E' morto Marchionne, sapeva di essere in fin di vita ma lo aveva nascosto

Secondo quanto riportato da Lettera43, all’ex presidente della Ferrari era stato già diagnosticato un sarcoma alla spalla che aveva tenuto nascosto a tutti, persino a John Elkann

Indiscrezioni agghiaccianti, retroscena che fanno gelare il sangue. Secondo quanto riporta Lettera43.it, l’ex presidente della Ferrari era a conoscenza delle sue delicate condizioni di salute, essendogli stato diagnosticato un sarcoma alla spalla, piuttosto invasivo.

Nemmeno l’operazione, poi svolta, avrebbe potuto aiutarlo, ma Marchionne ha deciso comunque di affrontarla, tenendo tutti all' oscuro del proprio stato di salute, John Elkann compreso. Il manager italo-canadese da tempo soffriva di forti dolori alla spalla, leniti con l’assunzione di cortisone. Per evitare domande scomode sulle proprie condizioni di salute, Marchionne avrebbe addirittura confermato alcuni appuntamenti in programma dopo l’operazione per non destare sospetti, pur sapendo che a quegli incontri non ci sarebbe potuto andare. L’operazione, seppur paventata come inefficace dai medici, si è trasformata presto in dramma, con l’ex numero uno della Ferrari che sarebbe stato colpito da embolia cerebrale proprio durante l’intervento, entrando in coma. Danni che secondo Lettera43.it avrebbero reso le sue condizioni irreversibili, obbligando i medici a tenerlo in vita con l’aiuto delle macchine. Una situazione che poi ha spinto Elkann a diramare quel comunicato che, immediatamente, è apparso come un addio a Sergio Marchionne

http://www.sportfair.it/2018/07/marchionne-tutti-retroscena-del-dramma/790131/

marchionne

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

3 messaggi in questa discussione

Tutti i potenti nascondono le loro magagne...forse era quotato in borsa !

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

... quando in tutta fretta FCA e Ferrari han presentato i nuovi manager si era iniziato a capire ke x Markionne qualcosa nn funzionava. poi si é parlato di stato irreversibile ed allora il dubbio è diventato certezza.  sarà retorica ma piuttosto ke tenerlo in vita senza speranza di ripresa, staccare la spina è stato un gesto pietoso verso un povero corpo ke aveva diritto di riposare in pace.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, fosforo41 ha scritto:

Non amo la dietrologia, ma nella prematura e misteriosa fine di Marchionne e nella sua velocissima e irrispettosissima sostituzione c'è qualcosa che mi puzza. Perché sostituire un manager, etc etc..

Due cose mi piacevano in Marchionne: l'odio per la cravatta e lo stakanovismo. Era un lavoratore instancabile. Ora potrà riposarsi in pace.

nella repentina sostituzione dei vertici FCA e Ferrari ho pensato ke Markionne stesso, conoscendo la realtà del suo stato di salute, avesse dato suggerimenti essendo ancora in grado di farlo.

indubbiamente Markionne aveva un fascino tutto suo e nello stesso tempo risultò un personaggio discusso; come in tutte le cose, ci sarà ki ne parlerà bene (azionisti ed operai di dislocazioni) e ki ne parlerà male, (operai con la paura di rimaner a casa) ma lo sappiamo tutti ke x tirar su un'azienda in ammollo, oltre a rimboccarsi le manike, occorre soprattutto munirsi di uno spesso strato di pelo sullo stomaco sacrifi*cando tutto il sacrifi*cabile.

se consideriamo ke congrua liquidazione l'ha presa pure ki ha fatto + danni della grandine in estate, consoli il fatto ke almeno lui se l'é guadagnata.  ora l'azienda, ha da augurarsi, x continuare rimanere a galla, ke le nuove leve abbiano imparato esser alla sua altezza manageriale nn solo nella cifra dei dividendi da pagare agli azionisti poiké se nn avranno le sue intuizioni, sarà dura galleggiare.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora