La temperatura dei mari sale e la barriera corallina perde i pezzi

Uno dei più grandi spettacoli della natura, la Grande Barriera corallina australiana, corre un grave pericolo. Secondo i rilevamenti dei ricercatori della James Cook University, lo "sbancamento" ha raggiunto il 35% dei coralli. Il colpevole è l'aumento della temperatura delle acque, conseguenza dei cambiamenti climatici, che causa la perdita del colore del corallo e indebolisce l'alga che gli fornisce ossigeno e nutrienti. Un deperimento che mette a rischio la vita di tutto l'ecosistema dell'area protetta, come il pesce pagliaccio, la cui sopravvivenza è fortemente minacciata dalla trasformazione dell'habitat. 

E' un effetto irreversibile o possiamo ancora fare qualcosa?

La-Grande-Barriera-Corallina.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

8 messaggi in questa discussione

Sono stata alle Maldive qualche anno fa con mio marito (il classico viaggio di nozze). Io non amo particolarmente fare snorkeling, ma lo spettacolo della barriera è qualcosa che non si dimentica. Un altro pezzo del nostro povero pianeta che si sta sgretolando. Io credo si possa ancora intervenire e recuperare il recuperabile, ma ci deve essere l'impegno di tutti. Governanti e governati.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Già nel 2010 si parlava di come risolvere questa minaccia. Dal 1950 a oggi il 20% della barriera corallina è scomparso e un altro 20% è a rischio di collasso. Addirittura il 58% è minacciato dall’uomo e dalle sue attività. Hanno anche identificato un punto di non ritorno dell’ecosistema dei coralli, ossia il momento in cui la barriera non si rigenera più e verrà sorpassata dalla velocità in cui si disgrega.
Sono stati ipotizzati diversi rimedi per la salvaguardia della barriera ma oggi è stata presentata una soluzione assai semplice ed economica: si tratta di praticare del giardinaggio. Marino ovviamente. Sembra che basti trapiantare dei rametti di corallo rotti sulle barriere e questi nel giro di qualche anno diventeranno grandi e saranno completamente integrati nella barriera. E l’idea è arrivata da Graham Forrester, dell'università di Rhode Island. Questa tecnica è stata testata con successo al largo delle Isole Vergini britanniche le cui barriere coralline sono messe a dura prova dalle tempeste.

Quote
Quote

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Estinguerci? 9_9

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

E' un fenomeno allarmante del quale occorrerebbe parlare più spesso. io, per esempio, non ne so molto ma vi domando: è colpa dell'intrusione umana? Le responsabilità sono nostre oppure vi sono fenomeni che si determinano a prescindere? 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
8 minuti fa, refusi ha scritto:

Estinguerci? 9_9

concordo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 minuti fa, comtruise ha scritto:

sicuramente il turismo ha un grande impatto.

5 minuti fa, comtruise ha scritto:

E' un fenomeno allarmante del quale occorrerebbe parlare più spesso. io, per esempio, non ne so molto ma vi domando: è colpa dell'intrusione umana? Le responsabilità sono nostre oppure vi sono fenomeni che si determinano a prescindere? 

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 minuti fa, comtruise ha scritto:

sicuramente il turismo ha un grande impatto.

5 minuti fa, comtruise ha scritto:

E' un fenomeno allarmante del quale occorrerebbe parlare più spesso. io, per esempio, non ne so molto ma vi domando: è colpa dell'intrusione umana? Le responsabilità sono nostre oppure vi sono fenomeni che si determinano a prescindere? 

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Purtroppo per alcuni fenomeni si può fare poco, ma un turismo più consapevole potrebbe risolvere molte questioni...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963