Una categoria ancora poco conosciuta, anche per ragioni di coerente riservatezza, é quella degli scrittori "conto terzi" cosidetti ghost writers. Alcuni tra i libri di maggiore successo sono, in tutto o più frequentemente in parte, frutto del loro lavoro. Alcuni romanzieri professionisti internazionali molto prolifici, per realizzare le loro opere, hanno ammesso di avvalersi di suggerimenti o spunti provenienti da scrittori professionisti. Tra questi c'é chi fa i nomi di Corin Tellado, James Patterson, Wilbur Smith, Ryoki Inoue, Tom Clancy. La loro produzione non é stata per questo diminuita, ma il più delle volte ha tratto ispirazione o utilizzato suggerimenti di ghost writers. Tra i compiti ricorrenti degli scrittori fantasmi ci sono le redazioni di autobiografie, ma c'é chi afferma che oltre il 20% dei best sellers sia stato composto grazie a loro. In Italia, il lavoro degli scrittori fantasma é apprezzato in privato e rigorosamente taciuto o negato in pubblico. E' assai raro che qualche scrittore italiano ammetta di farne uso e il dichiararsi tale apertamente crea curiosità incline al pettegolezzo oppure imbarazzo tra gli addetti ai lavori. A livello internazionale invece essi sono abitualmente indicati come professionisti di grande esperienza ed utilità pratica, come nel caso famoso di "Open", la biografia di Agassi, scritta da Moehringer, poi diventata uno straordinario successo apprezzato dal pubblico e dalla critica. David Beckam che chiese aiuto al celebre ghost Tom Watt che per lui ha scritto l’autobiografia intitolata My side. In Italia vi sono agenzie di scrittori per mestiere, come il Ghostwriter Studio, un network di scrittori professionisti che scrive e vende libri destinati al mercato editoriale Italiano lavorando anche in contemporanea su una sola opera al mese e producendo lunghi fino a 80 mila parole in qualunque settore. I ghost writers possono occuparsi anche di corsi per il perfezionamento della scrittura. E' il caso della scrittrice Marina Cuollo, che nel 2016, dopo aver seguito un corso di questi, ha firmato un contratto editoriale con la Sperling & Kupfer esordendo con il suo primo libro pubblicato ad Aprile 2017 a cui ne seguono altri grazie ai professionisti che l'hanno seguita. A livello internazionale, tra i più noti e capaci c'é Andrew Croft, con onorari che superano i 100.000 euro per ogni lavoro e una clientela ristrettissima. In Italia ricordiamo Irene Spagnuolo, che ha svolto sino al 2016 l'attività di scrittrice ombra dividendosi con i suoi incarichi come social media manager, Riccardo Esposito, che ammette di guadagnare di più con un post firmato che non con un articolo da ghost, Susanna De Ciechi, che ha all'attivo romanzi, autobiografie, memoir e che dal 2015 ha iniziato a pubblicare a sua firma, Gregorio Ponci, ghost writers milanese con tanto di recapito facilmente reperibile dal web, ma tra i più riservati in assoluto, con produzione di trame accolte con favore anche da importantissimi autori italiani, noto per la sua imprevedibile originalità, l'agenzia Ghostwriters Connection, che ha scrittori a Pordenone, Milano, Torino, Roma e Napoli, Malcolm Pagani che curò l'autobiografia di Loredana Berté, Maria M. Sala, Marco Luzi, Domenico Russo, Francesca Parravicini che scrisse una sua prima opera per Anna Longhi. Non possono essere considerati ghost writers coloro i quali si occupano della redazione di messaggi istituzionali o di importanti cariche, autorità civili, militari, politiche, ecclesiastiche, come ad esempio Giampiero Gloder, Beniamino Stella, Marcello Semeraro, Lucio Angel Vallejo Balda, Juan Ignacio Arrieta Ochoa de Chinchetru e Víctor «Tucho» Manuel Fernández per la Santa Sede.

Ghostwriter.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

0 messaggi in questa discussione

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora