Per i professoroni non conosciamo più la grammatica. Ma se loro sono i primi...

I professori italiani dicono che i lorro alunni non conoscono più la grammatica ma, da quello ce mi raccontano le mie figlie, neanche loro se la cavano.... mia figlia corregge sempre il congiuntivo alla professoressa di matematica che la odia per questo! ;)

Modificato da ezywolf

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

21 messaggi in questa discussione

Uhh che paura...pensavo fosse marzullo a fare questa domanda :)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

C'è tanta ignoranza in giro... Non solo tra i giovani, ma anche tra gli adulti e i professori non fanno eccezione!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Beh Marzullo è un altro che dovrebbe tornare a scuola!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Anche in tv a volte si sentono strafalcioni da pazzi!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Si ma i dati riportati sugli studenti italiani dai giornali sono impressionanti....!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Se gli studenti sono ignoranti i primi colpevoli sono i professori e la scuola!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Anch'io conosco adulti che potrebbero imparare da alcuni ragazzi

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il problema sono le famiglie che fanno fare  a questi ragazzi solo quello ce volgiono!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Si ma io conosco dei professsori ch sono delle vere capre!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Negli anni del liceo e dell'università conobbi anch'io professori a dir poco impreparati. Mi ricordo che al terzo anno dello Scientifico fui interrogato in matematica una sola volta. Senza volerlo ridicolizzai la professoressa sulle sezioni coniche e quell'interrogazione fu anche l'ultima. Poi a Ingegneria, al corso di Complementi di Matematica, incappai in un sessantottino che aveva una cattedra anche a Economia, il quale poteva forse essere a suo agio con l'interesse semplice e quello composto, ma con la Teoria della Variabile Complessa andava nel pallone, e allora introdusse un nuovo simbolo matematico: la sigla q.c. con sottostante simbolo di uguaglianza (=) con il significato di "uguale quasi certamente". Ma questi epifenomeni deteriori del '68, i laureati con il 18 politico (o il 24 politico), ormai dovrebbero essere in pensione. Oggi i professori impreparati, gli studenti universitari che non sanno scrivere una tesi in italiano, gli avvocati che sbagliano i congiuntivi e le consecutio durante le arringhe, i parlamentari che si esprimono come erbivendoli, e aggiungerei pure gli articoli illeggibili e incomprensibili della Costituzione che voleva propinarci Renzi, sono tutte manifestazioni dello stesso fenomeno di impoverimento e scadimento culturale cui assistiamo in Italia da almeno un trentennio, e che a sua volta è un aspetto, a mio avviso il più preoccupante, del declino generale del paese. Le cause? Diciamo che quasi 40 anni di tv commerciale (o tv spazzatura, livello cui si è adeguata anche la tv pubblica) e 20 anni di berlusconismo ("Romolo e Remolo", l'energia nucleare che deriva dalla "scomposizione delle cellule", etc.) non hanno certo alzato il livello culturale degli italiani, come pure una serie di pseudo-riforme della Scuola e dell'Università una peggiore dell'altra. Va anche considerato che gli insegnanti in Italia sono sottopagati rispetto ai paesi più avanzati d'Europa, e quindi meno motivati a fare al meglio il proprio lavoro. Più in generale andrebbe incrementata (e razionalizzata) la spesa pubblica nell'istruzione. Tuttavia, a mio avviso, la causa prima della crisi culturale è un'altra: è la crisi della meritocrazia. Se in Italia si fa carriera tramite le raccomandazioni, gli appoggi politici, spesso anche con la corruzione e l'illegalità, che senso ha buttare il sangue e gli anni migliori della nostra vita sui libri? Che senso ha puntare al 30 e lode quando basta il 18? E l'esempio viene dall'alto. Basta pensare che oggi abbiamo come ministro della Giustizia un semplice diplomato e come ministra dell'Istruzione una che ha la terza media e un diplomino.  I cervelli migliori se ne vanno all'estero perché all'estero è più difficile farsi strada, ci vuole più preparazione, però la competizione è leale. Dagli attuali politici io non spero nulla, una speranza viene dalla Rete. Con Internet chiunque può farsi una buona cultura e a costo zero o quasi. Ma si può anche stare 10 ore al giorno smanettando su un pc o uno smartphone e avere solo perso tempo. I genitori, i fratelli maggiori, la scuola, dovrebbero educare i ragazzi a un uso oculato e proficuo della Rete.  

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

eppure c'é ki si ostina a kiamarla la "buona  sQuola "...... forse xké ha sistemato gente vicino casa senza percorre km da Nord a Sud e viceversa...                                                    

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

non serve ne parlare ne scrivere bene in italiano, oggi dobbiamo parlare e scrivere in ostrogoto.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 minuti fa, uvabianca111 ha scritto:

eppure c'é ki si ostina a kiamarla la "buona  sQuola "...... forse xké ha sistemato gente vicino casa senza percorre km da Nord a Sud e viceversa...

Non sappiamo più scrivere in italiano, e le righe qui sopra ne sono un esempio

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
16 ore fa, ahaha.ha ha scritto:

Non sappiamo più scrivere in italiano, e le righe qui sopra ne sono un esempio

eh no caro signore, un conto é VOLER scrivere in un certo modo x specifike ragioni, tant'é ke l'errore lo scrivo maiuscolo,  ed altro son errori di grammatica tipo un altro con l'apostrofo o verbi a sproposito....

                                                                                                          

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
23 minuti fa, uvabianca111 ha scritto:

eh no caro signore, un conto é VOLER scrivere in un certo modo x specifike ragioni, tant'é ke l'errore lo scrivo maiuscolo,  ed altro son errori di grammatica tipo un altro con l'apostrofo o verbi a sproposito....

Quindi la sua è una nuova proposta per modernizzare l'italiano.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, ahaha.ha ha scritto:

Quindi la sua è una nuova proposta per modernizzare l'italiano.

Forse lo sarà x lei.                               

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, uvabianca111 ha scritto:

Forse lo sarà x lei.        

per lei invece che cos'è? Velocizzare la scrittura?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
38 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

per lei invece che cos'è? Velocizzare la scrittura?

in alcuni casi, si;  in altri é kiamare le cose x quel ke sono veramente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 minuti fa, uvabianca111 ha scritto:

n alcuni casi, si;  in altri é kiamare le cose x quel ke sono veramente.

Kiamare è come chiamare il lemma com'è veramente?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
34 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Kiamare è come chiamare il lemma com'è veramente?

prima si skiarisca l'idea di cos'é un lemma

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963