EH SI QUELLI CHE VOGLIONO DAR LEZIONI AL P.d. R.

 

LADROONI A  CASA   NOSTRA  !!!!!
 

L'immagine può contenere: 5 persone, persone che sorridono, testo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

2 messaggi in questa discussione

L'immagine può contenere: 1 persona, testo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

È in corso una sofisticata strategia mediatica (l’unica cosa che Lega e M5S sono buoni a fare) per farci credere che cattive potenze straniere stiano cospirando per sovvertire la volontà del popolo sovrano. Sembra che o “sei d’accordo con la Merkel” o non puoi fare il ministro (Salvini ieri sera, tra l’altro, ha detto proprio così).

La realtà è un tantino diversa.

Lega e M5S hanno vinto le elezioni con promesse cialtrone e populiste che, per come scritte nel “contratto di governo”, porterebbero il nostro deficit annuale oltre il 10% del Pil, e il nostro debito in due o tre anni a toccare i livelli (160%-180%) che aveva la Grecia quando è fallita.

Naturalmente Salvini e Di Maio (più Salvini che Di Maio) sanno benissimo che queste cose non potranno mai realizzarsi. Ma vogliono farsi dire di “no” da qualcuno di nazionalità non italiana (l’Europa, appunto), in modo da avere benzina per la prossima campagna elettorale, che sia tra 3 mesi o 3 anni. E per fare questo, hanno bisogno di un ministro dell’economia che stia al gioco. Che abbia un inappuntabile perdigree euroscettico e che abbia un’età tale da non avere nulla da perdere. Ecco perché insistono tanto su Savona.

Quello che non hanno considerato è che questo giochino può sfuggire di mano. Europa o non Europa, Merkel o non Merkel, ministri olandesi che dichiarano o che non lo fanno, se coloro che ci prestano i soldi (400 miliardi l’anno) o che detengono il nostro debito all’estero (580 miliardi, ad oggi) si rompono le scatole di vedere queste cialtronate e si preoccupano dei loro investimenti, questo Paese finisce in guai molto seri nel giro di poco tempo.

E questo mi sembra un tantino più importante delle loro, legittime, scelte di campagna elettorale.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora