Gli amici ci conoscono meglio di come ci conosciamo noi stessi?

Un vero amico ti conosce e ti apprezza per quello che sei, ma ieri sera parlando con alcuni amici è venuta fuori la questione se un amico ci conosca meglio di come noi stessi ci conosciamo. Io non mi trovo d'accordo con questa posizione, penso che nel corso del tempo ho maturato una consapevolezza di me che difficilmente un amico può avere, anche se di lunga data, anche se intimo...

Voi che ne pensate?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

12 messaggi in questa discussione

Non so se ci conoscano meglio, ma spesso capita che un mio amico mi dia un punto di vista su me stesso che magari io non avevo considerato e che a volta mi appare "illuminante"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Certe volte noi abbiamo una considerazione di noi stessi un po' "ammorbidita", pensiamo per esempio di avere agito bene in una certa situazione non considerando fino in in fondo la prospettiva altrui... e gli amici essende cmq persone "esterne" a noistessi possono offrirci una visione più oggettiva...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Tutto molto bello... ma nel mondo reale gli amici possono anche essere amici invidiosi... è sempre bene mettere in discussione in punto di vista che ci arriva dall'esterno

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Gli amici veri sanno capirci anche da un'espressione del volto... e in molti casi riescono a sostenerci se ci vedono in difficoltà... quindi sì in un certo senso ci conoscono meglio di noi stessi, soprattutto se di lunga data

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Dipende dalle situazioni, in certi casi soprattutto se un amico non è direttamente coinvolto in una faccenda può offrire una prospettiva inedita e preziosa... in altri casi invece può far leva sul pre-giudizio che ha su di noi... non credo possa esservi una teoria generica a riguardo,... molto dipende dai casi

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
In questo momento, mariallen ha scritto:

Dipende dalle situazioni, in certi casi soprattutto se un amico non è direttamente coinvolto in una faccenda può offrire una prospettiva inedita e preziosa... in altri casi invece può far leva sul pre-giudizio che ha su di noi... non credo possa esservi una teoria generica a riguardo,... molto dipende dai casi

quoto... di quanti amici poi restiamo amici solo in forza del passato che ci ha uniti... ma quando i ricordi diventano più delle esperienze presenti.. bè direi che l'idea che l'amico ha di noi è vecchiotta...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

I miei no... o meglio tutti insieme forse sì ma presi isingolarmente di certo no

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, stesteph ha scritto:

Un vero amico ti conosce e ti apprezza per quello che sei, ma ieri sera parlando con alcuni amici è venuta fuori la questione se un amico ci conosca meglio di come noi stessi ci conosciamo. Io non mi trovo d'accordo con questa posizione, penso che nel corso del tempo ho maturato una consapevolezza di me che difficilmente un amico può avere, anche se di lunga data, anche se intimo...

Voi che ne pensate?

Io sono il mio miglore amico. Se un amico ci conosce meglio di quanto ci si conosca, non e merito dell'amico è solo colpa nostra, a volte troppo ipocriti e benevoli nei nostri confronti assumiamo atteggiamenti che mal tolleremmo in altre persone, altre volte incapaci di considerare gli effetti dei nostri comportamenti.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
55 minuti fa, mariallen ha scritto:

Dipende dalle situazioni, in certi casi soprattutto se un amico non è direttamente coinvolto in una faccenda può offrire una prospettiva inedita e preziosa... in altri casi invece può far leva sul pre-giudizio che ha su di noi... non credo possa esservi una teoria generica a riguardo,... molto dipende dai casi

quoto.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
11 minuti fa, refusi ha scritto:

Io sono il mio miglore amico. Se un amico ci conosce meglio di quanto ci si conosca, non e merito dell'amico è solo colpa nostra, a volte troppo ipocriti e benevoli nei nostri confronti assumiamo atteggiamenti che mal tolleremmo in altre persone, altre volte incapaci di considerare gli effetti dei nostri comportamenti.

ref, ma di fronte ad un problema, un amico resta più obiettivo è umano.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, ameliadespell ha scritto:

ref, ma di fronte ad un problema, un amico resta più obiettivo è umano.

a volte, e a volte no, non discuto sul fatto che possa essere obbiettivo, ma l'eventuale soluzione suggerita serebbe la SUA soluzione che potrebbe non essere ( e il più delle volte non lo è) la soluzione che noi avremmo adottato a mente fredda.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963