Un doveroso ricordo di un grande italiano

Pur con ingiustificabile ritardo, voglio ricordare il compianto professore Stefano Rodotà, di cui ieri correva il primo anniversario della scomparsa. Un calabrese di origini albanesi, un grande italiano, un gigante della democrazia e del diritto, un fine intellettuale di sinistra che seppe interpretare la politica nel senso più puro e più alto: quello dell'impegno civile al servizio della collettività. Così come l'indimenticabile professoressa Amalia Signorelli, anche il prof. Rodotà dedicò gli ultimi mesi della sua vita, già gravemente malato, a una nobile quanto difficile battaglia: la difesa della Costituzione che alcuni incompetenti, probabilmente su mandato di poteri forti nazionali ed esteri, intendevano manomettere in modo vergognoso. Alla fine fu una splendida vittoria. Se esistesse un calendario dei santi laici, il 4 dicembre spetterebbe di diritto ad Amalia Signorelli e a Stefano Rodotà. Ambedue li avevo proposti nel forum nella mia personale lista di candidati al Quirinale nel 2013. Rodotà avrebbe potuto e avrebbe certo meritato di essere il nostro presidente della Repubblica, senza il vergognoso inciucio all'italiana che portò alla rielezione di Napolitano (e a una disastrosa legislatura). Noi non avremmo meritato lui. Lo ricorderemo come una delle figure più limpide e più belle che la cultura e la politica italiana abbiano mai espresso. Ma il prof. Rodotà fu anche e soprattutto un docente stimatissimo dai colleghi e amatissimo dagli allievi. Lo testimonia questo commovente, lunghissimo, interminabile, infinito applauso che concluse il suo funerale laico alla facoltà di Giurisprudenza alla Sapienza di Roma. 

Alziamoci tutti in piedi e uniamoci all'applauso, al ricordo, al ringraziamento.

Grazie, prof. Rodotà

https://m.youtube.com/watch?v=Waoz4Fs5EsY

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

11 messaggi in questa discussione

egrg,sig. geom.filini...mi spiace demolire una  sua pietra miliare,ma tutte questi pregi francamente non li vedo,ne si trovano.come sempre il tuo" nobel" della sicurezza non ha fatto altro che favorire la criminalita'.come?? semplicissimo:la famosa,quanto discussa legge sulla p.r.i.v.c.y.(devo punteggiare se no viene censurata!) ecco ,questa legge voluta  e approvata dal tuo campione,non fa altro che garantire  il delinquente seriale. le telecamere,cosa che potrebbe incastrare senz a dubbi il ladro,rapinatore,i  ldelinquente non puo' essere usata come prova!!!!  in u n quartiere massacrato da furti,le telecamere di sorveglianza hanno filmato tutto:volto scoperto,ruberia ,furto,scasso.quindo i colpevoli hanno un nome e cognome;le legge che dice? non servono in tribunale,in quanto viene violata la p.r.y.c.a.c.y ...dei delinquenti!! di quelli che sono entrati scassinando porte e finestre in casa tua,hanno saccheggiato,hanno rubatoi..li filmi,e non serve ad in c@@@o!! le legge voluita dal tuo saccente di sx,li tutela!!! cambiamo argomento?? ok....uno che dovrebbe essere candidato alla presidenza della replulbica,dovrebbe essere un neutrale..e giia'...come la foto sotto!! geometra...sii piu' serio

Risultati immagini per rodota manifesta fiom

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

... scusa Fosforo rispetto la tua idea ma trovo inutile sta scoperta della ***... al ristorante, in clinica, ai giardini pubblici, in treno, al bar si é tormentati dalla voce alta dei cafoni ke blaterano al telefonino incuranti far sentire i casi loro a tutti ma guai se un congiunto ci curiosa dentro oppure in posta o banca o altro ufficio pubblico dove la buona volontà di garantire la ***, viene vanifi*cata dalla voce dell'impiegato/a ke urla i tuoi dati ad urbi et orbi... x nn parlare poi di certe misure quali telecamere la cui utilità viene scoperta sempre a fattaccio avvenuto quando, ci fosse stata prima...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Scusate, ma dove sta scritto che le videoregistrazioni delle telecamere di sorveglianza (pubbliche e private) non hanno valore probatorio nei processi? A me pare che la Cassazione dica il contrario:

https://www.laleggepertutti.it/110645_videoregistrazioni-come-prova-che-valore-hanno

Certo non bisogna esagerare con la videosorveglianza, altrimenti rischiamo di finire in un regime da Grande Fratello (non quello di Canale5 ma quello di Orwell). 

Quanto a Maurizio Landini, penso che anche lui sia una splendida persona di sinistra e che sarebbe un grande presidente della Repubblica.

Modificato da fosforo41

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 minuti fa, fosforo41 ha scritto:

Scusate, ma dove sta scritto che le videoregistrazioni delle telecamere di sorveglianza (pubbliche e private) non hanno valore probatorio nei processi? A me pare che la Cassazione dica il contrario:

https://www.laleggepertutti.it/110645_videoregistrazioni-come-prova-che-valore-hanno

Certo non bisogna esagerare con la videosorveglianza, altrimenti rischiamo di finire in un regime da Grande Fratello (non quello di Canale5 ma quello di Orwell). 

ecco il dacalogo della grangagata

  1. occorre chiarire gli scopi che si intendono perseguire e verificare se sono leciti in base alle norme vigenti: se l´attività è svolta, ad esempio, per prevenire pericoli concreti o specifici reati, occorre rispettare le competenze che le leggi assegnano per tali fini solo a determinate amministrazioni pubbliche;
  2. il trattamento dei dati deve avvenire per scopi determinati, espliciti e legittimi;
  3. i soggetti che sono tenuti a notificare al Garante l´esistenza di banche dati devono indicare fra le modalità di trattamento anche la raccolta di *** mediante apparecchiature di videosorveglianza;
  4. i cittadini devono essere informati, in maniera chiara anche se sintetica, della presenza di telecamere e dei diritti che possono esercitare sui propri dati, tanto più se le apparecchiature non sono immediatamente visibili;
  5. per il controllo a distanza dei lavoratori rimangono comunque validi i divieti e le garanzie previsti dallo Statuto dei lavoratori;
  6. i dati raccolti devono essere quelli strettamente necessari agli scopi perseguiti: vanno pertanto registrate solo le immagini indispensabili, va limitato l´angolo visuale delle riprese, vanno evitate immagini dettagliate o ingrandite e, di conseguenza, vanno stabilite in maniera adeguata la localizzazione delle telecamere e le modalità di ripresa;
  7. va stabilito con precisione entro quanto tempo le immagini devono essere cancellate e occorre prevedere la loro conservazione solo in relazione a illeciti che si siano verificati o a indagini giudiziarie o di polizia;
  8. vanno individuate, con designazione scritta, le persone che possono utilizzare gli impianti e prendere visione delle registrazioni e deve essere vietato l´accesso alle immagini ad altri soggetti, salvo che si tratti di indagini giudiziarie o di polizia;
  9. i dati raccolti per determinati fini (ad esempio sicurezza, tutela del patrimonio) non possono essere utilizzati per finalità diverse o ulteriori (ad esempio per pubblicità, analisi dei comportamenti di consumo), fatte salve le esigenze di polizia o di giustizia e non possono essere diffusi o comunicati a terzi;
  10. le immagini registrate per la rilevazione degli accessi dei veicoli ai centri storici devono rispettare l´apposito regolamento (D.P.R. 250/1999) ed essere conservate per il solo periodo necessario alla contestazione delle infrazioni.

Un discorso a parte va fatto per gli impianti di videosorveglianza finalizzati esclusivamente alla sicurezza individuale (ad esempio il controllo dell´accesso alla propria abitazione). Questi impianti, ove perseguano effettivamente tale scopo, non rientrano nell´ambito di applicazione della legge sulla riservatezza essendo il trattamento effettuato a fini personali.

Tuttavia vanno comunque rispettati alcuni obblighi: le riprese devono essere limitate al solo spazio antistante tali accessi, evitando forme di videosorveglianza su aree circostanti che potrebbero limitare la libertà altrui. Le *** raccolte, inoltre, non devono essere comunicate o diffuse ad altri.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

A me pare un decalogo abbastanza ragionevole, anche se tutto è migliorabile e aggiornabile. La gran gagata l'hai scritta tu, quando hai scritto che la videoregistrazione non può essere usata come prova. E hai aggiunto alla balla pure quattro punti esclamativi! Abbondandis in abbondandum! direbbe Totò.

Modificato da fosforo41

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
8 minuti fa, fosforo41 ha scritto:

A me pare un decalogo abbastanza ragionevole, anche se tutto è migliorabile e aggiornabile. La gran gagata l'hai scritta tu, quando hai scritto che la videoregistrazione non può essere usata come prova. E hai aggiunto alla balla pure quattro punti esclamativi! Abbondandis in abbondandum! direbbe Totò.

se l'ho scritta vuol dire che ne sono a conoscenza di un caso eclatante che testimonia quanto ho asserito..quindi....macchietta di edoardo...informati.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, uvabianca111 ha scritto:

... scusa Fosforo rispetto la tua idea ma trovo inutile sta scoperta della ***... al ristorante, in clinica, ai giardini pubblici, in treno, al bar si é tormentati dalla voce alta dei cafoni ke blaterano al telefonino incuranti far sentire i casi loro a tutti ma guai se un congiunto ci curiosa dentro oppure in posta o banca o altro ufficio pubblico dove la buona volontà di garantire la ***, viene vanifi*cata dalla voce dell'impiegato/a ke urla i tuoi dati ad urbi et orbi... x nn parlare poi di certe misure quali telecamere la cui utilità viene scoperta sempre a fattaccio avvenuto quando, ci fosse stata prima...

kissà come mai la parola "pri*va*cy"  viene censurata... manco fosse una parolaccia...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, uvabianca111 ha scritto:

kissà come mai la parola "pri*va*cy"  viene censurata... manco fosse una parolaccia...

Credo che vengano censurate tutte le parole chiave dell'editor di Virgilio, riservate solo agli amministratori e non agli utenti. É un po' una limitazione ma ormai ci siamo abituati.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
15 ore fa, director12 ha scritto:

non ha fatto altro che favorire la criminalita

forse non era nelle intenzioni di Rodotà...ma sicuramente ne godette enormemente il berlu.....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
11 ore fa, fosforo41 ha scritto:

Il bellissimo ricordo di Tomaso Montanari, presidente di Libertà e Giustizia, benemerita associazione con la quale Rodotà condivise tante battaglie civili:

https://emergenzacultura.org/2017/06/24/tomaso-montanari-per-la-scomparsa-di-stefano-rodota/

 

Infatti mi sembrava strano che un Cazzaro del tuo livello ancora non avesse accostato il nome di Tomasino Montanari , noto perenne sconfitto ed impalpabile ed inascoltato esponente della sinistra virtuale , a quello di Rodota’. Erano talmente distanti che solo un idio ta come te avrebbe potuto elevarne il pensiero liturgico ad epitaffio verso Rodota’. Diversi sul pensiero della dinastia proprietaria dei Casaleggio, le inaccettabili posizioni sui migranti, sul cammino dell’Unione europea . Non a caso si era messo a riflettere sul problema della leadership e dei corpi intermedi, croce e delizia dei suoi amici “uno-vale-uno”. Ma il Cazzaro di Napoli non si accorge di tuttocio’ . Seeee !! Al Cazzaro piace sentirsi a suo agio tra “famosi “. E’ un modo per sentirsi sul loro stesso piano pur essendo una fetecchia . Non ha manco capito quanta differenza c’era tra Rodota’ e Montanari sull’idea di passaggio da una democrazia rappresentativa a una democrazia d’investitura,  su il rapporto diretto tra il capo e la folla. Il Cazzaro di Napoli non ricorda nemmeno che Montanari e’ stato e lo e’ ancora , un grandissimo simpatizzante dei 5 stelle ( quindi per la proprietà transitiva dei mediocri lo e’ pure il Bufalaro Partenopeo ) al punto che fu in procinto di diventare un assessore della giunta Raggi . Che Montanari parli e citi Rodota’ come mito ?? Oppure come vittima ?? Perché il Cazzaro di Napoli finge , o fa finta di fingere , che Grillo, alla prima critica, definì il professore adorato dai grillini un “ottuagenario miracolato dalla Rete”. la psicopolitica si fa sempre più strada nella mente del co@lione Partenopeo , che , come più volte ho detto , crede di essere qualcuno e si avventura in elogi pubblici e postumi verso chi non lo avrebbe caga to manco di striscio . Ma lui non lo sa . Intimamente e’ convinto che da lassù , Stefano Rodota’ , stia dando una occhiata al forum e sussurri :” Ma quanto e’ bravo sto Cazzaro ogni scarraffone in braccio a mamma sua “.  Che squallore d’uomo !! 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora