Eruzione Guatemala: 650mila bimbi a rischio.

I vulcani stanno diventando più cruenti, in Guatemala non si aspettavano una roba simile, pare vi sia un incremento che hanno riscontrato gli scienziati dall'inizio di questo anno anche con un aumento di scosse. In Italia si spera non si ripeta una nuova Pompei, dato che anche noi abbiamo vulcani e supervulcani che quando esplodono fanno sul serio, ma in tanti aspettano con ignavia quel giorno, che potrebbe essere anche domani, perchè i vulcanologi ci dicono che tutto potrebbe cambiare in qualsiasi istante, e chi di dovere lo sa bene che in poche ore non si potrà  mai salvare più di 3 milioni di persone.  E San Gennaro rispecchia il pensiero degli italiani: "Chetenefotte! Dici sempre si che non è mai peccato!"

Vulcano Guatemala, allarme Unicef: 650mila bimbi nelle zone dellʼeruzione

Più di un centinaio le vittime accertate, 123mila sfollati, tra questi migliaia di bambini. Dopo l'eruzione più potente degli ultimi 40 anni, in Guatemala si contano i danni. L'Unicef ha lanciato l'allarme per sensibilizzare sulla situazione in cui si trovano bimbi e adolescenti: più di 600mila vivono nelle zone colpite dalla lava. Sono tantissimi infatti i piccoli che sono ospitati e assistiti nei rifugi di emergenza.

Finora sono state evacuate 12mila persone, ma secondo l'Unicef sono più di 120mila gli sfollati e circa 650mila bambini e adolescenti vivono nelle zone colpite dalla lava. "In situazioni di emergenza come questa, i bimbi potrebbero perdere l'accesso al cibo, all'*** sanitaria, all'acqua potabile e alla protezione. Bisogna garantire loro la massima protezione", ha detto Carlos Carrera, rappresentante dell'Unicef in Guatemala. Sono centinaia i bimbi ora ospitati nei rifugi. Ma l'emergenza non è finita: su uno dei versanti del Volcan de Fuego si è aperta una nuova frattura da cui fuoriesce lava incandescente.

http://www.tgcom24.mediaset.it/mondo/vulcano-guatemala-allarme-unicef-650mila-bimbi-nelle-zone-dell-eruzione_3145303-201802a.shtml

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

6 messaggi in questa discussione

Inviata (modificato)

Secondo gli ultimi dati abbiamo che tutta la zona dei Campi Flegrei continua la sua impennata, ed il Vesuvio invece continua a sprofondare su se stesso inclinandosi anche da un lato, insomma si stà abbuccando, lo stesso dicasi della zona mare antistante Torre del Greco che misura un dislivello nei fondali di 2 cm rispetto al resto, pertanto, mi domando e vi dico: se una parte sale gonfiandosi ed un'altra scende con sciami sismici superficiali che potrebbero significare che il Vesuvio si stà ingoiando il tappo, si potrebbe andare incontro ad una frattura in profondità che dividerà Napoli metà e metà? :/

Ma se lo dici agli altri non solo ti sputano in faccia e ti prendono a pernacchie ma ti maledicono anche, ed allora dice la mia Coscienza: "Quello gli ritorna tale e quale!" -_-

origine-superstizioni-03.jpg

 

 

Modificato da all-nothing

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

... purtroppo ki vive alla base di un vulcano attivo, deve metter in conto anke una catastrofe come quella ke si sta verificando. i governanti di paesi con sta tipologia di ambiente dovrebbero aver sempre pronto un piano d'emergenza a salvaguardia della popolazione interessata sia x dargli tetto e cibo. c'é solo da sperare ke la natura sia + clemente verso noi + di quanto lo siamo noi nei suoi confronti.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Occorrerebbe, a mio parere, più modestia quando si crede di sapere tutto sull'interno della terra e su quello che sta accadendo o che accadrà; navigando in rete ho trovato questa "curiosa" notizia su un fenomeno inspiegabile che parrebbe stia accadendo all'interno del nostro pianeta

 http://www.meteoweb.eu/2016/12/un-fiume-di-ferro-incandescente-nel-cuore-della-terra-sta-accelerando-sotto-alaska-e-siberia/812187/

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

1 ora fa, etrusco1900 ha scritto:

Occorrerebbe, a mio parere, più modestia quando si crede di sapere tutto sull'interno della terra e su quello che sta accadendo o che accadrà; navigando in rete ho trovato questa "curiosa" notizia su un fenomeno inspiegabile che parrebbe stia accadendo all'interno del nostro pianeta

 http://www.meteoweb.eu/2016/12/un-fiume-di-ferro-incandescente-nel-cuore-della-terra-sta-accelerando-sotto-alaska-e-siberia/812187/

E' diretto ad Ovest questo enorme fiume di ferro incandescente? L'anello di fuoco?! o.O

ring-of-fire.jpg

Modificato da all-nothing

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Gli addetti ai lavori hanno stabilito i loro segnali premonitori per allertare la popolazione, quindi possiamo stare tranquilli, il Vesuvio dovrà seguire la prassi che hanno stabilito passo, passo, ad esempio: se vi fossero solo deformazioni evidenti ed inclinazioni o subsidenza anche nei fondali marini antistanti la zona rossa e perfino sciami sismici  frequenti, o tremori e boati, se i valori dei sensori non diventano giusto il doppio non c'è allerta, pertanto non abbiamo nulla da temere, anche il Vesuvio è stato avvertito.

http://meteovesuvio.altervista.org/LIVELLI DI ALLERTA VESUVIO SEGNALI PREMONITORI ERUZIONE PRECURSORI.html

Modificato da all-nothing

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora