Travaglio smonta il TAV e le bufale di contorno

Inviata (modificato)

Nel suo inconfondibile stile icastico, che unisce la tagliente ironia al rigore analitico, Marco Travaglio "demolisce", in un illuminante editoriale, il faraonico e inutile TAV Torino-Lione e le altrettanto colossali bufale sparate da politici, pennivendoli e prenditori che vorrebbero convincere i disinformati che sarebbe antieconomico per noi uscire dal progetto multimiliardario. Se non lo sapevate, perché nessuno vi ha informato, il cantiere sulla tratta Torino-Lione è l'unico sopravvissuto su quel fantomatico "Corridoio 5" che doveva collegare ad alta velocità Kiev a Lisbona e che anni fa fu oggetto di una famosa "televendita" del piazzista di Arcore munito di lavagnetta e pennarello nello studio di Vespa. I primi a ritirarsi furono i portoghesi, gli ultimi a rinunciare, dopo averci sprecato un paio di miliardi e un paio di decenni di lavori a singhiozzo, saremo noi e i cugini francesi. Speriamo al più presto, su iniziativa del governo  Conte. Se non lo sapevate, perché nessuno vi ha informato, la parte più costosa e invasiva dell'opera, cioè il tunnel base che attraversa le Alpi, lungo 57,5 km, insiste per quasi l'80% in territorio francese (45 km) e per poco più del 20% in territorio italiano (12,5 km). Ma una delibera del Cipe (governo Gentiloni) ne stima il costo in 9,6 miliardi e lo ripartisce come segue: il 57,9% lo paghiamo noi e solo il 42,1% lo paga la Francia. Roba da matti (o da polli). Inoltre, come documenta Travaglio, non esistono nei contratti e negli accordi con la Francia, con l'UE e con le imprese appaltatrici, penali, multe e restituzioni di sorta in caso di annullamento dell'opera. 

https://infosannio.wordpress.com/2018/07/31/le-bufale-sulla-tav/#comments

Modificato da fosforo41

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

7 messaggi in questa discussione

46 minuti fa, fosforo41 ha scritto:

Nel suo inconfondibile stile icastico, che unisce la tagliente ironia al rigore analitico, Marco Travaglio "demolisce", in un illuminante editoriale, il faraonico e inutile TAV Torino-Lione e le altrettanto colossali bufale sparate da politici, pennivendoli e prenditori che vorrebbero convincere i disinformati che sarebbe antieconomico per noi uscire dal progetto multimiliardario. Se non lo sapevate, perché nessuno vi ha informato, il cantiere sulla tratta Torino-Lione è l'unico sopravvissuto su quel fantomatico "Corridoio 5" che doveva collegare ad alta velocità Kiev a Lisbona e che anni fa fu oggetto di una famosa "televendita" del piazzista di Arcore munito di lavagnetta e pennarello nello studio di Vespa. I primi a ritirarsi furono i portoghesi, gli ultimi a rinunciare, dopo averci sprecato un paio di miliardi e un paio di decenni di lavori a singhiozzo, saremo noi e i cugini francesi. Speriamo al più presto, su iniziativa del governo  Conte. Se non lo sapevate, perché nessuno vi ha informato, la parte più costosa e invasiva dell'opera, cioè il tunnel base che attraversa le Alpi, lungo 57,5 km, insiste per quasi l'80% in territorio francese (45 km) e per poco più del 20% in territorio italiano (12,5 km). Ma una delibera del Cipe (governo Gentiloni) ne stima il costo in 9,6 miliardi e lo ripartisce come segue: il 57,9% lo paghiamo noi e solo il 42,1% lo paga la Francia. Roba da matti (o da polli). Inoltre, come documenta Travaglio, non esistono nei contratti e negli accordi con la Francia, con l'UE e con le imprese appaltatrici, penali, multe e restituzioni di sorta in caso di annullamento dell'opera. 

https://infosannio.wordpress.com/2018/07/31/le-bufale-sulla-tav/#comments

Sei proprio un incapace di dire la verità !! Hai la menzogna connaturata nel tuo DNA . Sei , quindi , un idio ta a tutto tondo !! Il tuo amico Travaglio non ha smontato proprio un bel niente eccetto la tua testa piena di mer da . Nessuno ha mai parlato di penali bensì dell’impatto sui conti pubblici che l’abbandono della Tav comporterebbero e che le stime per niente approssimative quantificano in 2 miliardi di euro tra mancati introiti per le ditte appaltatrici e quelle dell’indotto . In più circa 4000 posti di lavoro persi per quei cantieri . Termino sbufaleggiandoti sui costi che hai postato e che sono falsi . Il 45% sarebbero a carico dell’UE , il 30% a carico dell’Italia ed il 25% della Francia. Informalo te Calandrino il falso e fascista . 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

 Il 45% sarebbero a carico dell’UE , il 30% a carico dell’Italia ed il 25% della Francia. Informalo te Calandrino il falso e fascista . 

immagino che questi dati riguardino i 58 km di galleria perchè la strada da Torino a Lione è molto più lunga

Ok. Il 45% lo paga la UE, il 25% lo paga la Francia che ha circa 45 km e chissà perchè con soli 13 km l'Italia debba pagare il 30% (dove sta scritto e chi lo dice?) 

Comunque la differenza tra i costi francesi e quelli italiani è giustificabile solo se, per contratto, gli italiani eseguiranno la galleria anche in territorio francese. Chi sa chi lo sa?

Sarebbe poi molto interessante sapere chi e come sono stati calcolati i 4000 posti di lavoro che andranno persi.

A mio parere sono troppe le cose che non sappiamo o che comunque non ci sono state dette, e/o come ci sono state dette.

 

Bhè se salta la tav possiamo sempre tornare al ponte di messina.

Noi Italiani abbiamo una grande esperienza dei costi e dei posti di lavoro,  basta pensare alle paratoie mobili di Venezia

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

... nn voglio addentrarmi tra costi e tabelle e polemike varie o ragioni di valligiani poiké ognuno racconterebbe la sua verità xò, se in passato tutti avessero ragionato x il no, nn avremmo ferrovie, strade, autostrade, terreni x aereoporti.  qualcuno perdette terreni nn remunerati adeguatamente ma il progresso ha potuto andare avanti.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, ahaha.ha ha scritto:

 Il 45% sarebbero a carico dell’UE , il 30% a carico dell’Italia ed il 25% della Francia. Informalo te Calandrino il falso e fascista . 

immagino che questi dati riguardino i 58 km di galleria perchè la strada da Torino a Lione è molto più lunga

Ok. Il 45% lo paga la UE, il 25% lo paga la Francia che ha circa 45 km e chissà perchè con soli 13 km l'Italia debba pagare il 30% (dove sta scritto e chi lo dice?) 

Comunque la differenza tra i costi francesi e quelli italiani è giustificabile solo se, per contratto, gli italiani eseguiranno la galleria anche in territorio francese. Chi sa chi lo sa?

Sarebbe poi molto interessante sapere chi e come sono stati calcolati i 4000 posti di lavoro che andranno persi.

A mio parere sono troppe le cose che non sappiamo o che comunque non ci sono state dette, e/o come ci sono state dette.

 

Bhè se salta la tav possiamo sempre tornare al ponte di messina.

Noi Italiani abbiamo una grande esperienza dei costi e dei posti di lavoro,  basta pensare alle paratoie mobili di Venezia

a Italia e Francia, nei cantieri, negli uffici della Telt, la società incaricata di costruire e gestire la nuova ferrovia, e in altre società coinvolte nei lavori.

Entro il 2019 è prevista l’assegnazione degli appalti per 81 bandi di gara (43 in Italia) per un totale di 5,5 miliardi di euro. Telt prevede il coinvolgimento di 20 mila imprese, tra appalti e subappalti, e 8.000 lavoratori (diretti e indotto).

Fino ad oggi sono stati già spesi 1,5 miliardi di euro (il 50% a carico della UE, l’altro diviso a metà tra Italia e Francia). Sono stati destinati agli studi e alle attività preliminari e allo scavo di quattro gallerie esplorative, tre in Francia, la quarta in Italia, a Chiomonte (Torino), quest’ultima costata 173 milioni di euro.

tav_to_li_1-fill-650x424.jpg

Dal punto di vista pratico è già stato scavato anche il 33% dell’ultima galleria ‘geognostica’, tra La Praz e Saint-Martin-la-Porte, in Francia, destinato a essere un tratto della futura maxi-galleria da 57,5 km.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Volete fare paragoni?

Autostrada Salerno Reggio Calabria.

Oltre 440km

35 km in galleria

10 km di viadotti

200km di montagna impervia.

700 imprese

3500 operai + 7000 per l'indotto.

Costo 10 miliardi di eu

Questo da consuntivo anas.

 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, ahaha.ha ha scritto:

Volete fare paragoni?

Autostrada Salerno Reggio Calabria.

Oltre 440km

35 km in galleria

10 km di viadotti

200km di montagna impervia.

700 imprese

3500 operai + 7000 per l'indotto.

Costo 10 miliardi di eu

Questo da consuntivo anas.

 

 

 

 

Deve scusarmi Sig ahaha.ha . Stiamo parlando di Tav .  E’ connesso o distratto ?? Mi aveva chiesto anche con un pizzico di provocazione i dati ed io glieli ho forniti. Ed ella per tutta risposta , dalla Tav, mi passa alla Salerno - Reggio Calabria ??  Ma che fa ?? Una sorta di ....”ma allora il PD”. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Le ho portato solo dei dati perché li paragoni a quelli che ha riportato lei come fossero verità assoluta.

Buona giornata.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora