L'Air Flop Renzi, Angelino Alfano, e la carrozza dei miei bisnonni

Inviata (modificato)

Conservo gelosamente una vecchissima foto ingiallita dei miei bisnonni, stampata su carta albuminata come si usava all'epoca. I miei avi sono insieme ad altre due giovani coppie, in procinto di salire su una diligenza che li condurrà da Napoli a Roma. Il cocchiere e il postiglione sono già seduti a cassetta. Tutti e cinque gli uomini portano lunghi baffi, le tre donne lunghe gonne rasoterra. Il viaggio durerà due giornate e mezza, con le soste per il cambio e il ristoro e due pernottamenti. Mio padre mi diceva che sua nonna aveva una paura matta del treno. Sul retro della foto c'è la data: maggio 1881. Ebbene, 137 anni fa per andare da Napoli a Roma 8 persone usavano un mezzo trainato da 4 cavalli, alimentati a biada. Mezzo cavallo a testa. Oggi ci andiamo in 4 o 5 al massimo, in auto alimentate a benzina o gasolio, con potenze del motore dell'ordine dei 100 cavalli. Cioè 20-25 cavalli a testa: uno spreco di energia ed emissioni inquinanti e climalteranti nell'ambiente. 

Ma questo è niente. Come dimostrerò nel seguito, i nostri politici fanno, più che altro per narcisismo e per capriccio, molto ma molto di peggio.

Stamane il FQ è uscito con un magnifico scoop: l'elenco dei voli di Stato effettuati dall'Airbus A340-500, il cd Air Force Renzi, preso in leasing per 150 milioni quando il valore commerciale dell'aereo, uno dei peggiori flop della storia dell'aviazione civile, era inferiore a 30. In totale quello che d'ora in avanti chiamerò Air Flop Renzi ha effettuato in due anni ben 88 voli istituzionali. (prima dello scoop se ne conoscevano solo un paio, ovvero 4 voli tra andata e ritorno: un viaggio a Cuba del sottosegretario Scalfarotto e una visita del premier Gentiloni negli Usa). Il Fatto ha potuto visionare e pubblicare i dettagli di 47 voli di Stato, quelli degli altri 41 sono segreti (vattelapesca perché). La Corte dei Conti sta indagando sullo spreco di denaro pubblico legato al costo esorbitante del leasing ma ora farebbe bene a indagare anche sull'impiego frequente e del tutto spropositato di un giocattolone da 300 posti che fa 70 metri con un litro di carburante e che costa tra i 20.000 e i 25.000 euro per ogni ora di volo. Eppure durante i governi Renzi e Gentiloni lo usavano quasi come un taxi. Provate a immaginare quanto ci sono costati 88 voli di diverse ore ciascuno. L'Air Flop Renzi è un gigantesco quadrimotore progettato per trasportare fino a 300 passeggeri su lunghissime distanze senza scalo, avendo un'autonomia massima di ben 16.700 km. Ma nella quasi totalità dei casi riportati dal Fatto è stato usato su tratte compatibili con il range degli Airbus A319 CJ, eccellenti bimotori, più piccoli e assai più economici, già in dotazione al 31simo Stormo. Peraltro non sta scritto da nessuna parte che un volo di Stato debba essere diretto e non possa fare un breve scalo di rifornimento. Inoltre, solo in 7 casi su 47 il numero dei passeggeri ha superato i 50 trasportabili dall'A319, con un massimo di 120 e una media di 23. Pensate un po': abbiamo noleggiato un costosissimo aereo da 300 posti a sedere per occuparne in media 23. Qualsiasi compagnia aerea che seguisse la "logica" del megalomane di Rignano fallirebbe nel giro di mesi. Ma c'è di più. Il 28 ottobre 2016 l'allora ministro degli Esteri Gentiloni andò da Roma a Marsiglia (e ritorno) con l'Air Flop Renzi. Un volo di appena 600 km (poco più che Roma Milano). Con il ministro c'erano altri 6 passeggeri e 293 lussuose poltrone vuote. Vabbè che Gentiloni è di famiglia nobile, ma questa è roba da sceicchi! Come se io noleggiassi un Freccia Rossa per andarmi a fare una mangiata fuori porta con 6 amici. Per quel viaggio bastava e avanzava uno dei piccoli Falcon della flotta di Stato (9 passeggeri, 5000 km di autonomia, 3000 euro di costo orario). Ma il record dei voli faraonici e spreconi spetta senza dubbio all'ex ministro dell'Interno e degli Esteri Angelino Alfano. Il quale, zitto zitto, all'Air Flop Renzi si era quasi abbonato (a nostre spese). Come riporta il Fatto, l'ex ministro volò ben 23 volte sul quadrimotore di Stato. Dovete sapere che Angelino nostro è un timido, non amava molto viaggiare in compagnia, però gli piaceva viaggiare comodo. Anche quando era rimasto in carica solo per l'ordinaria  amministrazione. Infatti, il 21 gennaio scorso volò da Bruxelles a Roma sull'Air Flop Renzi da solo! Con il ministro c'erano l'equipaggio e 299 poltrone vuote! Una scena surreale. Degna di un film di Sorrentino. Ma se per caso finisse su YouTube, temo che farebbe incavolare di brutto i contribuenti, e anche quelli che prestano soldi all'Italia, facendo schizzare lo spread a 1000. Per questo immane, inaudito, assurdo spreco, chi dobbiamo ringraziare? Sempre lui: il solito incompetente e incapace di Rignano, il quale volle a tutti i costi (e che costi!) l'aeroplanone di Stato per motivi correlati, secondo il vicepremier Di Maio, al suo narcisismo e alla sua arroganza. Fa benissimo il governo Conte a rescindere il contratto di leasing: risparmieremo decine di milioni. E indaghi a fondo la Corte dei Conti.

Ora mi riaggancio alla premessa. I miei bisnonni andavano da Napoli a Roma usando una potenza di mezzo cavallo a testa. In sostanza bioenergia ecologica derivante dalla digestione della biada. Calcoliamo quanti cavalli usò l'ex ministro Alfano (e il consumo di carburante, tutt'altro che ecologico). Nelle specifiche tecniche dell'Air Flop Renzi leggiamo che i 4 motori erogano una spinta complessiva di 53.000 lbf (libbre-forza). Per passare dalla spinta alla potenza dobbiamo moltiplicare per la velocità, ma usando unità coerenti. Una libbra è una massa di 453,6 grammi. Tenuto conto dell'accelerazione media di gravità (g=9,807 m/s2), su una massa di 1kg agisce una forza peso di 9,807 Newton. Quindi una libbra-forza equivale a (0,4536x9,807)N=4,448N. La spinta dei motori è dunque pari a (53.000x4,448)N=235.744N. Ipotizzando una velocità di crociera di 900 km/h, ovvero (dividendo per 3,6) 250m/s, otteniamo una potenza pari a (235.744x250)Watt, ovvero 58.936kW. E ricordando che 1kW=1,3596CV (cavalli vapore a norma DIN), otteniamo una potenza di 80.129CV. Con un consumo medio dichiarato di 70metri/litro, sulla tratta Bruxelles-Roma (circa 1.400km) si consumano 20.000 litri (una quantità enorme ma è meno di un decimo della capacità dei serbatoi dell'Airbus, pensato per tratte ben più lunghe). In definitiva, il predecessore di Salvini usò una potenza di circa 80mila cavalli, bruciando circa 20mila litri di carburante, a spese dei contribuenti, per il suo principesco viaggio solitario da Bruxelles a Roma sul faraonico Air Flop Renzi. Non gli si poteva prenotare un posto su un volo di linea?

https://www.ilfattoquotidiano.it/premium/articoli/lair-force-renzi-ha-volato-88-volte-ecco-chi-lha-preso/

 

Modificato da fosforo41

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

9 messaggi in questa discussione

22 minuti fa, fosforo41 ha scritto:

Conservo gelosamente una vecchissima foto ingiallita dei miei bisnonni, stampata su carta albuminata come si usava all'epoca. I miei avi sono insieme ad altre due giovani coppie, in procinto di salire su una diligenza che li condurrà da Napoli a Roma. Il cocchiere e il postiglione sono già seduti a cassetta. Tutti e cinque gli uomini portano lunghi baffi, le tre donne lunghe gonne rasoterra. Il viaggio durerà due giornate e mezza, con le soste per il cambio e il ristoro e due pernottamenti. Mio padre mi diceva che sua nonna aveva una paura matta del treno. Sul retro della foto c'è la data: maggio 1881. Ebbene, 137 anni fa per andare da Napoli a Roma 8 persone usavano un mezzo trainato da 4 cavalli, alimentati a biada. Mezzo cavallo a testa. Oggi ci andiamo in 4 o 5 al massimo, in auto alimentate a benzina o gasolio, con potenze del motore dell'ordine dei 100 cavalli. Cioè 20-25 cavalli a testa: uno spreco di energia ed emissioni inquinanti e climalteranti nell'ambiente. 

Ma questo è niente. Come dimostrerò nel seguito, i nostri politici fanno, più che altro per narcisismo e per capriccio, molto ma molto di peggio.

Stamane il FQ è uscito con un magnifico scoop: l'elenco dei voli di Stato effettuati dall'Airbus A340-500, il cd Air Force Renzi, preso in leasing per 150 milioni quando il valore commerciale dell'aereo, uno dei peggiori flop della storia dell'aviazione civile, era inferiore a 30. In totale quello che d'ora in avanti chiamerò Air Flop Renzi ha effettuato in due anni ben 88 voli istituzionali. (prima dello scoop se ne conoscevano solo un paio, ovvero 4 voli tra andata e ritorno: un viaggio a Cuba del sottosegretario Scalfarotto e una visita del premier Gentiloni negli Usa). Il Fatto ha potuto visionare e pubblicare i dettagli di 47 voli di Stato, quelli degli altri 41 sono segreti (vattelapesca perché). La Corte dei Conti sta indagando sullo spreco di denaro pubblico legato al costo esorbitante del leasing ma ora farebbe bene a indagare anche sull'impiego frequente e del tutto spropositato di un giocattolone da 300 posti che fa 70 metri con un litro di carburante e che costa tra i 20.000 e i 25.000 euro per ogni ora di volo. Eppure durante i governi Renzi e Gentiloni lo usavano quasi come un taxi. Provate a immaginare quanto ci sono costati 88 voli di diverse ore ciascuno. L'Air Flop Renzi è un gigantesco quadrimotore progettato per trasportare fino a 300 passeggeri su lunghissime distanze senza scalo, avendo un'autonomia massima di ben 16.700 km. Ma nella quasi totalità dei casi riportati dal Fatto è stato usato su tratte compatibili con il range degli Airbus A319 CJ, eccellenti bimotori, più piccoli e assai più economici, già in dotazione al 31simo Stormo. Peraltro non sta scritto da nessuna parte che un volo di Stato debba essere diretto e non possa fare un breve scalo di rifornimento. Inoltre, solo in 7 casi su 47 il numero dei passeggeri ha superato i 50 trasportabili dall'A319, con un massimo di 120 e una media di 23. Pensate un po': abbiamo noleggiato un costosissimo aereo da 300 posti a sedere per occuparne in media 23. Qualsiasi compagnia aerea che seguisse la "logica" del megalomane di Rignano fallirebbe nel giro di mesi. Ma c'è di più. Il 28 ottobre 2016 l'allora ministro degli Esteri Gentiloni andò da Roma a Marsiglia (e ritorno) con l'Air Flop Renzi. Un volo di appena 600 km (poco più che Roma Milano). Con il ministro c'erano altri 6 passeggeri e 293 lussuose poltrone vuote. Vabbè che Gentiloni è di famiglia nobile, ma questa è roba da sceicchi! Come se io noleggiassi un Freccia Rossa per andarmi a fare una mangiata fuori porta con 6 amici. Per quel viaggio bastava e avanzava uno dei piccoli Falcon della flotta di Stato (9 passeggeri, 5000 km di autonomia, 3000 euro di costo orario). Ma il record dei voli faraonici e spreconi spetta senza dubbio all'ex ministro dell'Interno e degli Esteri Angelino Alfano. Il quale, zitto zitto, all'Air Flop Renzi si era quasi abbonato (a nostre spese). Come riporta il Fatto, l'ex ministro volò ben 23 volte sul quadrimotore di Stato. Dovete sapere che Angelino nostro è un timido, non amava molto viaggiare in compagnia, però gli piaceva viaggiare comodo. Anche quando era rimasto in carica solo per l'ordinaria  amministrazione. Infatti, il 21 gennaio scorso volò da Bruxelles a Roma sull'Air Flop Renzi da solo! Con il ministro c'erano l'equipaggio e 299 poltrone vuote! Una scena surreale. Degna di un film di Sorrentino. Ma se per caso finisse su YouTube, temo che farebbe incavolare di brutto i contribuenti, e anche quelli che prestano soldi all'Italia, facendo schizzare lo spread a 1000. Per questo immane, inaudito, assurdo spreco, chi dobbiamo ringraziare? Sempre lui: il solito incompetente e incapace di Rignano, il quale volle a tutti i costi (e che costi!) l'aeroplanone di Stato per motivi correlati, secondo il vicepremier Di Maio, al suo narcisismo e alla sua arroganza. Fa benissimo il governo Conte a rescindere il contratto di leasing: risparmieremo decine di milioni. E indaghi a fondo la Corte dei Conti.

Ora mi riaggancio alla premessa. I miei bisnonni andavano da Napoli a Roma usando una potenza di mezzo cavallo a testa. In sostanza bioenergia ecologica derivante dalla digestione della biada. Calcoliamo quanti cavalli usò l'ex ministro Alfano (e il consumo di carburante, tutt'altro che ecologico). Nelle specifiche tecniche dell'Air Flop Renzi leggiamo che i 4 motori erogano una spinta complessiva di 53.000 lbf (libbre-forza). Per passare dalla spinta alla potenza dobbiamo moltiplicare per la velocità, ma usando unità coerenti. Una libbra è una massa di 453,6 grammi. Tenuto conto dell'accelerazione media di gravità (g=9,807 m/s2), su una massa di 1kg agisce una forza peso di 9,807 Newton. Quindi una libbra-forza equivale a (0,4536x9,807)N=4,448N. La spinta dei motori è dunque pari a (53.000x4,448)N=235.744N. Ipotizzando una velocità di crociera di 900 km/h, ovvero (dividendo per 3,6) 250m/s, otteniamo una potenza pari a (235.744x250)Watt, ovvero 58.936kW. E ricordando che 1kW=1,3596CV (cavalli vapore a norma DIN), otteniamo una potenza di 80.129CV. Con un consumo medio dichiarato di 70metri/litro, sulla tratta Bruxelles-Roma (circa 1.400km) si consumano 20.000 litri (una quantità enorme ma è meno di un decimo della capacità dei serbatoi dell'Airbus, pensato per tratte ben più lunghe). In definitiva, il predecessore di Salvini usò una potenza di circa 80mila cavalli, bruciando circa 20mila litri di carburante, a spese dei contribuenti, per il suo principesco viaggio solitario da Bruxelles a Roma sul faraonico Air Flop Renzi. Non gli si poteva prenotare un posto su un volo di linea?

https://www.ilfattoquotidiano.it/premium/articoli/lair-force-renzi-ha-volato-88-volte-ecco-chi-lha-preso/

 

Sì poteva ma Angelino era timido e aveva tanto bisogno di silenzio. Perché aveva tanti appunti da leggere e doveva prepararsi l'intervento. In un volo di linea ci possono essere bambini che piangono e fanno i capricci. E poi come si fa concentrarsi con tute quelle frasi in inglese del Comandante e con le hostess che passeggiano in continuazione e spesso sono anche di bell'aspetto?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

E poi attenzione se necessità utilizzare ryanair. Bisogna prenotare con largo anticipo altrimenti si rischia di pagare più che con Alitalia e ex Meridiana senza parlare poi di tutti i problemi legati al peso dei bagagli. Non è così  semplice come sembra.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
49 minuti fa, ildi_vino ha scritto:

Sì poteva ma Angelino era timido e aveva tanto bisogno di silenzio. Perché aveva tanti appunti da leggere e doveva prepararsi l'intervento. In un volo di linea ci possono essere bambini che piangono e fanno i capricci. E poi come si fa concentrarsi con tute quelle frasi in inglese del Comandante e con le hostess che passeggiano in continuazione e spesso sono anche di bell'aspetto?

Grazie del contributo. Francamente non ci avevo pensato: che figura ci avrebbe fatto un ministro degli Esteri su un volo di linea con il comandante, le hostess e magari qualche passeggero che gli si rivolgono in inglese? In ogni caso ad Alfano va riconosciuto un merito: ha lasciato la politica, non si è ricandidato al Parlamento. Non ci mancherà. A lui mancheranno quei comodi viaggi nell'aeroplanone semivuoto (o tutto per lui). 

Colgo l'occasione per segnalare che la ministra della Difesa ha comunicato la rescissione del contratto di leasing per l'Air Flop Renzi. Una bella notizia per noi contribuenti e una grana per quelli di Ethiad. A chi lo sbologneranno? Difficile trovare un altro pollo. Però un suggerimento io ce l'avrei. Si potrebbe provare a svenderlo, per una ventina di milioni di dollari non di più, a un paese dotato di immense foreste, come Canada, Brasile o Russia. Che lo utilizzerebbero come potente aereo antincendio. In California hanno adattato perfino i vecchi Jumbo. Sulle specifiche leggo che ha un serbatoio di 215.000 litri e una capacità di carico di 54 tonnellate. Quindi dimezzando la portata di carburante credo che potrebbe facilmente trasportare fino a 150.000 litri d'acqua. In sostanza costerebbe quanto un Canadair, ma avrebbe un'autonomia tripla e un carico d'acqua 30 volte maggiore.

Saluti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

In compenso però c'è anche qualcuno che bada all'economia e alla economicità. Pier Ferdinando Casini è più modesto e al posto di viaggiare in aereo preferisce veleggiare. 

E con l'ultima veleggiata, zitto zitto, quatto quatto, carpon carponi, è  stato eletto all,interparlamentare italiana e avrà occasione di viaggiare ancora per molto e in tanti luoghi ameni.

Eletto all'unanimità ovviamente, voti di lega e m5s compresi. Come dire che Pier Ferdinando se ne frega altamente degli aerei. Lui se la sbriga molto meglio avendo a disposizione un bellissimo ed economici simo veliero!!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, fosforo41 ha scritto:

Conservo gelosamente una vecchissima foto ingiallita dei miei bisnonni, stampata su carta albuminata come si usava all'epoca. I miei avi sono insieme ad altre due giovani coppie, in procinto di salire su una diligenza che li condurrà da Napoli a Roma. Il cocchiere e il postiglione sono già seduti a cassetta. Tutti e cinque gli uomini portano lunghi baffi, le tre donne lunghe gonne rasoterra. Il viaggio durerà due giornate e mezza, con le soste per il cambio e il ristoro e due pernottamenti. Mio padre mi diceva che sua nonna aveva una paura matta del treno. Sul retro della foto c'è la data: maggio 1881. Ebbene, 137 anni fa per andare da Napoli a Roma 8 persone usavano un mezzo trainato da 4 cavalli, alimentati a biada. Mezzo cavallo a testa. Oggi ci andiamo in 4 o 5 al massimo, in auto alimentate a benzina o gasolio, con potenze del motore dell'ordine dei 100 cavalli. Cioè 20-25 cavalli a testa: uno spreco di energia ed emissioni inquinanti e climalteranti nell'ambiente. 

Ma questo è niente. Come dimostrerò nel seguito, i nostri politici fanno, più che altro per narcisismo e per capriccio, molto ma molto di peggio.

Stamane il FQ è uscito con un magnifico scoop: l'elenco dei voli di Stato effettuati dall'Airbus A340-500, il cd Air Force Renzi, preso in leasing per 150 milioni quando il valore commerciale dell'aereo, uno dei peggiori flop della storia dell'aviazione civile, era inferiore a 30. In totale quello che d'ora in avanti chiamerò Air Flop Renzi ha effettuato in due anni ben 88 voli istituzionali. (prima dello scoop se ne conoscevano solo un paio, ovvero 4 voli tra andata e ritorno: un viaggio a Cuba del sottosegretario Scalfarotto e una visita del premier Gentiloni negli Usa). Il Fatto ha potuto visionare e pubblicare i dettagli di 47 voli di Stato, quelli degli altri 41 sono segreti (vattelapesca perché). La Corte dei Conti sta indagando sullo spreco di denaro pubblico legato al costo esorbitante del leasing ma ora farebbe bene a indagare anche sull'impiego frequente e del tutto spropositato di un giocattolone da 300 posti che fa 70 metri con un litro di carburante e che costa tra i 20.000 e i 25.000 euro per ogni ora di volo. Eppure durante i governi Renzi e Gentiloni lo usavano quasi come un taxi. Provate a immaginare quanto ci sono costati 88 voli di diverse ore ciascuno. L'Air Flop Renzi è un gigantesco quadrimotore progettato per trasportare fino a 300 passeggeri su lunghissime distanze senza scalo, avendo un'autonomia massima di ben 16.700 km. Ma nella quasi totalità dei casi riportati dal Fatto è stato usato su tratte compatibili con il range degli Airbus A319 CJ, eccellenti bimotori, più piccoli e assai più economici, già in dotazione al 31simo Stormo. Peraltro non sta scritto da nessuna parte che un volo di Stato debba essere diretto e non possa fare un breve scalo di rifornimento. Inoltre, solo in 7 casi su 47 il numero dei passeggeri ha superato i 50 trasportabili dall'A319, con un massimo di 120 e una media di 23. Pensate un po': abbiamo noleggiato un costosissimo aereo da 300 posti a sedere per occuparne in media 23. Qualsiasi compagnia aerea che seguisse la "logica" del megalomane di Rignano fallirebbe nel giro di mesi. Ma c'è di più. Il 28 ottobre 2016 l'allora ministro degli Esteri Gentiloni andò da Roma a Marsiglia (e ritorno) con l'Air Flop Renzi. Un volo di appena 600 km (poco più che Roma Milano). Con il ministro c'erano altri 6 passeggeri e 293 lussuose poltrone vuote. Vabbè che Gentiloni è di famiglia nobile, ma questa è roba da sceicchi! Come se io noleggiassi un Freccia Rossa per andarmi a fare una mangiata fuori porta con 6 amici. Per quel viaggio bastava e avanzava uno dei piccoli Falcon della flotta di Stato (9 passeggeri, 5000 km di autonomia, 3000 euro di costo orario). Ma il record dei voli faraonici e spreconi spetta senza dubbio all'ex ministro dell'Interno e degli Esteri Angelino Alfano. Il quale, zitto zitto, all'Air Flop Renzi si era quasi abbonato (a nostre spese). Come riporta il Fatto, l'ex ministro volò ben 23 volte sul quadrimotore di Stato. Dovete sapere che Angelino nostro è un timido, non amava molto viaggiare in compagnia, però gli piaceva viaggiare comodo. Anche quando era rimasto in carica solo per l'ordinaria  amministrazione. Infatti, il 21 gennaio scorso volò da Bruxelles a Roma sull'Air Flop Renzi da solo! Con il ministro c'erano l'equipaggio e 299 poltrone vuote! Una scena surreale. Degna di un film di Sorrentino. Ma se per caso finisse su YouTube, temo che farebbe incavolare di brutto i contribuenti, e anche quelli che prestano soldi all'Italia, facendo schizzare lo spread a 1000. Per questo immane, inaudito, assurdo spreco, chi dobbiamo ringraziare? Sempre lui: il solito incompetente e incapace di Rignano, il quale volle a tutti i costi (e che costi!) l'aeroplanone di Stato per motivi correlati, secondo il vicepremier Di Maio, al suo narcisismo e alla sua arroganza. Fa benissimo il governo Conte a rescindere il contratto di leasing: risparmieremo decine di milioni. E indaghi a fondo la Corte dei Conti.

Ora mi riaggancio alla premessa. I miei bisnonni andavano da Napoli a Roma usando una potenza di mezzo cavallo a testa. In sostanza bioenergia ecologica derivante dalla digestione della biada. Calcoliamo quanti cavalli usò l'ex ministro Alfano (e il consumo di carburante, tutt'altro che ecologico). Nelle specifiche tecniche dell'Air Flop Renzi leggiamo che i 4 motori erogano una spinta complessiva di 53.000 lbf (libbre-forza). Per passare dalla spinta alla potenza dobbiamo moltiplicare per la velocità, ma usando unità coerenti. Una libbra è una massa di 453,6 grammi. Tenuto conto dell'accelerazione media di gravità (g=9,807 m/s2), su una massa di 1kg agisce una forza peso di 9,807 Newton. Quindi una libbra-forza equivale a (0,4536x9,807)N=4,448N. La spinta dei motori è dunque pari a (53.000x4,448)N=235.744N. Ipotizzando una velocità di crociera di 900 km/h, ovvero (dividendo per 3,6) 250m/s, otteniamo una potenza pari a (235.744x250)Watt, ovvero 58.936kW. E ricordando che 1kW=1,3596CV (cavalli vapore a norma DIN), otteniamo una potenza di 80.129CV. Con un consumo medio dichiarato di 70metri/litro, sulla tratta Bruxelles-Roma (circa 1.400km) si consumano 20.000 litri (una quantità enorme ma è meno di un decimo della capacità dei serbatoi dell'Airbus, pensato per tratte ben più lunghe). In definitiva, il predecessore di Salvini usò una potenza di circa 80mila cavalli, bruciando circa 20mila litri di carburante, a spese dei contribuenti, per il suo principesco viaggio solitario da Bruxelles a Roma sul faraonico Air Flop Renzi. Non gli si poteva prenotare un posto su un volo di linea?

https://www.ilfattoquotidiano.it/premium/articoli/lair-force-renzi-ha-volato-88-volte-ecco-chi-lha-preso/

 

Siori e siore ullalla’ .  Questa volta il Cazzaro si supera e in un post che definirlo chilometrico e’ un eufemismo , mette insieme , oltre ad un improbabile spaccato di vita vissuta di bisnonni e nonni , bufale , *** , menzogne e bugie oltre la sua ben nota semianalfabetizzazione. Inizia con il narrarci di un improbabile viaggio tramite diligenza , cambi di cavalli , soste e pernottamenti vari . A Cazza’ nun ce ne *** un caz zo delle gite dei nonni e bisnonni . Se solo sapessero che tipo di soggetto sarebbe venuto fuori tra i loro intrecci amorosi non escludo che nei pressi di Caianello avrebbero potuto immolarsi in un suicidio di massa  interrompendo il viaggio . Detto cio’ Prendo atto che il Cazzaro muta l’overture e che Renzi non viene più citato come megalomane e capriccioso usufruitore dell’aereo bensì come ...non si sa !! Rimane l’airforce Renzi ma non si sa bene il perché visto che anche il Cazzaro di Napoli deve convenire che Renzi non ci e’ salito manco una volta . E badate bene , fino a poche ore fa il Cazzaro era convinto che l’aereo si era alzato un volo solo 2 volte ( Scalfarotto e Gentiloni). Invece sembra che ben 88 volte il capriccio di Renzi sia decollato . Ciò smentisce seccamente la testadiminkia napoletana a cui sospetterebbe il  doveroso e dignitoso ruolo di spiegarci come può un individuo essere tacciato di essere megalomane senza che questi abbia dato prova , pur potendolo fare , di ricorrere a questa pratica . Il Cazzaro non lo farà !! Il Cazzaro e’ un imbexxilke che attribuisce a chi odia i peggiori vizi e le peggiori nefandezze . Le persone intelligenti e con dignità chiedono scusa . Quelli come lui sono cani bavosi e scappano . Quindi al Cazzaro non rimane che parlare di costi . Parliamoci chiaro : il Bufalaro non sa niente di niente se non quello che legge sul Falso Quotidiano . Però dice una bugia : la dice quando afferma che mi stato italiano ha speso 150 milioni . Eh no , Cazzaro !! Lo stato non ha speso 150.000 e non ha gettato al vento i soldi dei contribuenti . Ti spiego , idio ta : lo stato “avrebbe “ speso 150 milioni di canone Lea sing in 8 anni manutenzione compresa . Solo che i giochini puoi farli con Ciccillo e Gege’ ma non con me !! Perché mi sembra evidente che le missioni internazionali in 8 anni ce ne sarebbero state qualche centinaio ed anche ad aver utilizzato gli altri aerei di stato un costo ci sarebbe stato . Quindi dai 150 milioni . Correttamente , ci vanno tolte le spese che sarebbero state sostenute e li e solo lì si sarebbero potute verificare le congruità . Di sicuro sappiamo che lo scopo , findamentale , era quello di portare l’imprenditiria italiana nel mondo e sarebbero bastati 100 imprenditori paganti al seguito per ripagarsi un canone senza contare che anche l’Italia, al pari degli altri paesi europei doveva avere un aereo di stato adeguato . Un mezzo che potesse permettere di affrontare lunghe tratte senza soste tecniche . Perché e’ bene sapere che ogni sosta tecnica su altri aeroporti costa decine di migliaia di euro. Infine e chiudo : scorgo una certa qual soddisfazione del Cazzaro nel sapere che la Corte dei Conti indagherà sul contratto leasing. La notizia e’ stata data dal Falso Quotidiano e poi ripresa da altri . La corte del Conti non ha confermato .  Mah !!  Non vorrei abbattere il morale del Cazzaro sempre alla ricerca di qualcosa che “incastri “ Renzi ed a oggi sempre a bocca asciutta . Credo che sarà così anche stavolta : la congruità economica dell’operazione fu chiesta , tramite la Ragioneria di Stato , sia all’Anac di Cantone sia alla Corte dei Conti.  Tutte e due queste autorità dettero il loro ok ed il via libera all’operazione . Ti vedo male anche stavolta . Cazzaro. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

A proposito  continuare a  parlare   del  fantomatico  aereo  è  solo  distrazione  di massa  per  non  dover  parlare  dei  flop  di  questo  sgoverno  che   ad  oggi    ci  costa  come  minimo dieci  volte  tanto il  costo  di  quell'aereo ma  senza   alcun  riscontro utile   ma  tant'è .....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
8 ore fa, fosforo41 ha scritto:

Grazie del contributo. Francamente non ci avevo pensato: che figura ci avrebbe fatto un ministro degli Esteri su un volo di linea con il comandante, le hostess e magari qualche passeggero che gli si rivolgono in inglese? In ogni caso ad Alfano va riconosciuto un merito: ha lasciato la politica, non si è ricandidato al Parlamento. Non ci mancherà. A lui mancheranno quei comodi viaggi nell'aeroplanone semivuoto (o tutto per lui). 

Colgo l'occasione per segnalare che la ministra della Difesa ha comunicato la rescissione del contratto di leasing per l'Air Flop Renzi. Una bella notizia per noi contribuenti e una grana per quelli di Ethiad. A chi lo sbologneranno? Difficile trovare un altro pollo. Però un suggerimento io ce l'avrei. Si potrebbe provare a svenderlo, per una ventina di milioni di dollari non di più, a un paese dotato di immense foreste, come Canada, Brasile o Russia. Che lo utilizzerebbero come potente aereo antincendio. In California hanno adattato perfino i vecchi Jumbo. Sulle specifiche leggo che ha un serbatoio di 215.000 litri e una capacità di carico di 54 tonnellate. Quindi dimezzando la portata di carburante credo che potrebbe facilmente trasportare fino a 150.000 litri d'acqua. In sostanza costerebbe quanto un Canadair, ma avrebbe un'autonomia tripla e un carico d'acqua 30 volte maggiore.

Saluti

Colgo l’iccasione Per unirmi al Cazzaro per la bella notizia che ci ha dato il ministro Trenta. Come contribuente sono soddisfatto del sostanzioso risparmio che questo produrrà sul mio bilancio così come su quello di tutti gli italiani : 78 centesimi.  Fermi fermi , non l’anno . Per 5 !! Anni !! 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Devo prima di tutto correggere un mio grossolano errore nella valutazione della potenza del quadrimotore Airbus A340-541 (questa è la denominazione esatta del modello preso in leasing dal governo Renzi). Le specifiche tecniche dei siti che avevo consultato (es. https://www.aircraftcompare.com/helicopter-airplane/Airbus-A340-500-HGW/57 ) erano scritte in modo da indurre a credere che il dato sulla spinta erogata si riferisse all'insieme dei 4 motori. Ma in effetti la potenza complessiva ricavata da questo dato, 80.000 cavalli per raggiungere la velocità di crociera di 900 km/h, mi era sembrata, a lume di naso, un po' scarsa per un aereo che ha un peso massimo al decollo di ben 380 tonnellate. E allora ho controllato meglio, anche alla luce del confronto con un bimotore di simili dimensioni, il Boeing 777, e ho verificato che la spinta di 53.000 libbre-forza viene erogata da ciascuna delle 4 turboventole (Rolls-Royce Trent serie 500) del quadrimotore. Quindi la potenza complessiva risulta pari a ben 320.000 cavalli. Che nel S.I. sono circa 235 MW, cioè dell'ordine della potenza di una centrale elettrica di medie dimensioni. Va tuttavia ricordato che questa potenza istantanea viene effettivamente erogata solo alla fine della fase di spinta. Una volta raggiunta la velocità di crociera alla quota di servizio (circa 12.000mt, dove l'aria è molto rarefatta) basta una potenza molto inferiore per mantenerla (ovvero una spinta uguale e opposta alla resistenza aerodinamica).

Intanto oggi il FQ ritorna sulla vicenda dell'aereo di Stato, informandoci che il ministero della Difesa ha formalizzato la richiesta di rescissione del contratto di leasing, mentre palazzo Chigi ha attivato le procedure per desecretare gli altri onerosi contratti correlati. Incluso quello, poi saltato, per dotare l'Airbus di (udite udite)

"un'area dedicata alle autorità, suddivisa nella cabina letto, con annesso bagno e doccia, nello studio privato, nonché in un'area riunioni con lo staff".

Il tutto per un importo di 16 milioni di euro (il prezzo di 12 ville di lusso come quella acquistata ultimamente dai coniugi Renzi). Così, giusto per consentire alla "autorità" (dei miei stivali) di viaggiare comoda.

Il governo Conte vuole vederci chiaro e capire bene cosa prevedesse il relativo capitolato d'appalto. Secondo il FQ palazzo Chigi fu piuttosto attivo, fin dal novembre 2016, nel chiedere quella costosa riconfigurazione interna dell'aereo. Vi furono numerosi solleciti formali e informali ad Alitalia con l'intermediazione di un dipartimento della Difesa (Armaereo). Ma il 4 dicembre Renzi fu mandato a casa dagli italiani e come semplice segretario di partito non avrebbe certo avuto diritto all'aereo di Stato. Le cose di colpo si impantanarono, Alitalia impiegò un anno solo per acquisire i preventivi di 6 società selezionate per i lavori, di durata non inferiore ai 12 mesi. Poi il governo Gentiloni, ormai dimissionario, scoprì l'acqua calda, ovvero che prima di restituire l'aereo a Ethiad (2024) lo Stato avrebbe dovuto smontare a sue spese tutto quell'ambaradan di modifiche non previste dal contratto di leasing e ripristinare la configurazione antecedente. E allora preferì bloccare tutto e passarlo al governo successivo. 

Che squallida vicenda!

Modificato da fosforo41

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
15 minuti fa, fosforo41 ha scritto:

Devo prima di tutto correggere un mio grossolano errore nella valutazione della potenza del quadrimotore Airbus A340-541 (questa è la denominazione esatta del modello preso in leasing dal governo Renzi). Le specifiche tecniche dei siti che avevo consultato (es. https://www.aircraftcompare.com/helicopter-airplane/Airbus-A340-500-HGW/57 ) erano scritte in modo da indurre a credere che il dato sulla spinta erogata si riferisse all'insieme dei 4 motori. Ma in effetti la potenza complessiva ricavata da questo dato, 80.000 cavalli per raggiungere la velocità di crociera di 900 km/h, mi era sembrata, a lume di naso, un po' scarsa per un aereo che ha un peso massimo al decollo di ben 380 tonnellate. E allora ho controllato meglio, anche alla luce del confronto con un bimotore di simili dimensioni, il Boeing 777, e ho verificato che la spinta di 53.000 libbre-forza viene erogata da ciascuna delle 4 turboventole (Rolls-Royce Trent serie 500) del quadrimotore. Quindi la potenza complessiva risulta pari a ben 320.000 cavalli. Che nel S.I. sono circa 235 MW, cioè dell'ordine della potenza di una centrale elettrica di medie dimensioni. Va tuttavia ricordato che questa potenza istantanea viene effettivamente erogata solo alla fine della fase di spinta. Una volta raggiunta la velocità di crociera alla quota di servizio (circa 12.000mt, dove l'aria è molto rarefatta) basta una potenza molto inferiore per mantenerla (ovvero una spinta uguale e opposta alla resistenza aerodinamica).

Intanto oggi il FQ ritorna sulla vicenda dell'aereo di Stato, informandoci che il ministero della Difesa ha formalizzato la richiesta di rescissione del contratto di leasing, mentre palazzo Chigi ha attivato le procedure per desecretare gli altri onerosi contratti correlati. Incluso quello, poi saltato, per dotare l'Airbus di (udite udite)

"un'area dedicata alle autorità, suddivisa nella cabina letto, con annesso bagno e doccia, nello studio privato, nonché in un'area riunioni con lo staff".

Il tutto per un importo di 16 milioni di euro (il prezzo di 12 ville di lusso come quella acquistata ultimamente dai coniugi Renzi). Così, giusto per consentire alla "autorità" (dei miei stivali) di viaggiare comoda.

Il governo Conte vuole vederci chiaro e capire bene cosa prevedesse il relativo capitolato d'appalto. Secondo il FQ palazzo Chigi fu piuttosto attivo, fin dal novembre 2016, nel chiedere quella costosa riconfigurazione interna dell'aereo. Vi furono numerosi solleciti formali e informali ad Alitalia con l'intermediazione di un dipartimento della Difesa (Armaereo). Ma il 4 dicembre Renzi fu mandato a casa dagli italiani e come semplice segretario di partito non avrebbe certo avuto diritto all'aereo di Stato. Le cose di colpo si impantanarono, Alitalia impiegò un anno solo per acquisire i preventivi di 6 società selezionate per i lavori, di durata non inferiore ai 12 mesi. Poi il governo Gentiloni, ormai dimissionario, scoprì l'acqua calda, ovvero che prima di restituire l'aereo a Ethiad (2024) lo Stato avrebbe dovuto smontare a sue spese tutto quell'ambaradan di modifiche non previste dal contratto di leasing e ripristinare la configurazione antecedente. E allora preferì bloccare tutto e passarlo al governo successivo. 

Che squallida vicenda!

Ahahahahah Ahahahaha. Continua , continua pure a fatti prendere per il kulo !! Ahahahahahaha

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora