Ed ora al Congresso. Rapidamente !!

Ed ora al PD serve un congresso. L’ho sempre pensato, ora ancora di più. Abbiamo differenze interne che vanno chiarite e portate a sintesi. Fortunatamente , in Direzione , e’ stata unitariamente confermata la fiducia al reggente. A me non era mai mancata, ma bene così !! E’ stata ribadita la contrarietà ad accordi politici di governo con i cosiddetti vincitori, su entrambe le sponde. Bene. E’ stata approvata una relazione dove si apre la riflessione autocritica. Sulle sconfitte e sulle nostre mancanze. Bene !!  Siamo d’accordo su tutto ? No, non mi pare. Io per esempio non condivido l’idea che il nostro abbraccio ai 5S fosse necessario. Anzi !! Sarebbe stata la morte politica .  Siamo dunque destinati all’estinzione ? No, queste cose lasciamole dire ai Cazzari doc che non ne indovinano una che una e perché anche se siamo “smagriti” siamo ancora il secondo partito italiano e ogni 20 persone su 100 che incontriamo per strada vota PD. Siamo ancora , e rimarremo , la sola sx possibile e numerica del Paese , siamo e rimarremo lo zoccolo  duro dell’unica sx credibile in Italia e , come si e’ visto in questi giorni , l’unico ed insormontabile baluardo a vecchi e nuovi Fascisti e razzisti . Pero’ abbiamo necessità impellente di una fase ricostruttiva, costituente o chiamatela come vi pare, nella quale condividere fondamenti, principi e visione, in un mondo e in un paese in continuo e rapido cambiamento.  Abbiamo una grande forza di inerzia, ma non ci basterà. Ogni iscritto e/o militante o semplice elettore ,  porta un pezzetto di responsabilità sulle spalle, per quello che ci è successo, ognuno nel suo ruolo. La differenza può essere una ricchezza. Si, lo può !! Ma nella chiarezza delle differenze e delle condivisioni. Saluti 

2 persone è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

3 messaggi in questa discussione

....Eppoi salterà fuori un PoveroMangiapanini qualsiasi che parlerà di coerenza, di parola data e di virtù del Partito Delle batoste prese a oltranza.

Sconfessato in diretta tv dal padrone del Pd Matteo Renzi, sfiduciato nei fatti e nelle intenzioni, Maurizio Martina si è presentato davanti a una direzione quasi senza dibattito e ha chiuso definitivamente il fronte del dialogo con i 5 stelle. Nonostante, solo pochi giorni prima, avesse proposto il contrario e avesse guidato la delegazione che promuoveva l’inizio di un tavolo di lavoro con il M5s. Si è consegnato così al potere renziano che ancora una volta ha fatto valere i numeri all’interno del partito e dimostrato chi comanda veramente. La minaccia, neanche troppo velata, l’aveva fatta lo stesso ex premier intervistato su Rai 1 domenica 29 aprile: “Non conosco nessun senatore Pd pronto a votare la fiducia a Luigi Di Maio“. Un modo come un altro per dire: anche se va avanti la linea del dialogo, “i parlamentari poi li controllo ancora io”.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
39 minuti fa, mark222220 ha scritto:

Ed ora al PD serve un congresso. L’ho sempre pensato, ora ancora di più. Abbiamo differenze interne che vanno chiarite e portate a sintesi. Fortunatamente , in Direzione , e’ stata unitariamente confermata la fiducia al reggente. A me non era mai mancata, ma bene così !! E’ stata ribadita la contrarietà ad accordi politici di governo con i cosiddetti vincitori, su entrambe le sponde. Bene. E’ stata approvata una relazione dove si apre la riflessione autocritica. Sulle sconfitte e sulle nostre mancanze. Bene !!  Siamo d’accordo su tutto ? No, non mi pare. Io per esempio non condivido l’idea che il nostro abbraccio ai 5S fosse necessario. Anzi !! Sarebbe stata la morte politica .  Siamo dunque destinati all’estinzione ? No, queste cose lasciamole dire ai Cazzari doc che non ne indovinano una che una e perché anche se siamo “smagriti” siamo ancora il secondo partito italiano e ogni 20 persone su 100 che incontriamo per strada vota PD. Siamo ancora , e rimarremo , la sola sx possibile e numerica del Paese , siamo e rimarremo lo zoccolo  duro dell’unica sx credibile in Italia e , come si e’ visto in questi giorni , l’unico ed insormontabile baluardo a vecchi e nuovi Fascisti e razzisti . Pero’ abbiamo necessità impellente di una fase ricostruttiva, costituente o chiamatela come vi pare, nella quale condividere fondamenti, principi e visione, in un mondo e in un paese in continuo e rapido cambiamento.  Abbiamo una grande forza di inerzia, ma non ci basterà. Ogni iscritto e/o militante o semplice elettore ,  porta un pezzetto di responsabilità sulle spalle, per quello che ci è successo, ognuno nel suo ruolo. La differenza può essere una ricchezza. Si, lo può !! Ma nella chiarezza delle differenze e delle condivisioni. Saluti 

Il Pd deve fare "una vera autocritica" 
 dopo una delle sconfitte "più nette    
 della sua storia", dice il segretario  
 reggente Martina aprendo la direzione  
 del partito. E avverte: basta "attacchi
 feroci tra di noi" e "liste di proscri-
 zione". "Non credo che ce la caveremo  
 solo con qualche mossa tattica".       

 Con il M5S è ormai "capitolo chiuso" e 
 ora "il rischio di voto anticipato è   
 più forte di ieri". E ancora: mai Sal- 
 vini, Berlusconi e Meloni come "soci". 
 Invita ad andare al Colle con spirito  
 "costruttivo". E alla direzione chiede 
 "di rinnovare la fiducia fino all'as-  
 semblea nazionale". Serve "un immediato
 cambio di passo, pena l'irrilevanza",  

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
28 minuti fa, shinycage ha scritto:

....Eppoi salterà fuori un PoveroMangiapanini qualsiasi che parlerà di coerenza, di parola data e di virtù del Partito Delle batoste prese a oltranza.

Sconfessato in diretta tv dal padrone del Pd Matteo Renzi, sfiduciato nei fatti e nelle intenzioni, Maurizio Martina si è presentato davanti a una direzione quasi senza dibattito e ha chiuso definitivamente il fronte del dialogo con i 5 stelle. Nonostante, solo pochi giorni prima, avesse proposto il contrario e avesse guidato la delegazione che promuoveva l’inizio di un tavolo di lavoro con il M5s. Si è consegnato così al potere renziano che ancora una volta ha fatto valere i numeri all’interno del partito e dimostrato chi comanda veramente. La minaccia, neanche troppo velata, l’aveva fatta lo stesso ex premier intervistato su Rai 1 domenica 29 aprile: “Non conosco nessun senatore Pd pronto a votare la fiducia a Luigi Di Maio“. Un modo come un altro per dire: anche se va avanti la linea del dialogo, “i parlamentari poi li controllo ancora io”.

 

Sentir parlare un  Grillebete di coerenza e di parola data quando i loro candidati vengono votati tramite i clic e se i clic non sono quelli giusti , umiliati , disarcionati , esclusi Etc Etc e tuttocio’ rinchiusi in un salottino della Casaleggio trading corporation Srl , mi mette allegria anche se l’odore di decorazione e’ netta ed inconfondibile . Buona e prossima salita sui tetti !! 😊😊

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963