Cazzegiando - Certo che...

Inviata (modificato)

la paura fa 90.

 

Paura per un Italia senza governo?

 

No paura di non essere rieletti. 

 

i-simpson-la-paura-fa-novanta.jpg

 

Ma... se la paura fa 90

 

Stipendio e rimborso spese a fine mese.... quanto fa?????????????????

 

Modificato da il.pignonista

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

3 messaggi in questa discussione

Sono d'accordo, il discorso di Mattarella ha messo una fifa blu a tutti. Il presidente ha mostrato una fermezza e una lucidità d'analisi encomiabili. Del resto è l'unica figura istituzionale che conserva una certa autorevolezza. Ma è paradossale che in una repubblica (sulla carta) parlamentare, un parlamento eletto e insediato risulti finora non pervenuto, totalmente inerte e silente in una fase delicatissima e cruciale. Parlano e decidono solo i capipartito e qualche fedelissimo o portaborse. Nessun dibattito, nessun confronto in quello che dovrebbe essere il cuore della democrazia: il parlamento. In UK, che è una monarchia, in un frangente del genere (hung parliament) la regina va a fare un discorso in aula e stimola il dibattito. C'è una degenerazione  gravissima della nostra democrazia rappresentativa, la cosiddetta personalizzazione della politica, anticipata da Craxi (ladrone decisionista ma almeno statista doc), aperta dal megalomane Berlusconi e culminata nell'egoarca Renzi, uno che da semplice senatore detta la linea al partito dagli studi televisivi. Nella Prima Repubblica avevamo la partitocrazia, oggi la rimpiangiamo perché l'egoarchia è molto peggio, specie quando è incarnata da personaggetti che nei paesi seri andrebbero al massimo ad attaccare i manifesti elettorali. Il fatto stesso che in questa crisi tu mi tiri in ballo il parlamento solo in relazione a stipendi e rimborsi spese che rischiano una fine prematura è sintomatico di questa degenerazione. Però indubbiamente hai ragione: questo è uno dei fattori che spingono tutti a evitare le elezioni anticipate. Ne aggiungo un altro. I partiti sono in rosso. A cominciare dalla Lega, sommersa dai debiti e dalle cause. E probabilmente quello nel bilancio è l'unico rosso che resta nel partito erede (e traditore) del comunismo. I tour elettorali in treno (non di linea ma noleggiato), le lettere di propaganda francobollate a centinaia di migliaia (o milioni?) di elettori, e i sopravvalutati e strapagati spin doctor americani costano bei soldini. Anche il M5S, che non ha MAI preso un euro di finanziamento pubblico e che rinuncia pure al 2 per mille, avrebbe grosse difficoltà nel sostenere una nuova campagna elettorale. Paradossalmente l'unico che non avrebbe questo problema, essendo miliardario, è il più terrorizzato di tutti dalle urne. Teme per le sue aziende, per i suoi antichi privilegi, per la sua "roba". Un caso tipico: i cafoni arricchiti, invecchiando, si attaccano sempre di più allo scrigno.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

13000 €   AL  MESE   NETTI  TASSE   fanno comodo   anche   ai grilli  nessuno escluso...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
LUNGIMIRANTE

Ahahahah .... Ahahahahaha..... Disse il saggio travaglio. E adesso ? Ma lo sa che il Governo è nato dopo l'assenso di Berlusconi? Lo sa che Forza Italia al Senato è determinante ? 
 

L'immagine può contenere: 1 persona, con sorriso, meme e testo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora