poliziotto pestato a sangue anche quando era svenuto a terra

Pretendevano di viaggiare sul treno senza pagare il biglietto e, di fronte all’intervento del controllore che si è avvalso del supporto di poliziotto, non hanno esitato a far valere la “legge del branco” usando la violenza. Ad aver la peggio è stato Mauro Guilizzoni, sovrintendente della Polizia di Stato in forza alla volante della Questura di Lecco, intervenuto nonostante fosse fuori servizio. L’agente è stato pestato barbaramente, e lasciato semi incosciente in una pozza di sangue. Il fatto, l’ultimo di una lunga serie di aggressioni perpetrate da migranti ai danni di comuni cittadini e appartenenti alle forze dell’ordine, si è consumato sul regionale partito da Porta Garibaldi a Milano e diretto a Lecco.

“Tanto siamo profughi – dicevano alcuni dei migranti sbeffeggiando il giovane controllore e il poliziotto – non puoi farci nulla”.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

0 messaggi in questa discussione

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963