Crociata del FQ contro De Luca ...

Non c'è gara con il FQ.  Hanno l'etica facile, sempre pronta allo sparo, e hanno sempre ragione loro. Tu porti fatti, loro rispondono a botte di moralismi un tanto al chilo, come un tempo era costume delI'inquisizione. Tu spiegavi, avendolo visto, che la terra gira intorno al sole e loro ti condannavano in base alle sacre scritture senza averlo visto. Come se niente fosse, Gomez paragona De Luca, che non risulta abbia condanne di alcun tipo, a Lima e Cuffaro noti per vicende di mafia. Ma come fai, Gomez ? Che giornalismo d'inchiesta è se non porti neanche un briciolo di prova? Poi, sempre come bere un caffè, accusa De Luca di clientelismo. Non gli importa un fico secco se ha amministrato la sua Salerno bene o male. Gli importa il clientelismo. Con quali prove? Nessuna. Però la parola è bella: clientelismo. In bocca a chi la pronuncia suona bene, lo trasforma in campione dell'onestà e del retto vivere. Io non lo so se De Luca governa a suon di clientele. Da quelle parti ci può anche stare. Ma ancora qualcuno ce lo deve dimostrare e non a chiacchiere. Mentre so che cercar di far fuori un bravo amministratore per partito preso o solo perché è un tuo avversario politico è più di una mascalzonata giornalistica. E' un crimine !!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

7 messaggi in questa discussione

signor mark

non per cercare il pelo nell'uovo, ma se il signor Gomez non porta uno straccio di prova della "mafiosità" DeLuchese, a me sembra, lo dice lei stesso, che neppure lei sia in grado di portare una prova che il signor De Luca sia un amministratore al di sopra di ogni sospetto oltre che bravo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

cogli one di un marketta ma se registravano il berluscao che in privato chiedeva a 300 sindaci di Milano e, se tra questi 300 c'erano anche indagati,,  di votare NO in cambio della tessera premium cosa avresti detto ? Su rispondi testicola.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

signor monello

se non ricordo male lei era un difensore del signor Berlusconi. Come mai ha deciso di abbandonarlo al suo destino?

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Buona sera Mark. Lo sai che ti invidio? Perché, da quanto scrivi in questi giorni sul caso De Luca, ho la sensazione che tu il clientelismo non sappia proprio cosa sia. Evidentemente non lo hai mai visto praticare, non sai come funziona. Beati voi che in Toscana non conoscete questa piaga (anche se la cosa mi sorprende un pochino, visti gli ultimi sindaci di Firenze). E allora prima di tutto ti dico che il clientelismo in generale non è un reato (almeno in Italia). Può diventarlo in certe sue tipiche manifestazioni, come il voto di scambio o la raccomandazione (quando diventa *** d'ufficio), peraltro molto difficili da individuare e da perseguire. In ogni caso il clientelismo è una pratica eticamente riprovevole (che infatti è espressamente stigmatizzata nello statuto del Pd) e spesso dagli effetti devastanti sul piano sociale. E’ una grave patologia della politica e del sistema socio-economico, una degenerazione della democrazia perché confligge duramente con i princìpi di meritocrazia, concorrenza leale, uguaglianza e pari opportunità. Potrei rimandarti a Wiki, in particolare per il richiamo storico al cliens dell’antica Roma:

 https://it.wikipedia.org/wiki/Clientelismo

Ma io non conosco nulla di più illuminante sulla teoria, e soprattutto sulla pratica del clientelismo, della magistrale lezione tenuta dal governatore De Luca a 300 amministratori campani. Mi permetto di darti un piccolo suggerimento. Riascoltati l’audio integrale pubblicato dal FQ e dimentica che chi parla è un alto esponente del Pd. Anzi, fai finta che a parlare sia il governatore del Veneto (Lega) o della Liguria (FI) e sostituisci il Sì con il No. Dirai ancora che sono solo battute? Ti informo, caro Mark, che a certi livelli le raccomandazioni, i favori, le pressioni indebite,  in presenza di terze persone (nel nostro caso erano in 300) oppure quando si parla al telefono e si teme di essere intercettati, sono sempre, ripeto sempre, accompagnate e mascherate dall’ironia, dai doppi sensi, dalle frasi in codice o dalle battute (tipo la "frittura di pesce"). Però è stato proprio De Luca a parlare esplicitamente di clientela nel tessere l’elogio del suo amico Franco Alfieri, sindaco di Agropoli (inquisito per corruzione, poi prescritto,  escluso dal Pd come impresentabile alle regionali, poi nominato consigliere del governatore), cui ha chiesto, ma sarebbe meglio dire ordinato, di portare 4000 voti per il Sì. Tu mi dirai: ma è diritto del governatore e dei sindaci del Pd fare propaganda per il Sì. Certo, ma le ragioni del Sì andrebbero sostenute strettamente nel merito. Anche se escludiamo eventuali scambi di favori personali tra amministratori e amministrati, già il solo dire che con Renzi arriva in Campania una pioggia di denaro pubblico (anche se è molto meno di quello che piove su Lombardia e Toscana) è un modo assolutamente clientelare di cercare il consenso, perché privilegia l’interesse particolare e contingente (nella fattispecie quello di una singola regione e quello di un premier che si gioca la poltrona) su quello generale (avere una buona Costituzione, buona per tutti,  per il presente e per il futuro).

C’è poi un’altra grossa critica da fare a questo tipo di propaganda. De Luca ha incitato i 300 a contattare personalmente gli industriali  e gli imprenditori del territorio, in particolare quelli della sanità privata (che, par di capire, avranno occasione di esprimere riconoscenza al governatore) affinché a loro volta spingano i dipendenti a votare Sì. Caro Mark, questo non è solo un modo assolutamente clientelare di fare propaganda, questo è un modo assolutamente di destra di fare propaganda. L’ottimo Maurizio Damilano (ti invito a guardare molto attentamente il filmato allegato tra i minuti 34:50 e 36:20) lo ha definito precisamente CAPORALATO ELETTORALE,  e ha chiesto a Debora Serracchiani se, come donna di sinistra, non considerasse VERGOGNOSE  le parole del suo collega campano:

http://www.la7.it/piazzapulita/rivedila7/piazzapulita-fratelli-ditalia-puntata-del-24112016-25-11-2016-198926

Quando la sinistra era la sinistra, faceva le sue battaglie con il volantinaggio nelle fabbriche. Gli interlocutori erano direttamente i lavoratori dipendenti, non i clientes, non i padroni per il tramite dei politici e dei pubblici amministratori.  Se non capisci questo, caro Mark, vuol dire che anche tu hai dimenticato cos’è la sinistra.

Saluti

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Lastampa.it

De Luca, la Procura di Napoli apre un fascicolo

non contiene ipotesi di reato

65e08d5970a4681f3c6258605abace79-kOHB-U1

 

24/11/2016
 

 

Non sono configurate ipotesi di reato nel fascicolo aperto dalla Procura di Napoli - sezione reati contro la Pubblica amministrazione coordinata dal procuratore aggiunto Alfonso D’Avino - sull’audio della riunione del governatore della Campania, Vincenzo De Luca, con 300 sindaci. L’incontro, nel quale De Luca invitava i primi cittadini a raccogliere voti per il sì al referendum, si è svolto nei giorni scorsi all’hotel Ramada di Napoli. 

 

loading.gif

Articoli consigliati

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

marketta ancora non ti hanno insegnato il taglio/incolla oppure ancora non l'hai capito, ipotesi più probabile, e vuoi parlare delle riforme e del voto di scambio?.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

*** di un Monellebete . Rimani nei fatti ammesso che le tue infime qualità intellettuali te lo consentano . 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963