Risate Grillebeti .....!!

La posizione del M5S su Trump è qualcosa di esilarante.

Perché se, da una parte, i vari capitan Salvini e Giorgina Meloni hanno trovato in Trump il loro nuovo amico immaginario, Grillo e soci non sanno come comportarsi, perché Trump piace ai loro elettori di destra, ma non a quelli di sinistra. 

Perciò ogni politico del MoVimento dice qualcosa di diverso, per mischiare le acque e "buttarla in caciara", come si dice a Roma, così i loro elettori di sinistra penseranno che il M5S sia critico (o attendista) rispetto al tycoon dai capelli arancioni, mentre quelli di destra penseranno che lo stia appoggiando.

Quindi Grillo lascia intendere, difendendolo,  che Trump non sta facendo nulla di diverso da quanto promesso: l'ha eletto la gente, bene così.
Fico fa quello un po' critico.
Di Maio sta ancora cercando di capire se si scriva "Trump" o "Tramp".

Ma il migliore è sempre il mitico Alessandro "Che" Dibba che, intervistato da Bianca Berlinguer sul neo presidente USA, tira fuori il coniglione dal cilindro e cita una frase di Clinton in cui diceva che aveva fatto molte espulsioni di immigrati per il bene del suo popolo. 
In pratica, quindi, non risponde e usa una delle frasi preferite dai grillini di tutto il mondo, ovvero: "Eh, allora erano meglio quelli di prima?".

Che se ci penso è una cosa che mi fa letteralmente impazzire. 
Cioè: se uno viene e mi caca in salotto è giustificato a farlo perché anche un altro l'aveva fatto l'anno scorso?
Boh, ma a quanto pare questa convinzione è diffusissima, da quelle parti.

In ogni caso, l'estratto dell'intervista in questione è diventato immediatamente popolarissimo tra i grillini.

Grande Dibba che ASFALTA la Berlinguer.

Ok, però non ha detto che ne pensa di Trump e della sua demenziale politica del Muslim Ban, o della cancellazione di Obamacare.
E non l'ha detto perché non può mica schierarsi contro le politiche di ultra destra che piacciono tanto a metà del suo elettorato, ma al tempo stesso non può appoggiarle perché ai grillini di sinistra non piacciono.
Quindi fa l'attendista, con un altro grande classico: "LASCIAMOLO LAVORARE POI GIUDICHEREMO" (frase che molti grillini usano sempre anche per Virgy Raggi).

E anche qui, che *** significa? 
In otto giorni, quello, ha bloccato i confini americani per sei paesi arabi con la scusa della "sicurezza", ha deciso di cancellare la sanità gratuita per gli indigenti, ecc.
La vedi da subito la politica che sta seguendo, no?
Cosa significa "Lasciamolo lavorare"?
Che aspetti, i "risultati" di quella politica?
Quindi, se il PIL degli USA dovesse salire grazie alla cancellazione delle cure gratuite per gli indigenti, a te starebbe bene?

Non credo, in realtà.
È semplicemente il solito gioco delle tre carte grillino, quello per cui la politica non serve più a niente, tanto chi vota non ha idea di cosa significhi. 
Mille volte meglio un ASFALTA da 10.000 condivisioni che una singola idea. Ahahahahaha , che idioti !!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

2 messaggi in questa discussione

Grillo ha il merito far ridere di + in veste politica ke comica.

Nn credo abbia elettori di DX poiké, con le varie fughe dall'aula x nn votare sfacciatam a favore di Renzi ma neppure dargli apertamente contro, salvo a parole, si mantenevano la seggiola dandogli modo di distruggere il paese.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

In realtà il M5S non ha affatto posizioni immobiliste in parlamento.

Il somaro pisano e i suoi sodali della "straordinaria base" hanno spesso scalciato incondizionatamente, per le affermazioni cocenti dei deputati del M5S.

Difatti il Cazzaro di Rignano è riuscito nell'epica impresa di distruggere il suo partito, creando fratture insanabili con la parte "meglio pensante" (si fa per dire) del suo partito.

Sarebbe interessante tirare il rigo sui mille giorni del Cazzaro, considerando i suoi primi cento giorni di inconcludenti balbettamenti.

Evidentemente il somaro pisano crede nelle preveggenze della sua sfera di cristallo che ha fallito clamorosamente su tutta la linea, considerando la debacle del suo beniamino in occasione del referendum del quattro di Dicembre.

La MAZZOLATA è stata di una portata tale, da spingere il povero Scemenzi ad aprire un blog nel vano tentativo di imitare Grillo.

Poche righe, indiscutibili verità.

Chiaramente il somaro scalcia tra un panino e l'altro.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963