Fino a quando andranno avanti i terremoti in Italia?

Sto leggendo notizie contrastanti e non riesco a trovare una risposta a una domanda al limite del banale... i poveri sfollati per quanto tempo dovranno temere il terremoto?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

13 messaggi in questa discussione

saranno inevitabili altre scosse di assestamento, credo che per un anno ballerà ancora.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
8 minuti fa, tonyman4 ha scritto:

Sto leggendo notizie contrastanti e non riesco a trovare una risposta a una domanda al limite del banale... i poveri sfollati per quanto tempo dovranno temere il terremoto?

semplice, non è possibile prevederlo, l'unica cosa che si può prevedere è l'accumulo di magma nelle camere magmatiche.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
12 minuti fa, ameliadespell ha scritto:

semplice, non è possibile prevederlo, l'unica cosa che si può prevedere è l'accumulo di magma nelle camere magmatiche.

O.o??

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

il terremoto è dovuto all'accumulidi magma in delle cavità sotterranee a livello più o meno superficiale. queste si chiamano camere magmatiche e sono disposte sotto i vulcani o le faglie, fanno sì che lo spostamento di queste faglie o placche sia maggiore provocand una frizione che genera onde sismiche.  quando il magma si accumula, oltre tutto, aumentano gas e pressione che poi si liberano creando le eruzioni.

I terremoti avvengono nella parte più superficiale del nostro pianeta. Le rocce che formano la crosta e il mantello superiore subiscono continuamente giganteschi sforzi, che sono il risultato di lenti movimenti tra le grandi placche in cui è suddiviso lo strato più superficiale della Terra, come se fosse il guscio incrinato di un uovo. Tali movimenti sono prodotti dai moti convettivi del mantello che spingono e trascinano le placche generando sforzi che sono massimi vicino ai confini tra le placche stesse, come per esempio in Italia e in generale in tutto il Mediterraneo, e minimi al loro interno, come succede nel Canada o nell’Africa centro-occidentale. L’Italia è situata al margine di convergenza tra due grandi placche, quella africana e quella euroasiatica. Il movimento relativo tra queste due placche causa l’accumulo di energia e deformazione che occasionalmente vengono rilasciati sotto forma di terremoti di varia entità. (fonte il blog dell'ingv istituto nazionale di geofisica e vulcanologia)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
14 minuti fa, ameliadespell ha scritto:

il terremoto è dovuto all'accumulidi magma in delle cavità sotterranee a livello più o meno superficiale. queste si chiamano camere magmatiche e sono disposte sotto i vulcani o le faglie, fanno sì che lo spostamento di queste faglie o placche sia maggiore provocand una frizione che genera onde sismiche.  quando il magma si accumula, oltre tutto, aumentano gas e pressione che poi si liberano creando le eruzioni.

I terremoti avvengono nella parte più superficiale del nostro pianeta. Le rocce che formano la crosta e il mantello superiore subiscono continuamente giganteschi sforzi, che sono il risultato di lenti movimenti tra le grandi placche in cui è suddiviso lo strato più superficiale della Terra, come se fosse il guscio incrinato di un uovo. Tali movimenti sono prodotti dai moti convettivi del mantello che spingono e trascinano le placche generando sforzi che sono massimi vicino ai confini tra le placche stesse, come per esempio in Italia e in generale in tutto il Mediterraneo, e minimi al loro interno, come succede nel Canada o nell’Africa centro-occidentale. L’Italia è situata al margine di convergenza tra due grandi placche, quella africana e quella euroasiatica. Il movimento relativo tra queste due placche causa l’accumulo di energia e deformazione che occasionalmente vengono rilasciati sotto forma di terremoti di varia entità. (fonte il blog dell'ingv istituto nazionale di geofisica e vulcanologia)

saggia amelia :D

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
14 minuti fa, ameliadespell ha scritto:

il terremoto è dovuto all'accumulidi magma in delle cavità sotterranee a livello più o meno superficiale. queste si chiamano camere magmatiche e sono disposte sotto i vulcani o le faglie, fanno sì che lo spostamento di queste faglie o placche sia maggiore provocand una frizione che genera onde sismiche.  quando il magma si accumula, oltre tutto, aumentano gas e pressione che poi si liberano creando le eruzioni.

I terremoti avvengono nella parte più superficiale del nostro pianeta. Le rocce che formano la crosta e il mantello superiore subiscono continuamente giganteschi sforzi, che sono il risultato di lenti movimenti tra le grandi placche in cui è suddiviso lo strato più superficiale della Terra, come se fosse il guscio incrinato di un uovo. Tali movimenti sono prodotti dai moti convettivi del mantello che spingono e trascinano le placche generando sforzi che sono massimi vicino ai confini tra le placche stesse, come per esempio in Italia e in generale in tutto il Mediterraneo, e minimi al loro interno, come succede nel Canada o nell’Africa centro-occidentale. L’Italia è situata al margine di convergenza tra due grandi placche, quella africana e quella euroasiatica. Il movimento relativo tra queste due placche causa l’accumulo di energia e deformazione che occasionalmente vengono rilasciati sotto forma di terremoti di varia entità. (fonte il blog dell'ingv istituto nazionale di geofisica e vulcanologia)

saggia amelia :D

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

non si può prevedere, ma si possono alterare i valori dei danni sulla carta

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

è come quando ken follett previde l'attacco alle torri gemelle...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Purtroppo i terremoti non si possono prevedere... bisognerebbe costruire strutture antisismiche nelle zone a rischio... 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
41 minuti fa, zerograno ha scritto:

saggia amelia :D

ma che saggia, si tratta solo della mia tesina della maturità e poi ho copiato dal sito del centro di geofisica!!!

non mi prendo meriti che non ho!:D;)

Modificato da ameliadespell

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, ameliadespell ha scritto:

il terremoto è dovuto all'accumulidi magma in delle cavità sotterranee a livello più o meno superficiale. queste si chiamano camere magmatiche e sono disposte sotto i vulcani o le faglie, fanno sì che lo spostamento di queste faglie o placche sia maggiore provocand una frizione che genera onde sismiche.  quando il magma si accumula, oltre tutto, aumentano gas e pressione che poi si liberano creando le eruzioni.

I terremoti avvengono nella parte più superficiale del nostro pianeta. Le rocce che formano la crosta e il mantello superiore subiscono continuamente giganteschi sforzi, che sono il risultato di lenti movimenti tra le grandi placche in cui è suddiviso lo strato più superficiale della Terra, come se fosse il guscio incrinato di un uovo. Tali movimenti sono prodotti dai moti convettivi del mantello che spingono e trascinano le placche generando sforzi che sono massimi vicino ai confini tra le placche stesse, come per esempio in Italia e in generale in tutto il Mediterraneo, e minimi al loro interno, come succede nel Canada o nell’Africa centro-occidentale. L’Italia è situata al margine di convergenza tra due grandi placche, quella africana e quella euroasiatica. Il movimento relativo tra queste due placche causa l’accumulo di energia e deformazione che occasionalmente vengono rilasciati sotto forma di terremoti di varia entità. (fonte il blog dell'ingv istituto nazionale di geofisica e vulcanologia)

pure geologa! grazie amelia

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
In questo momento, tonyman4 ha scritto:

pure geologa! grazie amelia

ma che geologa, si tratta dela tesina di geografi a della maturità, l'avevo già scritto.

e la seconda parte l'ho presa dal sito dell'ingv. essendo curiosa come una bertuccia, sto monitoranto il sito.. principalmente le scosse di assestamento, ti metto il link

http://cnt.rm.ingv.it/

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

quando mi verrà il mal di testa te lo dico....

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963