Caro Salvini

Salvini, a quando la seconda marcia su Roma ? Conte e Di Maio te li pappi come fu per Luigi Facta a suo tempo. Le squadracce di Casa Pound sono pronte, gli sparatori dei neri ci sono, si tratta solo di organizzare quache campo con filo spinato e le torrette di guardia. Cosa aspetti ?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

9 messaggi in questa discussione

Non sopravvalutare Salvini e non sottovalutare Di Maio e il presidente del Consiglio. La base dell'attuale Lega è estremamente liquida. Ci sono nuovi potenziali elettori, anche al Centrosud, che vedono in Salvini il Renzi del 2014 (cioè l'uomo solo al comando: a questi elettori dell'ideologia freguntubo), ma è un consenso che poggia su fil di lama. Mentre ti posso assicurare che nello zoccolo duro della vecchia Lega ci sono molti che lo votano per ragioni di bandiera mentre in realtà lo detestano. D'altronde il personaggio ha i suoi limiti, ben noti. É un abile arruffapopolo, più abile di Renzi che è più colto e forse anche più intelligente ma che ha seri problemi con il suo ego, i quali lo hanno ridotto a uno dei politici più antipatici di tutti i tempi. Salvini riesce ancora ad apparire spontaneo (ma non lo è, tra i leader politici solo i grandi statisti lo sono) però non ha cultura né capacità di governo. Nemmeno Berlusconi e Renzi le avevano, ma almeno avevano l'esperienza di capo di azienda e di sindaco di Firenze rispettivamente. Non c'è le ha nemmeno Di Maio, che però non è egocentrico, lavora di squadra (come Conte e nello spirito del Movimento) e soprattutto ha solo 32 anni, un'età in cui si può ancora imparare e crescere. Salvini ha 45 anni, è in politica da 25 e guida il partito più vecchio attualmente in campo, nonostante il recente restyling da secessionista a nazionalista-sovranista, avvenuto peraltro quasi di nascosto. All'opposizione poteva durare altri 25 anni, al governo non so. Tieni conto che i 5 Stelle alle elezioni politiche hanno preso sempre molti più voti di quelli previsti dai sondaggi. E tieni conto che questa è l'ultima legislatura per Di Maio che ce la metterà tutta per lasciare un buon ricordo. Nella prossima sarà sostituito da uno che, umilmente e intelligentemente, ha preferito fermarsi per studiare e imparare, ma che già oggi, te lo assicuro al 100%, potrebbe mettere tutti i suddetti personaggi in un bicchiere, girare il cucchiaino e berseli. Tieni infine conto che a destra oltre Salvini c'è il nulla, mentre a sinistra c'è un gran fermento che parte dal basso e dal Sud. Per ora è ancora poco appariscente, ma ti assicuro che c'è e l'Italia se ne accorgerà presto, forse già alle prossime Europee. Mi riferisco naturalmente a PaP (che nei sondaggi ha già sorpassato LeU e ora ha nel mirino il Pd) e a DemA, il movimento comunitarista del sindaco di Napoli, un trascinatore dalle idee forti e dalla personalità straripante. Prevedo per le prossime elezioni politiche una bellissima e durissima sfida a quattro: Matteo Salvini, Alessandro Di Battista, Viola Carofalo (o Anna Falcone o Tomaso Montanari al suo posto o al suo fianco), Luigi de Magistris. Con i secondi due che potrebbero coalizzarsi contro i primi due. Ci sarà finalmente da divertirsi. 

Saluti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, borneo39 ha scritto:

Salvini, a quando la seconda marcia su Roma ? Conte e Di Maio te li pappi come fu per Luigi Facta a suo tempo. Le squadracce di Casa Pound sono pronte, gli sparatori dei neri ci sono, si tratta solo di organizzare quache campo con filo spinato e le torrette di guardia. Cosa aspetti ?

CAMPO CON FINO SPINATO E LE TORRETTE DI GUARDIA

Guardi che esestono già si chiamano "campo di detenzione" volgarmente detto carcere.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Erdogan già le usa.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
38 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Erdogan già le usa.

Anche   i  Libici  mentre   Putin beh risolve   in  altro  modo  vedi  le  vicende   dei  giornalisti a  lui  sgraditi e qualche  oppositore  messo  in galera  un  attimo  prima  delle  elezioni.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, pm610 ha scritto:

Anche   i  Libici  mentre   Putin beh risolve   in  altro  modo  vedi  le  vicende   dei  giornalisti a  lui  sgraditi e qualche  oppositore  messo  in galera  un  attimo  prima  delle  elezioni.

i trascorsi del comunismo che possiamo ancora considerare d'attualita'..ma voi lurididisx,pensate ad altro:avete mai fatto una commemorazione per le vittime del comunismo????

Stalin (assieme a Mao) è senza dubbio il più grande criminale della Storia. E' stato a capo dell'Unione Sovietica dal 1924 a 1953 anno della sua morte. Ha governato con estrema durezza, sulle orme tracciate del suo predecessore Lenin. Stalin ha utilizzato qualsiasi metodo nel perseguire i suoi scopi: non ha avuto scrupoli nel servirsi di omicidi politici, di processi farsa, e nell'ordinare la deportazione di milioni di persone. Stalin è arrivato al punto di favorire e indurre l'insorgere di ha indotto carestie per avere la meglio sui contadini ucraini.

Stalin ha deliberatamente sterminato milioni di persone per i solo fatto di appartenere a un gruppo sociale o a una etnia considerata ostile al regime comunista [Holodomor - genocidio ucraino]. Sotto il suo regime si è vissuto un vero e proprio terrore: bastava una parola o uno sguardo per essere accusati (e condannati, ovviamente) di attività anticomunista. Un enorme apparato di polizia politica incombeva in ogni ambito della società e poteva contare uno spropositato numero di delatori. Tutti erano incoraggiati alla delazione, che veniva premiata. La mancata delazione era considerata un crimine.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa, fosforo41 ha scritto:

Non sopravvalutare Salvini e non sottovalutare Di Maio e il presidente del Consiglio. La base dell'attuale Lega è estremamente liquida. Ci sono nuovi potenziali elettori, anche al Centrosud, che vedono in Salvini il Renzi del 2014 (cioè l'uomo solo al comando: a questi elettori dell'ideologia freguntubo), ma è un consenso che poggia su fil di lama. Mentre ti posso assicurare che nello zoccolo duro della vecchia Lega ci sono molti che lo votano per ragioni di bandiera mentre in realtà lo detestano. D'altronde il personaggio ha i suoi limiti, ben noti. É un abile arruffapopolo, più abile di Renzi che è più colto e forse anche più intelligente ma che ha seri problemi con il suo ego, i quali lo hanno ridotto a uno dei politici più antipatici di tutti i tempi. Salvini riesce ancora ad apparire spontaneo (ma non lo è, tra i leader politici solo i grandi statisti lo sono) però non ha cultura né capacità di governo. Nemmeno Berlusconi e Renzi le avevano, ma almeno avevano l'esperienza di capo di azienda e di sindaco di Firenze rispettivamente. Non c'è le ha nemmeno Di Maio, che però non è egocentrico, lavora di squadra (come Conte e nello spirito del Movimento) e soprattutto ha solo 32 anni, un'età in cui si può ancora imparare e crescere. Salvini ha 45 anni, è in politica da 25 e guida il partito più vecchio attualmente in campo, nonostante il recente restyling da secessionista a nazionalista-sovranista, avvenuto peraltro quasi di nascosto. All'opposizione poteva durare altri 25 anni, al governo non so. Tieni conto che i 5 Stelle alle elezioni politiche hanno preso sempre molti più voti di quelli previsti dai sondaggi. E tieni conto che questa è l'ultima legislatura per Di Maio che ce la metterà tutta per lasciare un buon ricordo. Nella prossima sarà sostituito da uno che, umilmente e intelligentemente, ha preferito fermarsi per studiare e imparare, ma che già oggi, te lo assicuro al 100%, potrebbe mettere tutti i suddetti personaggi in un bicchiere, girare il cucchiaino e berseli. Tieni infine conto che a destra oltre Salvini c'è il nulla, mentre a sinistra c'è un gran fermento che parte dal basso e dal Sud. Per ora è ancora poco appariscente, ma ti assicuro che c'è e l'Italia se ne accorgerà presto, forse già alle prossime Europee. Mi riferisco naturalmente a PaP (che nei sondaggi ha già sorpassato LeU e ora ha nel mirino il Pd) e a DemA, il movimento comunitarista del sindaco di Napoli, un trascinatore dalle idee forti e dalla personalità straripante. Prevedo per le prossime elezioni politiche una bellissima e durissima sfida a quattro: Matteo Salvini, Alessandro Di Battista, Viola Carofalo (o Anna Falcone o Tomaso Montanari al suo posto o al suo fianco), Luigi de Magistris. Con i secondi due che potrebbero coalizzarsi contro i primi due. Ci sarà finalmente da divertirsi. 

Saluti

Fermate questo Cazzaro prima che , oltre a se stesso, faccia del male anche alla sua famiglia !! Sempreche’ , nel frattempo,  non lo abbiano abbandonato al suo destino di idio ta allo stadio terminale !! 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

L'immagine può contenere: disegno

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
7 ore fa, robby565 ha scritto:

CAMPO CON FINO SPINATO E LE TORRETTE DI GUARDIA

Guardi che esestono già si chiamano "campo di detenzione" volgarmente detto carcere.

 

Parlavo dei campi di concentramento, ha presente Risiera di San Sabba, Fossoli, Manfredonia e molti altri ?     Il carcere è un'altra cosa, è un luogo dove vengono rinchiusi i piccoli criminali mentre i grandi criminali sono latitanti , in politica o nell'alta finanza

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
9 ore fa, fosforo41 ha scritto:

Non sopravvalutare Salvini e non sottovalutare Di Maio e il presidente del Consiglio. La base dell'attuale Lega è estremamente liquida. Ci sono nuovi potenziali elettori, anche al Centrosud, che vedono in Salvini il Renzi del 2014 (cioè l'uomo solo al comando: a questi elettori dell'ideologia freguntubo), ma è un consenso che poggia su fil di lama. Mentre ti posso assicurare che nello zoccolo duro della vecchia Lega ci sono molti che lo votano per ragioni di bandiera mentre in realtà lo detestano. D'altronde il personaggio ha i suoi limiti, ben noti. É un abile arruffapopolo, più abile di Renzi che è più colto e forse anche più intelligente ma che ha seri problemi con il suo ego, i quali lo hanno ridotto a uno dei politici più antipatici di tutti i tempi. Salvini riesce ancora ad apparire spontaneo (ma non lo è, tra i leader politici solo i grandi statisti lo sono) però non ha cultura né capacità di governo. Nemmeno Berlusconi e Renzi le avevano, ma almeno avevano l'esperienza di capo di azienda e di sindaco di Firenze rispettivamente. Non c'è le ha nemmeno Di Maio, che però non è egocentrico, lavora di squadra (come Conte e nello spirito del Movimento) e soprattutto ha solo 32 anni, un'età in cui si può ancora imparare e crescere. Salvini ha 45 anni, è in politica da 25 e guida il partito più vecchio attualmente in campo, nonostante il recente restyling da secessionista a nazionalista-sovranista, avvenuto peraltro quasi di nascosto. All'opposizione poteva durare altri 25 anni, al governo non so. Tieni conto che i 5 Stelle alle elezioni politiche hanno preso sempre molti più voti di quelli previsti dai sondaggi. E tieni conto che questa è l'ultima legislatura per Di Maio che ce la metterà tutta per lasciare un buon ricordo. Nella prossima sarà sostituito da uno che, umilmente e intelligentemente, ha preferito fermarsi per studiare e imparare, ma che già oggi, te lo assicuro al 100%, potrebbe mettere tutti i suddetti personaggi in un bicchiere, girare il cucchiaino e berseli. Tieni infine conto che a destra oltre Salvini c'è il nulla, mentre a sinistra c'è un gran fermento che parte dal basso e dal Sud. Per ora è ancora poco appariscente, ma ti assicuro che c'è e l'Italia se ne accorgerà presto, forse già alle prossime Europee. Mi riferisco naturalmente a PaP (che nei sondaggi ha già sorpassato LeU e ora ha nel mirino il Pd) e a DemA, il movimento comunitarista del sindaco di Napoli, un trascinatore dalle idee forti e dalla personalità straripante. Prevedo per le prossime elezioni politiche una bellissima e durissima sfida a quattro: Matteo Salvini, Alessandro Di Battista, Viola Carofalo (o Anna Falcone o Tomaso Montanari al suo posto o al suo fianco), Luigi de Magistris. Con i secondi due che potrebbero coalizzarsi contro i primi due. Ci sarà finalmente da divertirsi. 

Saluti

Tutto vero ma, i giochi, le alleanze i flussi e i riflussi delle varie correnti sono ipotizzabili e possono portarci  a governi più o meno stabili, però la      marea nera che (ainoi) sta montando pericolosamente, non ci può lasciare molto tranquilli.         Saluti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora