come attirare i ricci in giardino

mi sto trasferendo in una zona che non so bene se definire suburbana o rurale, comunque sono  al limitare di una piccola cittadina, in una zona di villette e a 6 km di distanza da un altro centro urbano. ecco, vorrei far avvicinare i ricci al mio giardino, tengono lontani insetti, lumache e topi e poi sono bellissimi.

images?q=tbn:ANd9GcR8pzXCovQtBdipkCbBQEJ

non voglio addomesticarli e tenerli in casa, perchè non sono animali domestici, ma ho letto che lasciando loro pezzettini di frutta, croccantini per gatti e un po' d'acqua è facile che si insedinospontaneamente nel giardino.

qualcuno di voi ha consigli da darmi?

Modificato da ameliadespell

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

11 messaggi in questa discussione

anche a me piacciono i ricci, ma ho un giardinetto troppo piccolo e poi in condominio ci sono cani e gatti quindi evito l'esperimento. Non ti resta che provare con l'arrivo elle bella stagione occhio però alla telpe, sarebbe un disastro.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
10 minuti fa, refusi ha scritto:

anche a me piacciono i ricci, ma ho un giardinetto troppo piccolo e poi in condominio ci sono cani e gatti quindi evito l'esperimento. Non ti resta che provare con l'arrivo elle bella stagione occhio però alla telpe, sarebbe un disastro.

altrimenti per combatere gli stessi parassiti sarebbero utili i pipistrelli, ma non c'è un ver modo per attirarli.

comunque so per certo che le talpe non ci sono.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, ameliadespell ha scritto:

altrimenti per combatere gli stessi parassiti sarebbero utili i pipistrelli, ma non c'è un ver modo per attirarli.

comunque so per certo che le talpe non ci sono.

ecco qui non abbiamo quel problema in estate la sera i pipistrelli da queste parti svolazzano che è un piacefre

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
In questo momento, refusi ha scritto:

ecco qui non abbiamo quel problema in estate la sera i pipistrelli da queste parti svolazzano che è un piacefre

in eraltà temo le lumache, sono già stata a 70 km da dove mi devo trasferire e le lumache mi mangiavano peperoni, melanzane e zucche, per non parlare del mio povero bonsai che hanno ucciso!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 minuti fa, ameliadespell ha scritto:

in eraltà temo le lumache, sono già stata a 70 km da dove mi devo trasferire e le lumache mi mangiavano peperoni, melanzane e zucche, per non parlare del mio povero bonsai che hanno ucciso!!!

anche noi abbiamo avuto quel problema i primi anni in cui ci saiamo trasferiti qui, poi improvvisamente somo scomparse, erano quelle americane, rosse e senza guscio, ora ogni tanto troviamo qualche chiocciola, ma comunque poche e poi quelle sono simpatiche, anche alla Bourghignonne  9_9

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Guarda ho seguito il tuo consiglio: ricerca con Google:

erinaceus_europaeus_small.jpgI ricci sono animali che possono essere facilmente naturalizzati nei giardini, dove fra l'altro possono essere molto utili per tenere sotto controllo gli animali indesiderati, come limacce, millepiedi, bruchi, cocciniglie. 

Si possono attirare, fornendo loro cibo e una casa-nido; se avete un posto del vostro giardino sufficientemente isolato, basta che vi poniate unariccci2_small.jpg cassetta, fatta di legno non trattato (i ricci hanno un odorato molto sensibile). La cassa deve avere il coperchio ricoperto di materiale impermeabile e due aperture: una per permettere l'entrata dell'animale, l'altra, posta in alto sul retro, deve essere collegata all'esterno per permettere il ricambio dell'aria e l'apertura rivolta verso l'interno deve essere provvista di una rete metallica, per evitare che l'animale la otturi durante la costruzione del nido; l'entrata deve essere collegata all'esterno attraverso una galleria,del diametro di circa 10 cm e lunga circa 30 cm, che proteggerà i ricci dall'eventuale "visita" di gatti o altri animali. Una volta costruita, la tana deve essere ricoperta di terra, e in prossimità dell'ingresso non devono mancare foglie secche o fieno, con cui i ricci possano costruire il nido. Accanto al ricovero vanno poste delle ciotole contenenti acqua e cibo. Una volta che le tana è stata preparata, se ci sono ricci nelle vicinanze, uno di loro riuscirà a scovarla e ne prenderà possesso; è invece sconsigliabile catturare ricci adulti, potrebbero essere femmine che hanno i piccoli in un'altra tana. Se però si trova un piccolo riccio delle dimensioni di un'arancia presso una strada, allora è possibile convincerlo ad insediarsi nella nuova casa.

Il riccio in natura si nutre di insetti, ragni, lombrichi, chiocciole, uccelli, rettili ed anfibi, topi, di cui è un cacciatore spietato. Mangiano anche ghiande, bacche, frutta e sono ghiotti di croccantini per gatti.

 

Non sapevo cosa dirti, almeno qui non sbaglio...

Modificato da allegrafatt1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 minuti fa, refusi ha scritto:

anche noi abbiamo avuto quel problema i primi anni in cui ci saiamo trasferiti qui, poi improvvisamente somo scomparse, erano quelle americane, rosse e senza guscio, ora ogni tanto troviamo qualche chiocciola, ma comunque poche e poi quelle sono simpatiche, anche alla Bourghignonne  9_9

se trovassi le chiocciole, potrei regalarle a mia madre, ne è ghiotta. se ho lumache in giardino vorrei farle sparire senza agenti chimici.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

allegra, è simile a quello che ho letto io, ma grazie... questo è un po' più completo e decisamente utile, non so se preparargli la tana, però ho letto che ne esistono di pronte

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, ameliadespell ha scritto:

se trovassi le chiocciole, potrei regalarle a mia madre, ne è ghiotta. se ho lumache in giardino vorrei farle sparire senza agenti chimici.

non saprei cosa consigliarti da noi è avvenuto tutto in modo naturale senza nessun intervento a meno che le edere e i cotonastrer che abbiamo impiantato sulle rive non abbiano sconvolto il loro habitat naturale

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
In questo momento, refusi ha scritto:

non saprei cosa consigliarti da noi è avvenuto tutto in modo naturale senza nessun intervento a meno che le edere e i cotonastrer che abbiamo impiantato sulle rive non abbiano sconvolto il loro habitat naturale

non so che dirti neppure io, mi sa che mi informo da qualche parte, non vorrei fare come la volta scorsa che sono riuscita a mangiare 6 peperoni (avevo  piantato 4 semi) 6 melanzane (sempre 4 semi) e 1 zucca. stranamente i peperoncini non li hanno toccati e ne abbiamo ancora a distanza di 3 anni. come spuntava un frutto, le ba.starde lo mangiavano, si sono mangiate anche TUTTE le luffe!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
13 minuti fa, ameliadespell ha scritto:

non so che dirti neppure io, mi sa che mi informo da qualche parte, non vorrei fare come la volta scorsa che sono riuscita a mangiare 6 peperoni (avevo  piantato 4 semi) 6 melanzane (sempre 4 semi) e 1 zucca. stranamente i peperoncini non li hanno toccati e ne abbiamo ancora a distanza di 3 anni. come spuntava un frutto, le ba.starde lo mangiavano, si sono mangiate anche TUTTE le luffe!!!

io nel giardinetto non ho nulla a parte salvia e rosmerino e piante ornamentali naturalmente :D

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963