Quattro mamme per Ciro, Antonello De Pierro al Delle Muse contro l'omofobia

Il giornalista presidente dell'Italia dei Diritti è stato ospite, presso il noto teatro capitolino, in occasione della prima dell'esilarante spettacolo scritto da Geppi Di Stasio

 

26114057_1525103294264604_2619379886593143215_n-300x202.jpg

 

Roma - Tra i teatri più amati e frequentati dal giornalista presidente dell'Italia dei Diritti Antonello De Pierro, nella sua campagna di sostegno alla cultura dell'arte drammatica, c'è il celebre teatro delle Muse, uno dei pochi rimasti ad avere una compagnia stabile.

Ed è qui che l'altra sera si è recato, in compagnia dell'ex modella e nota cantante di pianobar Sara Cardilli, per assistere alla prima di "Quattro mamme per Ciro", una meravigliosa ed esilarante commedia, scritta da Geppi Di Stasio, che vede in scena, oltre allo stesso autore, Rino Santoro, Wanda Pirol e Roberta Sanzò. Lo spettacolo, di grande attualità, sviluppa il tema dei diritti e delle adozioni, puntando il dito contro l'omofobia, e racconta, in un turbinio di divertentissimi stratagemmi ed equivoci, la storia di Ciro, un bambino figlio di due coppie di omosessuali, due uomini e due donne, nato per soddisfare il loro desiderio di paternità e di maternità, che li porta a incrociare i loro ben definiti orientamenti sessuali per materializzare il fine dell'agognata procreazione. Gli spettatori, letteralmente rapiti da una trama avvincente, che si snoda lungo un percorso narrativo tutto teso a nascondere alle famiglie le loro tendenze, assistono al trionfo dell'amore, che emerge apoditticamente sullo sfondo delle mille difficoltà di realizzare un coming out, tanto agognato e voluto, quanto inevitabilmente soffocato. Tante risate, ma anche molte parentesi riflessive sulla condizione omosessuale nella famiglia media italiana. Un copione geniale di alto livello, a volte forse esasperato, per esigenze sceniche,  nell'esplicitazione della scottante tematica, ma che tratteggia uno spaccato di verità inconfutabile all'interno del parenchima sociale italico.

26230740_1525100230931577_7837442177189686796_n-202x300.jpg

Entusiasmo alle stelle per De Pierro. "Come presidente di un movimento denominato Italia dei Diritti - ha dichiarato - la mia presenza qui stasera è più che mai appropriata, visto l'argomento della pièce a cui ho appena assistito. Un capolavoro dell'estro creativo del mio amico Geppi, magistralmente interpretato da tutti gli attori in scena. Fino a quando avremo autori e attori di questo livello il teatro non morirà mai. Venire al 'Delle Muse' è sempre una garanzia di indubbia qualità".

26114209_1525098680931732_5538058023930077887_n-202x300.jpg

Soddisfatta è parsa anche la Cardilli, ex moglie dell'affermato imprenditore di Fiumicino Diego Consiglio, proprietario dell'ormai lanciatissimo ristorante "Cielo", che ha affiancato per l'occasione il leader dell'Italia dei Diritti, noto fra l'altro per detenere il triste e non invidiabile primato di primo giornalista a essere stato minacciato e aggredito da un membro del clan Spada di Ostia (prima di Federica Angeli e di Daniele Piervincenzi), precisamente dal boss Armando, accompagnato sotto casa sua da Alfonso De Prosperis, conosciutissimo titolare di un'azienda che opera sul litorale romano nel campo della lavorazione del ferro.

26168795_1525098670931733_76577867651706803_n-202x300.jpg

Tra gli altri in sala erano presenti anche la splendida attrice Adriana Russo, Giò Di Giorgio, Luciana Frazzetto e Massimo Milazzo.

26167621_1525098757598391_4236545718771205497_n-202x300.jpg

26169827_1525100597598207_3218692382039703763_n-300x202.jpg

(Foto di Marco Bonanni)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

0 messaggi in questa discussione

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963