new dalla toscana

Ottanta chili di cocaina, proveniente dal Sud America e che una volta immessa sul mercato avrebbe fruttato circa 19 milioni di euro, sono stati sequestrati dalle fiamme gialle di Livorno e dall’ufficio delle dogane di Livorno. Dalle prime ore della mattina, militari del comando provinciale di Livorno, coordinati dalla procura della Repubblica labronica, stanno dando esecuzione, con la collaborazione di finanzieri anche dei comandi provinciali di Roma e di Latina, a tre ordinanze di custodia cautelare in carcere – emesse dal gip   nei confronti di altrettante persone, a vario titolo indagati per i reati di traffico di sostanze stupefacenti e sostituzione di persona, anche mediante documenti di identificazione contraffatti.

Il principale destinatario del provvedimento cautelare, già noto alle forze dell’ordine e fratello di un capo clan di una famiglia di zingari operante nella zona pontina.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

3 messaggi in questa discussione

36 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Quindi?

Evidente. I ROM peruviani, boliviani e colombiani coltivano la coca. La raffinano e la vendono ai ROM italiani, che a loro volta forniscono Herr Director, il quale a furia di sniffare si è bruciato il cervelletto.....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 ore fa, director12 ha scritto:

Ottanta chili di cocaina, proveniente dal Sud America e che una volta immessa sul mercato avrebbe fruttato circa 19 milioni di euro, sono stati sequestrati dalle fiamme gialle di Livorno e dall’ufficio delle dogane di Livorno. Dalle prime ore della mattina, militari del comando provinciale di Livorno, coordinati dalla procura della Repubblica labronica, stanno dando esecuzione, con la collaborazione di finanzieri anche dei comandi provinciali di Roma e di Latina, a tre ordinanze di custodia cautelare in carcere – emesse dal gip   nei confronti di altrettante persone, a vario titolo indagati per i reati di traffico di sostanze stupefacenti e sostituzione di persona, anche mediante documenti di identificazione contraffatti.

Il principale destinatario del provvedimento cautelare, già noto alle forze dell’ordine e fratello di un capo clan di una famiglia di zingari operante nella zona pontina.

Uagliò..se ne hanno fatti trovare 80 Kg,allora vuol dire che dall'altra parte ne sono passati almeno 10 quintali.Mai sentito parlare di carichi civetta?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora