Non vedono l'ora di togliersi dai piedi

Mentre la gestazione del nuovo governo va per le lunghe (la lista dei ministri è attesa per non prima di domenica), Gentiloni & C. fanno già le valigie. Il premier ha preso congedo con un discorso quasi commovente dal personale di palazzo Chigi, mentre su Repubblica c'è una foto del ministro Franceschini che regge un prosaico scatolone di cartone, alquanto in contrasto con il lusso spropositato del suo ufficio.  Capisco che questi abusivi (nel senso che ho infinite volte spiegato) vogliano farsi il weekend in santa pace, ma il rompete le righe praticamente già annunciato da Gentiloni mi sembra prematuro e soprattutto irrispettoso nei riguardi del capo dello Stato e  del presidente del Consiglio incaricato. Quest'ultimo non ha ancora sciolto la riserva e se i due non trovassero un accordo sui nomi dei ministri (almeno due o tre sembrano sgraditi al Colle... e ad altri) nulla vieta che vada tutto a monte. Nel qual caso  Gentiloni & C. sarebbero costretti a riaprire le valigie e gli scatoloni. Certo avremmo sempre un Conte a palazzo Chigi. Che non è solo il cognome del premier incaricato ma anche il titolo nobiliare di Paolo Gentiloni Silverj di Filottrano di Cingoli e di Macerata. E chi più ne ha più ne metta. E pensare che il nobiluomo da giovane militava nel Partito di Unità Proletaria per il Comunismo. L'aristocratico rampollo si sentiva proletario. Roba da matti! Poi mise la testa a posto e confluì nei Rutelli boys e nella Margherita.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

4 messaggi in questa discussione

52 minuti fa, fosforo31 ha scritto:

Mentre la gestazione del nuovo governo va per le lunghe (la lista dei ministri è attesa per non prima di domenica), Gentiloni & C. fanno già le valigie. Il premier ha preso congedo con un discorso quasi commovente dal personale di palazzo Chigi, mentre su Repubblica c'è una foto del ministro Franceschini che regge un prosaico scatolone di cartone, alquanto in contrasto con il lusso spropositato del suo ufficio.  Capisco che questi abusivi (nel senso che ho infinite volte spiegato) vogliano farsi il weekend in santa pace, ma il rompete le righe praticamente già annunciato da Gentiloni mi sembra prematuro e soprattutto irrispettoso nei riguardi del capo dello Stato e  del presidente del Consiglio incaricato. Quest'ultimo non ha ancora sciolto la riserva e se i due non trovassero un accordo sui nomi dei ministri (almeno due o tre sembrano sgraditi al Colle... e ad altri) nulla vieta che vada tutto a monte. Nel qual caso  Gentiloni & C. sarebbero costretti a riaprire le valigie e gli scatoloni. Certo avremmo sempre un Conte a palazzo Chigi. Che non è solo il cognome del premier incaricato ma anche il titolo nobiliare di Paolo Gentiloni Silverj di Filottrano di Cingoli e di Macerata. E chi più ne ha più ne metta. E pensare che il nobiluomo da giovane militava nel Partito di Unità Proletaria per il Comunismo. L'aristocratico rampollo si sentiva proletario. Roba da matti! Poi mise la testa a posto e confluì nei Rutelli boys e nella Margherita.

Qualcuno spieghi all’ebe te e semianalfabeta Cazzaro Napoletano che nel caso Il costituendo governo non venisse alla luce , il PDR provvederebbe immediatamente al suo governo già pronto da settimane . Lo manderebbe alle Camere e , se sfiduciato, guiderebbe comunque il periodo che ci separerebbe da nuove elezioni . Questo perché sarebbe scorretto farle gestire da un Governo , quello Gentiloni , che ora e’ minoranza parlamentare . Tanto dovevo al Cazzaro analfabeta e distintamente saluto. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Governo abusivo che se ne va, governo ABUSIVO che forse entra. Se il governo ancora non è stato fatto, non è responsabilità di Gentiloni, ma colpa dei 2 inciucioni e di chi li ha votati.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
44 minuti fa, ariafresca123 ha scritto:

Governo abusivo che se ne va, governo ABUSIVO che forse entra. Se il governo ancora non è stato fatto, non è responsabilità di Gentiloni, ma colpa dei 2 inciucioni e di chi li ha votati.

Un post di due righe per accumulare una discreta serie di stupidaggini. En passant se.gnalo che questo forum ha (giustamente) cambiato nome: non si chiama più "Elezioni 2018" bensì "Politica". E la Politica non è solo il titolo di una importante opera del mio avatar ma è ciò che ci distingue o dovrebbe distinguerci dalle bestie, diversamente dalle quali l'uomo è zoon politikon. Pertanto sarebbe opportuno che chi di politica non capisce una mazza si dedicasse a uno dei tanti altri interessanti forum che Virgilio mette a disposizione. 

Un esempio è il signor Ariafresca che sembra decisamente negato per questa materia. Altrimenti non scriverebbe che l'eventuale governo Conte sarebbe "abusivo" quanto quello Gentiloni.  Naturalmente, come ho spiegato infinite volte, per "governo non eletto dal popolo" intendiamo un governo privo di "mandato popolare", ma i governi Renzi e Gentiloni hanno avuto l'ulteriore grave difetto di basarsi su una maggioranza parlamentare frutto di una assodata violazione della Costituzione (Porcellum e relativo premio di maggioranza definito "abnorme" dalla Consulta). É per l'appunto la somma di questi due peccati originali che mi induce a parlare di governi "abusivi". Orbene, è chiaro che il governo Conte nascerà senza il secondo dei due peccati, perché la Consulta non si è ancora pronunciata sul Rosatellum, ma qualora lo giudicasse incostituzionale il prof. Conte a mio avviso dovrebbe dimettersi, sebbene i due pericolosi precedenti dei governi Renzi e Gentiloni potrebbero indurre pure lui a mettersi la Costituzione sotto i piedi. Ma Conte è immune anche dal primo peccato, perché in una democrazia rappresentativa di tipo parlamentare e con un sistema elettorale proporzionale o quasi proporzionale, e comunque privo di bonus di maggioranza, quale il Rosatellum, non ha più senso parlare di mandato popolare per l'alleanza di governo (a meno che non coincida con un'alleanza elettorale che abbia ottenuto la maggioranza assoluta), ma ha senso solo per le singole forze politiche che la compongono. Le quali dovranno necessariamente raggiungere un compromesso tra i rispettivi mandati e programmi elettorali. Anche questa cosa, peraltro ovvia, l'ho spiegata molte volte, per es. nel mio intervento in questa discussione:

http://forum.virgilio.it/argomento/22435-se-nascera-sara-un-governo-non-eletto/#comment-124702

Qui aggiungo solo che la maggioranza parlamentare che sosterrà il nuovo governo sarà probabilmente la più ampia, nel senso della rappresentanza dei voti effettivi degli elettori, dai tempi della Prima Repubblica. Nella Seconda Repubblica, infatti, i sistemi maggioritari in vigore fino al 2013 hanno in sostanza trasformato minoranze di voti nel paese in maggioranze di seggi nel parlamento. Al contrario, l'alleanza di governo Lega+5Stelle ha ottenuto, almeno alla Camera e su base nazionale (esclusa Valle d'Aosta), la maggioranza assoluta dei voti (50,02%). Cosa che non si era MAI verificata nelle sei precedenti elezioni della Seconda Repubblica. Questo è un ulteriore elemento legittimante, sotto l'aspetto della democrazia rappresentativa, del governo Conte. Che è una castroneria da analfabeti della politica definire "abusivo". 

Per le stesse ragioni non si può parlare di "inciucio" tra Di Maio e Salvini, ma solo di un compromesso politico e di una conseguenza del tutto naturale e fisiologica del sistema elettorale quasi proporzionale. 

Attribuire poi agli elettori, cioè al popolo sovrano, la "colpa" del governo 5s-Lega, significa scendere allo stesso livello di analfabetismo democratico dell'ex caudillo del Pd, il quale, dopo avere subito l'ennesima bastonatura nelle urne, disse, in buona sostanza, che non aveva sbagliato lui ma avevano sbagliato gli elettori.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

7 ore fa, fosforo31 ha scritto:

Un post di due righe per accumulare una discreta serie di stupidaggini. En passant se.gnalo che questo forum ha (giustamente) cambiato nome: non si chiama più "Elezioni 2018" bensì "Politica". E la Politica non è solo il titolo di una importante opera del mio avatar ma è ciò che ci distingue o dovrebbe distinguerci dalle bestie, diversamente dalle quali l'uomo è zoon politikon. Pertanto sarebbe opportuno che chi di politica non capisce una mazza si dedicasse a uno dei tanti altri interessanti forum che Virgilio mette a disposizione. 

Un esempio è il signor Ariafresca che sembra decisamente negato per questa materia. Altrimenti non scriverebbe che l'eventuale governo Conte sarebbe "abusivo" quanto quello Gentiloni.  Naturalmente, come ho spiegato infinite volte, per "governo non eletto dal popolo" intendiamo un governo privo di "mandato popolare", ma i governi Renzi e Gentiloni hanno avuto l'ulteriore grave difetto di basarsi su una maggioranza parlamentare frutto di una assodata violazione della Costituzione (Porcellum e relativo premio di maggioranza definito "abnorme" dalla Consulta). É per l'appunto la somma di questi due peccati originali che mi induce a parlare di governi "abusivi". Orbene, è chiaro che il governo Conte nascerà senza il secondo dei due peccati, perché la Consulta non si è ancora pronunciata sul Rosatellum, ma qualora lo giudicasse incostituzionale il prof. Conte a mio avviso dovrebbe dimettersi, sebbene i due pericolosi precedenti dei governi Renzi e Gentiloni potrebbero indurre pure lui a mettersi la Costituzione sotto i piedi. Ma Conte è immune anche dal primo peccato, perché in una democrazia rappresentativa di tipo parlamentare e con un sistema elettorale proporzionale o quasi proporzionale, e comunque privo di bonus di maggioranza, quale il Rosatellum, non ha più senso parlare di mandato popolare per l'alleanza di governo (a meno che non coincida con un'alleanza elettorale che abbia ottenuto la maggioranza assoluta), ma ha senso solo per le singole forze politiche che la compongono. Le quali dovranno necessariamente raggiungere un compromesso tra i rispettivi mandati e programmi elettorali. Anche questa cosa, peraltro ovvia, l'ho spiegata molte volte, per es. nel mio intervento in questa discussione:

http://forum.virgilio.it/argomento/22435-se-nascera-sara-un-governo-non-eletto/#comment-124702

Qui aggiungo solo che la maggioranza parlamentare che sosterrà il nuovo governo sarà probabilmente la più ampia, nel senso della rappresentanza dei voti effettivi degli elettori, dai tempi della Prima Repubblica. Nella Seconda Repubblica, infatti, i sistemi maggioritari in vigore fino al 2013 hanno in sostanza trasformato minoranze di voti nel paese in maggioranze di seggi nel parlamento. Al contrario, l'alleanza di governo Lega+5Stelle ha ottenuto, almeno alla Camera e su base nazionale (esclusa Valle d'Aosta), la maggioranza assoluta dei voti (50,02%). Cosa che non si era MAI verificata nelle sei precedenti elezioni della Seconda Repubblica. Questo è un ulteriore elemento legittimante, sotto l'aspetto della democrazia rappresentativa, del governo Conte. Che è una castroneria da analfabeti della politica definire "abusivo". 

Per le stesse ragioni non si può parlare di "inciucio" tra Di Maio e Salvini, ma solo di un compromesso politico e di una conseguenza del tutto naturale e fisiologica del sistema elettorale quasi proporzionale. 

Attribuire poi agli elettori, cioè al popolo sovrano, la "colpa" del governo 5s-Lega, significa scendere allo stesso livello di analfabetismo democratico dell'ex caudillo del Pd, il quale, dopo avere subito l'ennesima bastonatura nelle urne, disse, in buona sostanza, che non aveva sbagliato lui ma avevano sbagliato gli elettori.

 

 Ma te senti che livello di bufalaggine raggiunge il Cazzaro di Napoli !! Inizialmente non volevo crederci ma poi ho capito . Come e’ sua abitudine copia incolla un “pezzo” da chi sa dove , di sicuro da qualche sito o giornale ostile a Renzi ed al PD, ci aggiunge qualcosa di suo magari per “rimproverare “ l’ottimo/a Ariafresca ed il gioco e’ fatto. Dirò di più : si vuole accreditare pure di una competenza che non ha , solo che commette un errore grande come una casa . Quale ??Quello di partire da un assunto completamente falso dove poi diventa facile far apparire come veritiere le osservazioni successive . Ahi ahi ahi , Cazzaro !! Caschi male con me !! Ed ora debbo souttanarti !! Il Cazzaro copiaincolla la seguente affermazione : “ I Governi Renzi e Gentiloni hanno avuto il grande difetto di basarsi su una maggioranza parlamentare frutto di una assodata violazione della Costituzione .....Ecco perché ciò mi induce ( induce quello di cui hai copiaincollsto il testo, nda) a parlare di governi abusivi “. Dopodiché , il Cazzaro , dopo questa falsa notizia impernia un post chiaramente Falso perché e’ la partenza che e’ falsa e quindi tutti i bla bla bla successivi vanno anch’essi derubricati alla voce “FALSI.  Il Cazzaro mente sapendo di mentire perché la Corte Costituzionale , con sentenza N 1 del 2014 concluse che erano solo 2 gli aspetti incostituzionali : A) Premio di maggioranza B) Liste bloccate senza preferenza . I giudici , ed il Cazzaro fa finta di non saperlo uso storioni Carmine Petruzziello e Gege’ Esposito , accompagnarono la sentenza con questo testuale comunicato : “Le elezioni svoltesi con la legge parzialmente ( parzialmente , Cazzaro , nda) incostituzionale non sono in nessun modo annullate . Le elezioni svolte in applicazione anche ad una parte di norme dichiarate costituzionalmente illegittime , costituiscono un fatto compiuto senza nessuna deroga di illegittimità”.  Ci siamo Cazzaro Impostore ?? . Comcludo con una breve nota sul prosieguo delle bufale profferite successivamente dal Cazzaro di Napoli . Facciamo chiarezza :  La Costituzione stabilisce che il popolo elegge i parlamentari (con preferenze o liste bloccate, questo è un altro problema, ma la Costituzione non si pronuncia in merito), il Parlamento elegge il presidente della Repubblica il quale, dopo avere ascoltato i rappresentanti dei vari partiti, nomina lui, sponte propria, il capo del Governo e i suoi ministri, e in linea di principio potrebbe nominare anche sua nonna, o il capostazione di Roccacannuccia, se la maggioranza delle forze politiche gli avesse fatto il loro nome.
Spetterà poi al Parlamento dare fiducia al Governo nominato dal presidente della Repubblica (così istituendo un controllo da parte dei rappresentanti del popolo) e se questa fiducia viene negata tutto ricomincia da capo sino a che il presidente della Repubblica non trova un Governo che piaccia al parlamento. Chiaro ?? Così è avvenuto che presidenti della Repubblica abbiano nominato come capi del Governo personaggi non parlamentari come Dini e Ciampi, e come ministri vari tecnici, e persino quando il presidente ha nominato Monti, facendolo senatore a vita un minuto prima, Monti non era stato affatto eletto dal popolo bensì appunto nominato dal presidente.
Il bello è che queste cose sono dette, sia pure in maniera un poco indiretta, dall’articolo 64 della Costituzione, dove a un certo punto si precisa: «I membri del governo, anche se non fanno parte delle camere, hanno diritto, e se richiesti obbligo, di assistere alle sedute. Devono essere sentiti ogni volta che lo richiedono». Capito Cazzaro ?? Per i costituenti era talmente ovvio che i membri del governo potessero benissimo essere estranei al Parlamento che si precisava in che modo però potessero o dovessero partecipare alle sue riunioni. Non fare il furbetto con me , impostore Partenopeo . 

Modificato da mark222220

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora