Con il Jobs Act aumentano i licenziamenti

 Se sostenitori e denigratori del Jobs Act, la riforma del lavoro del governo Renzi, si sono spesso sfidati sui numeri dei nuovi occupati, scarsa attenzione è stata invece rivolta ai licenziamenti. I quali sono nettamente aumentati negli ultimi tre anni. Specie quelli disciplinari, non più protetti dal vecchio articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori che rimandava al giudice la decisione sul fatto che un licenziamento avvenisse effettivamente per ragioni disciplinari o meno.

 

Renzi ha tradito i valori della sinistra?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

11 messaggi in questa discussione

credo che si sia arreso alle necessita del nostro tempo.

tristemente vero, non si parla mai dei lati oscuri di una legge.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Con l'abolizione dell'Art. 18 già si poteva immaginare quale sarebbe stato lo scenario fututo. Renzi, secondo me, ha esposto innumerevoli lavoratori al licenziamento.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

sinistra, ma quale sinistra  ? Unico dubbio se sia una DC.2 o PDL.2 !.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, markozelek ha scritto:

 Renzi ha tradito i valori della sinistra?

Renzi ha tradito tante persone, mica solo a sinistra...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

I licenziamenti di lavoratori con contratto a tempo indeterminato nei primi 9 mesi dell’anno sono passati dai 452.717 del 2014 ai 430894 del 2015, ai 448.544 del 2016 su un totale di contratti a tempo indeterminato stipulati di 10.296.212 nel 2014, 10.161.270 nel 2015 e 10.873.449 nel 2016.                                                        Quindi la notizia dell'autore del post e' falsa e tendenziosa perché si riferisce , come paragone , ai numeri dell'anno precedente e non è un dato con un numero in valore assoluto . L' ultimo anno con cui si può paragonare il Job Act e' il 2013 in quando in Job act e' entrato a regime nel 2014 . Bene , nel 2013 , i licenziamenti superarono il milione di unità . Ergo , da quando in vigore , con il Job Act ci sono stati 500.000 circa licenziamenti in meno . Vedete come si possono sparare bufale e far passare notizie non vere che riempiono la testa di destrebeti e webeti . Consiglio poi all'autore del post che quando si fanno dei copia incolla come in questo caso , di inviare il testo completo senza fare tagli a seconda della convenienza . 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Fonte ?? La stessa dell'autore del post che però ha tagliato il copiaincolla a suo gradimento : " Qui Finanza". Di 6 giorni fa 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

E' un po' troppo presto per tirare le somme. Bisognerà aspettare ancora qualche anno per capire i veri effetti della riforma sul mondo dei lavoratori

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sinistra? Destra? ma ormai ha ancora senso parlare di destra o sinistra?  Non esistono più. Ormai c'è un lato grigio, non bianco o nero. Tutti dicono le stesse cose e il contrario di tutto. A loro interessa solo prendere i ns soldi... tutto qui. Del resto non gliele frega una beata fava

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963