Francesca Totolo:

37019326_949106808594999_564584388622915
Francesca Totolo
10 ore fa
38780984_10160691142970364_2673040791508

Chi è questo personaggio che ha cercato di smentire gli articoli sui migranti sulla vicenda della richiesta dell'abbonamento a Sky Calcio (tra i quali quello di uno dei migliori giornalisti italiani Fausto Biloslavo, che da professionista prima di pubblicare l'articolo ha chiesto conferma in Procura)?

Guardando la bio, non è difficile capire che dietro a questo pseudonimo si nasconda Fabio Butera di la Repubblica, che lo scorso giugno era a bordo della Sea-Watch (a cui i Magistrati di Reggio Calabria hanno sequestrato i materiali audio video).

Pha Bioh occhio all'estensione del tuo account Facebook e non è molto furbo condividere i tuoi post sul tuo account vero di Twitter (immagine nel primo commento).

38780984_10160691142970364_2673040791508615168_n.jpg
67
13
19
Modificato da director12

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, director12 ha scritto:

Patetici sinistrasti al servizietto della disinformazione. Ieri la notizia dei fancazzisti che esigono Sky (e l’aria condizionata) ha fatto il giro d’Italia.

Subito la macchina della contro-propaganda si è messa in moto per gridare, come al solito, alla fake news.

Uno di questo è il giornalista di Repubblica Butera, già noto per la sua collaborazione con le ong – quindi quelle che i fanatici di Sky li hanno traghettati – che sotto falso nome su facebook ha preteso di smentire la notizia.

Svergognato da Francesca Totolo:

37019326_949106808594999_564584388622915
Francesca Totolo
10 ore fa
38780984_10160691142970364_2673040791508

Chi è questo personaggio che ha cercato di smentire gli articoli sui migranti sulla vicenda della richiesta dell'abbonamento a Sky Calcio (tra i quali quello di uno dei migliori giornalisti italiani Fausto Biloslavo, che da professionista prima di pubblicare l'articolo ha chiesto conferma in Procura)?

Guardando la bio, non è difficile capire che dietro a questo pseudonimo si nasconda Fabio Butera di la Repubblica, che lo scorso giugno era a bordo della Sea-Watch (a cui i Magistrati di Reggio Calabria hanno sequestrato i materiali audio video).

Pha Bioh occhio all'estensione del tuo account Facebook e non è molto furbo condividere i tuoi post sul tuo account vero di Twitter (immagine nel primo commento).

38780984_10160691142970364_2673040791508615168_n.jpg
67
13
19

Ehehehe , che fai idio ta , mandi mezza pagina ?? Ahahahahaha , sei proprio un idio ta 

Giornale di Vicenza

Anche sul cartaceo alla notizia viene riservato notevole spazio e l’articolo viene messo in risalto in prima pagina. La protesta dei profughi: «La nostra tv è senza Sky»; un titolo che non lascia dubbi e anche i contenuti non lasciano margini a supposizioni. 

Giornale di Vicenza

Il testo di Gonzano è scarno, con alcune righe di cronaca e privo di commenti. Il testo fa riferimento al fatto che la protesta risalirebbe al lunedì precedente (6 agosto), i richiedenti asilo sarebbero una ventina, ospitati  al centro culturale San Paolo in via Carducci, gestito dalla cooperativa Cosep. A presentarsi ai cancelli di viale Mazzini, attorno alle 14, un gruppo formato soprattutto da giovani di nazionalità nigeriana. C’è inoltre un riferimento più preciso alle motivazioni delle proteste: «vogliono Sky per potersi guardare il campionato di calcio» e «hanno inoltre detto di essere stanchi di mangiare sempre le stesse cose, hanno chiesto di avere l’aria condizionata e di ottenere la carta d’identità». 

La notizia viene ripresa da i principali giornali regionali e nazionali, scatenando l’ormai solito corollario dihate speech a sfondo razzista che da anni riempie i social network nei commenti a notizie del genere. Non solo, la notizia scatena anche reazioni istituzionali. Secondo quanto riportato dal Corriere del Veneto, l’eurodeputata Mara Bizzotto (capogruppo della Lega a Bruxelles) afferma: «Meritano di tornare in Africa di corsa». Immancabile anche l’apostrofo dell’assessore regionale al Lavoro Elena Donazzan: «Se ho un auspicio in questo governo è che cambi radicalmente la gestione di questa gente, rimandandola a casa». 

La vicenda non convince a pieno Fabio Butera, giornalista free lance che collabora con Le iene e La Repubblica. Questi, grazie ad alcune verifiche, scopre subito che si tratta di una notizia quantomeno non verificata. Il suo post su facebook diventa virale e viene anche ripreso da alcuni quotidiani online (qui gli articoli di VicenzaPiù e NextQuotidiano).

Queste le parole usate da Butera, che su Facebook usa il nick name di Pha Bioh: «Siccome non ho un *** da fare, dopo aver letto questa notizia ho chiamato la Questura di Vicenza per avere *** sulla vicenda presentandomi come giornalista. Il responsabile comunicazione della Questura mi ha fatto sapere che il Questore non è a conoscenza delle istanze dei richiedenti asilo durante la manifestazione dell'altro giorno consigliando di rivolgermi alla Prefettura. E così ho fatto. La Prefettura di Vicenza mi ha detto che le richieste rappresentate dai richiedenti asilo tramite la Cooperativa sono relative alle iscrizioni anagrafiche, ovvero ai certificati di residenza. E che a loro non risulta nessuna richiesta in merito ad abbonamento Sky: 'Lo abbiamo letto sul giornale anche noi' dice il vice-capogabinetto che si è occupato della questione. Allora ho pensato di sentire il collega del Giornale di Vicenza che ha scritto l'articolo, il quale mi ha detto di avere una sua fonte che non può rivelare. Alla domanda se si fosse premurato di sentire anche i protagonisti della vicenda (I richiedenti asilo) mi ha detto che non c'è stato tempo».

Contattato telefonicamente dalla nostra redazione, il giornalista ci conferma di avere impiegato davvero poco tempo nello smontare la notizia. «Non so se si tratti di una fake news o meno, perché potrebbe anche essere vero che alcuni dei migranti volessero Sky o l’aria condizionata» dice Fabio, che prosegue: «quello che lascia molto perplessi in questa storia è che il giornalista in questione non abbia interpellato i richiedenti asilo, cioè i diretti interessati, cosa che probabilmente avrebbe fatto se la “soffiata” avesse riguardato qualsiasi altra categoria di persone».

Premesso che, a nostro avviso, sarebbe stata assolutamente legittima la protesta per qualsiasi cosa riguardi il miglioramento delle condizioni di vita, bisogni o desideri che siano, dalle parole di Fabio Butera emerge un modus operandi che sempre più spesso coinvolge il giornalismo mainstream su temi che riguardano i migranti. 

Episodi di questo tipo sono sempre più frequenti perché l’informazione è protagonista indiscussa di quel processo di razzializzazione che investe a pieno la nostra società. Una fabbrica di odio razziale funzionale a chi sta edificando, soprattutto nel vecchio “Occidente”, nuovi modelli di potere fondati sul white power

Come testata indipendente rivendichiamo ancora di più un ruolo di contrapposizione frontale a questo tipo di narrazioni, destabilizzandole nel proprio fondamento e nella propria funzione.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

NOTA   COME   BUFALA    ma  il digeritore  maldestro  diretoinreto  continua   a  pubblicare   ma  meglio   farli  notare  che   potrebbe  essere  inquisito   per  diffusione  di  notizie   false.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora