BASTA F 35 E CHI LO DICE AGLI IMBONITI

Ecco    cosa    dicevano  prima   del 4   marzo  non  si  possono   acquistare   con  quei  soldi  si  aiuta   " PRIMA  GLI  ITAgLIANI "  beh  coerenza  e  onestà   non  è   qua...

Ma questa ministra Trenta per chi lavora? Ricorda la storia dei Trenta Denari…

http://coscienzeinrete.net/politica/item/3215-ma-questa-ministra-trenta-per-chi-lavora-ricorda-la-storia-dei-trenta-denari

Il Ministro della Difesa pentastellato Trenta ha dichiarato delle cose veramente “oscene” in America sulla conferma degli F-35 e sull'aumento enorme delle spese militari, ed è stata poi costretta a fare una parziale frenata in Italia. Ma a ben guardare solo parziale, ed anche debolissima.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

4 messaggi in questa discussione

Inviata (modificato)

É stata per me una grossa delusione il non trovare nel contratto di governo un bel taglio agli F-35. Ma francamente da una debuttante assoluta in un incarico delicato come quello di ministro della Difesa è difficile attendersi che alle sue prime uscite internazionali contraddica importanti accordi e impegni presi dai suoi predecessori. L'impegno sulla  commessa degli F-35 risale ai governi D'Alema, Berlusconi e Prodi. La commessa fu tagliata da Monti (da 131 a 90 unità) e confermata da tutti i governi successivi, incluso Renzi che da sindaco di Firenze la definiva "soldi buttati via". L'impegno a quasi raddoppiare la spesa militare portandola al 2% del PIL fu preso personalmente da Renzi a un vertice NATO. La politica di spesa nel settore difesa non compete solo al ministro ma all'intero governo e l'ultima parola spetta al Parlamento. Il problema maggiore del caccia F-35 non è nemmeno il costo (ingente e soprattutto incerto) ma la sua inutilità (per noi). Si tratta di un'arma progettata soprattutto per l'attacco, ma l'Italia, come sancito dall'art.11 della Costituzione, non è un paese aggressivo. Non lo è neppure la Germania che infatti non ne compra nemmeno uno. La nostra commessa (come quelle di altri paesi) è semplicemente il frutto di una storica sudditanza agli USA, alla quale nessun nostro governante ha mai saputo sottrarsi, con la sola eccezione del Craxi di Sigonella. Teniamo anche conto che abbiamo già speso diverse centinaia di milioni per lo stabilimento di assemblaggio di Cameri, che stiamo costruendo una portaerei da oltre 1 miliardo destinata a imbarcare gli F-35B (versione a decollo corto) senza i quali sarebbe declassata a semplice portaelicotteri, e che dovremo comunque spendere somme ingenti per la logistica e per l'aggiornamento dei caccia già acquisiti. A mio avviso a questo punto un compromesso ragionevole potrebbe essere un taglio della commessa a non più di 40-50 aerei. Di certo la spesa militare annua non va incrementata ma ridotta. Staremo a vedere. Per il momento va un plauso alla ministra Trenta che ha bacchettato Salvini sulla faccenda della nave militare irlandese che ha sbarcato a Messina 106 migranti nell'ambito di un'operazione europea. Questi casi sono di pertinenza di Esteri e Difesa e non del ministero dell'Interno.

http://www.repubblica.it/cronaca/2018/07/08/news/nave_militare_irlandese_sbarca_a_messina_con_106_migranti-201198516/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P1-S1.8-T1

Modificato da fosforo41

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ma  sono gli  stessi  che   dicevano  che  sarebbe   stata  una  delle  prime    cose    da  dismettere  immediatamente  ah  già le  loro  promesse  e  il  loro  dire  non  è  uguale   a  quello  che    diceva   il Renzi  da   sindaco  sia  mai... . La  conclusione  però  è  che   gli  aerei  arrivano  senza  se  e  senza  ma   nonostante    le  bordate   anti acquisto  che  facevano  in  campagna  elettorale  e   soprattutto   contro  il  governo allora  in  carica... come   cambia   quando  si  è sulla  poltrona  della  casta... alla faccia  della  coerenza  e dell'onestà   richiesta  solo   agli  ALTRI   naturalmente...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Roma, via del Corso: Raggi inaugura l’isola pedonale ma inciampa in una buca stradale

Dopo aver scattato le foto di rito a conclusione dell’inaugurazione del nuovo tratto pedonalizzato di via del Corso, la sindaca finisce in una buca e rischia di cadere per terra. Per fortuna nessun capitombolo doloroso o uno scatto «compromettente»

i grillini destri farebbero giornalmente dei vaffaday con lo svizzero in testa....come dire l'importante è arrivare al comando, poi si vedrà....:D

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ora  occupano  tutte   le  poltrone  possibili  e   sono  la  CASTA 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora