l'europa ordina,padoan&gentiloni: obbedisco

E un'unica soluzione possibile, suggerita dalla stessa Unione europea: tassare i consumi e la rendita

Tradotto, come ricorda Il Giornale: si rischia l'aumento dell'Iva (già uno spauracchio per il 2018) e una rimodulazione delle asse sulla casa. L'imposta sul consumo, tra le ipotesi avanzate dal ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan in linea con l'Europa, è stata respinta con forza sia da Matteo Renzi sia dal ministro dell'Agricoltura Maurizio Martina. Anticipare l'aumento di qualche mese, sottolinea ancora Il Giornale, farebbe incassare poco quest'anno e avrebbe come risultato negativo quello di abbattere i consumi anche nel 2018. Occhio allora alle altre strade: l'aumento delle accise e di quella che lo stesso rapporto Ue chiama "l'imposta patrimoniale sulla prima casa", Imu e Tasi eliminate da Renzi sull'abitazione principale. Una via percorribile sarebbe quella di reintrodurre la tassa sulla prima casa o, come minimo, rimodulare in modo progressivo quella sulle seconde.ecco l'europa di prodi,quella che "lavoreremo meno e guadagneremo di piu'"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

0 messaggi in questa discussione

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora