Ridere ??? Piangere ???

 

L'idea di far pagare ai messicani il muro anti-messicani non sarebbe venuta in mente nemmeno ai Monty Python, fossero ancora in attività e avessero deciso di girare un film comico su Donald Trump. Siamo decisamente oltre la normale tracotanza. Siamo in quella zona della psiche umana dove la malvagità diventa quasi poesia. Siamo al ricco che depreda il questuante, all’automobilista che investe sulle strisce un pedone e lo accusa di rovinargli la carrozzeria, a monsieur Opale che sgambetta gli storpi nel Testamento del mostro di Jean Renoir, e naturalmente al lupo che imputa all’agnello di perseguitarlo, secondo l’eterno archetipo di Esopo e di Fedro.
Si cerca di immaginare la faccia del presidente messicano quando uno del suo staff (forse tirato a sorte, perché nessuno osava dirglielo) è andato nel suo studio per riferirgli che non solo il Messico sarebbe stato murato da Trump; ma avrebbe pure ricevuto il conto dei lavori, che tra mattoni e ferramenta si aggirerà sui dieci miliardi di dollari. Probabile un contenzioso sulle spese di imbiancatura: almeno per il lato visibile dagli States, potrebbe per cortesia provvedere Trump? E pazienza se sceglierà sicuramente una tinta orribile?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

9 messaggi in questa discussione

29 minuti fa, mark525 ha scritto:

 

L'idea di far pagare ai messicani il muro anti-messicani non sarebbe venuta in mente nemmeno ai Monty Python, fossero ancora in attività e avessero deciso di girare un film comico su Donald Trump. Siamo decisamente oltre la normale tracotanza. Siamo in quella zona della psiche umana dove la malvagità diventa quasi poesia. Siamo al ricco che depreda il questuante, all’automobilista che investe sulle strisce un pedone e lo accusa di rovinargli la carrozzeria, a monsieur Opale che sgambetta gli storpi nel Testamento del mostro di Jean Renoir, e naturalmente al lupo che imputa all’agnello di perseguitarlo, secondo l’eterno archetipo di Esopo e di Fedro.
Si cerca di immaginare la faccia del presidente messicano quando uno del suo staff (forse tirato a sorte, perché nessuno osava dirglielo) è andato nel suo studio per riferirgli che non solo il Messico sarebbe stato murato da Trump; ma avrebbe pure ricevuto il conto dei lavori, che tra mattoni e ferramenta si aggirerà sui dieci miliardi di dollari. Probabile un contenzioso sulle spese di imbiancatura: almeno per il lato visibile dagli States, potrebbe per cortesia provvedere Trump? E pazienza se sceglierà sicuramente una tinta orribile?

Tramp " anche Hitler era stato eletto dal suo popolo e ha distrutto il suo popolo e mettendo a ferro e  fuoco l'Europa" Anche in Europa come negli Stati Uniti le conseguenze di una crisi economica per la quale non si vede una via d'uscita e il barlume di una crescita, non fa che aumentare le disuguaglianze tra gli ultimi e i penultimi ovvero tra i precari e tra coloro che il lavoro non lo trovano con un futuro incerto. In queste situazioni di disagio sociale trovano terreno fertile i movimenti populisti e noi in Italia non ci facciamo mancare niente nel senso che i movimenti populisti continuano a crescere, come in Francia, Germania e in altri paesi dell'Europa, che dettano le loro soluzioni ai problemi contro la crisi economica e contro l'immigrazione, perché c'è questa voglia dell'uomo forte solo al comando e vedono Trump come l'uomo politico forte di riferimento. Questo è accaduto negli Stati Uniti dove Trump da buon populista ha saputo cavalcare  la crisi economica e il malessere della classe media e ha vinto le elezioni presidenziali. Trump è stato eletto dal popolo americano, ha promesso il protezionismo per le industrie americane, mentre la Cina apre alla globalizzazione; insomma un mondo alla rovescia, Trump  ha promesso  muri, e perché no anche un po' di xenofobia e omofobia. La storia ci insegna che anche in Germania Hitler nel 1933 era stato eletto dal suo popolo facendo il populista poi sappiamo tutti come è andata a finire in Europa. Durante la campagna elettorale, Trump aveva promesso di imporre dazi del 35% contro le compagnie che vanno a costruire all'estero, per poi riattraversare il confine e vendere le loro merci. Questa minaccia è ancora sul tavolo, è andato oltre, indicando la strada per evitare lo scontro. Lui vuole che le aziende americane tornino a produrre negli Stati Uniti, perché pensa che il successo della sua presidenza si giocherà soprattutto sull'economia e l'occupazione. Spera però che tornino di loro volontà, non per decreto, quando scopriranno le condizioni favorevoli create dalla sua amministrazione.  Donald Trump continua a macinare decisioni che realizzano le sue promesse elettorali. E' la volta del Muro col Messico. Al terzo giorno di governo, arriva anche la sua promessa più simbolica e controversa, quella fortificazione di frontiera che fu il segno distintivo della sua campagna elettorale; infatti ha  annunciato l'ordine esecutivo  l'equivalente di un decreto presidenziale - in cui orienterà fondi pubblici per l'edificazione di un muro al confine meridionale [...]

 

( copia e incul..a) :)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Questa è la versione della questione in termini meno dilettantistici

https://www.nytimes.com/2017/01/26/business/economy/mexico-pay-border-wall-trump.html?_r=0

Comunque sia, un bimbominkia fiorentino ha provato a far pagare a tedeschi e francesi i costi per il rimpatrio di coloro che non hanno diritto al diritto di asilo per ragioni umanitarie.

Pensa te.

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, docgalileo ha scritto:

Questa è la versione della questione in termini meno dilettantistici

https://www.nytimes.com/2017/01/26/business/economy/mexico-pay-border-wall-trump.html?_r=0

Comunque sia, un bimbominkia fiorentino ha provato a far pagare a tedeschi e francesi i costi per il rimpatrio di coloro che non hanno diritto al diritto di asilo per ragioni umanitarie.

Pensa te.

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Ma vai a ca ga re nella cenere sfascista di me rda !

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ho un vago e triste presentimento. Chi furono gli ultimi due presidenti USA a non terminare il mandato? Se non erro, Nixon e Kennedy. Il primo fu dimissionato (per lo scandalo Watergate), il secondo fu assassinato. Auguro sinceramente a "scorreggia" Trump di fare la fine di Nixon.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

border_wallf__1_

mexico_border_fence_car_stuck

 

Borderwall

queste foto le ha mandate la signora Missy. Sono quelle del muro costruito da Clinton e successori, senza tanti proclami come ha fatto Trump.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, roby26102 ha scritto:

Mi fa ridere questa notiziola e mi fai piangere tu di non preoccuparti di piu di quello che succede in Italia!!!

Quello che succede in Italia e' anche causa delle guerrevolute da busch

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
36 minuti fa, roby26102 ha scritto:

Ma volete guardare al presente...il passato è storia...

Vedo che lastoria a te NON insegna proprio nulla...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
6 minuti fa, roby26102 ha scritto:

La storia è importante..ma se una persona vive ancora nella storia è perchè si sente vecchia,

e io voglio guardare al futuro...

Beh allora pensa al presente...al tg1 hanno detto che il delinquente di arcore le pagava 20mila euro le sue " amiche "  zokco le

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

SOGNANDO L'AMERIKA!!1!1!

Dai vediamo un po' chi sono i ministri* che piacciono tanto allaggente webete che tifa Peppe e Salveeni:

-Steve Mnuchin, Ministro dell'Economia. Mliardario, dirigente di Goldman Sachs e amministratore di fondi di investimento.

...

-Rex Tillerson, Ministro degli Esteri. Miliardario, amministratore delegato di Exxon Mobile (maggiore compagnia petrolifera mondiale).

-Wilbur Ross, Ministro del Commercio. Miliardario, banchiere e finanziere, noto come "il re della bancarotta" perché ha fatto fortuna comprando aziende fallite e rivendendole.

-James Mattis, Ministro della Difesa. Generale dei Marines, ai vertici della Nato e comandante sul campo l'invasione dell'Iraq.

-John F. Kelly, Ministro dell'Interno. Generale dei Marines, comandante sul campo durante la guerra in Iraq.

-Tom Price, Ministro della Sanità. Famoso medico e miliardario, noto per la sua opposizione all'idea di sanità statale gratuita.

-Scott Pruitt, Ministro dell'Ambiente. Noto negazionista del global warming.

-Rick Perry, Segretario per l'Energia. Governatore del Texas fino al 2015 e notoriamente favorevole all'industria petrolifera.

-Andrew Puzder, Ministro del Lavoro. Miliardario, amministratore delegato di CKE Restaurants Holding, una delle più grandi compagnie americane nel campo della ristorazione.

Non c'è che dire, davvero un governo di poveri francescani, avulsi da conflitti d'interessi, vicini alle problematiche del popolo e dellaggente webete che li applaude perché hanno chiuso i confini agli immigrati, in una nazione che è nata da immigrati. Applausi.

*ove possibile, i ruoli sono stati tradotti nell'equivalente italiano

L'immagine può contenere: 1 persona, meme e sMS

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963