Sciacallaggio allo stato puro

Sono esterrefatto e indignato. Ieri sera la terza notizia del Tg2 di Telerenzi, ex Rai, non era la strage di giornalisti ad opera dell'Isis in Afghanistan, e nemmeno le minacce del guerrafondaio sionista Netanyahu all'Iran reo, secondo lui, di progettare segretamente bombe atomiche quando Israele ne ha già costruite segretamente e in barba a ogni trattato almeno 80 e, caso unico al mondo, non le ha mai neanche dichiarate. Ebbene, la terza notizia del Tg2 era il caso della presunta colf in nero della compagna del presidente della Camera Roberto Fico. Roba da matti! Ma che cavolo ci azzecca Fico con la colf della compagna? Il presidente ha la residenza a Roma dove ha una colf assunta con regolare contratto e, se la sua compagna, che risiede a Napoli in una casa intestata a lei, ha una colf in nero, sono cavoli suoi. Un uomo politico di questa importanza non ha certo tempo da perdere dietro i contratti delle colf che lavorano a casa della compagna, o della mamma o della nonna. Tra l'altro una coppia di fatto senza figli, a meno che non abbia firmato un contratto di convivenza secondo la recente normativa, non ha nessuno status giuridico. Quindi Fico non risponde in nessun modo delle scelte e delle eventuali irregolarità della compagna. Così come un Matteo Renzi non ha tempo da perdere e non c'entra nulla con le frequentazioni e gli affari di suo padre e di sua madre. Infatti i tg non ce ne informano, neppure quando queste frequentazioni e questi affari sono oggetto di indagini della magistratura. E allora perché il senatore Renzi va in tv in prima serata a dire che il caso della colf della compagna del presidente Fico è "grave" e il presidente deve chiarire personalmente in aula? Ve lo dico io: perché ha una enorme faccia di bronzo. Altrimenti prima di sedersi a un tavolo con un delinquente fresco di condanna definitiva e che non aveva neppure iniziato a scontare la pena, gli avrebbe detto: caro Silvio, truffare il fisco per milioni di euro è grave, e io non posso collaborare con te per cambiare la Costituzione. Leggo che addirittura i dem e i forzidioti sarebbero sul punto di presentare una mozione per le dimissioni del presidente della Camera. É appena il caso di ricordare che il Pd ha un ministro in carica indagato (lui personalmente, non una sua amica) per un gravissimo reato nell'ambito dell'inchiesta Consip. E chissà perché le Iene, che hanno sollevato il polverone su Fico, non vanno a indagare anche sulle colf degli altri 900 e passa parlamentari, a partire ovviamente dalla presidente del Senato. Secondo le associazioni di categoria, su oltre 2 milioni tra colf e badanti in Italia, almeno il 55% lavora in nero (e in molti casi si tratta anche di immigrati irregolari). Con questo non voglio affatto giustificare il lavoro nero, ma solo dire che il caso montato e ingigantito ad arte su questa colf della compagna di Fico è, con tutta evidenza, un attacco strumentale diretto a screditare il Movimento che ha vinto le elezioni. Un caso, non certo il primo, di sciacallaggio politico allo stato puro, non molto dissimile dal famigerato metodo Boffo. Ma gli sciacalli e le iene, che non sono solo quelle pagate da Mediaset, non si fermano davanti a nulla, neppure davanti a un triste caso umano. Infatti Selvaggia Lucarelli ha rivelato che la compagna di Fico è seriamente malata. Forse, come si evincerebbe anche da una foto recente dove appare con capelli molto corti, si sottopone a chemioterapia e le Iene di Mediaset lo sapevano. A questo punto lasciatemi dire che questi sono animali che speculano sulle disgrazie altrui, mentre io non ci vedrei nulla di male né di illegale se una donna malata di cancro si facesse aiutare in casa da una sua amica, magari versandole una piccola somma a titolo di riconoscenza o di rimborso spese. E in effetti sembra che la colf in oggetto sia un'amica di vecchia data della compagna di Fico. Il quale, ripeto, con questa faccenda in ogni caso non c'entra nulla e non deve rispondere di nulla. 

PS. mi devo correggere: non è vero che le Iene non si fermano davanti a nulla e nessuno. Si fermano quando ci sono in ballo un certo sindaco di Firenze e le sue note spese, e quando l'ordine di fermarsi e di non mandare in onda viene dall'alto, cioè dai vertici di Mediaset:

https://www.ilfattoquotidiano.it/2015/11/26/le-iene-e-gli-scontrini-di-renzi-ecco-cosa-ce-nel-servizio-che-mediaset-ha-fatto-saltare/2255950/

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

1 messaggio in questa discussione

8 ore fa, fosforo31 ha scritto:

Sono esterrefatto e indignato. Ieri sera la terza notizia del Tg2 di Telerenzi, ex Rai, non era la strage di giornalisti ad opera dell'Isis in Afghanistan, e nemmeno le minacce del guerrafondaio sionista Netanyahu all'Iran reo, secondo lui, di progettare segretamente bombe atomiche quando Israele ne ha già costruite segretamente e in barba a ogni trattato almeno 80 e, caso unico al mondo, non le ha mai neanche dichiarate. Ebbene, la terza notizia del Tg2 era il caso della presunta colf in nero della compagna del presidente della Camera Roberto Fico. Roba da matti! Ma che cavolo ci azzecca Fico con la colf della compagna? Il presidente ha la residenza a Roma dove ha una colf assunta con regolare contratto e, se la sua compagna, che risiede a Napoli in una casa intestata a lei, ha una colf in nero, sono cavoli suoi. Un uomo politico di questa importanza non ha certo tempo da perdere dietro i contratti delle colf che lavorano a casa della compagna, o della mamma o della nonna. Tra l'altro una coppia di fatto senza figli, a meno che non abbia firmato un contratto di convivenza secondo la recente normativa, non ha nessuno status giuridico. Quindi Fico non risponde in nessun modo delle scelte e delle eventuali irregolarità della compagna. Così come un Matteo Renzi non ha tempo da perdere e non c'entra nulla con le frequentazioni e gli affari di suo padre e di sua madre. Infatti i tg non ce ne informano, neppure quando queste frequentazioni e questi affari sono oggetto di indagini della magistratura. E allora perché il senatore Renzi va in tv in prima serata a dire che il caso della colf della compagna del presidente Fico è "grave" e il presidente deve chiarire personalmente in aula? Ve lo dico io: perché ha una enorme faccia di bronzo. Altrimenti prima di sedersi a un tavolo con un delinquente fresco di condanna definitiva e che non aveva neppure iniziato a scontare la pena, gli avrebbe detto: caro Silvio, truffare il fisco per milioni di euro è grave, e io non posso collaborare con te per cambiare la Costituzione. Leggo che addirittura i dem e i forzidioti sarebbero sul punto di presentare una mozione per le dimissioni del presidente della Camera. É appena il caso di ricordare che il Pd ha un ministro in carica indagato (lui personalmente, non una sua amica) per un gravissimo reato nell'ambito dell'inchiesta Consip. E chissà perché le Iene, che hanno sollevato il polverone su Fico, non vanno a indagare anche sulle colf degli altri 900 e passa parlamentari, a partire ovviamente dalla presidente del Senato. Secondo le associazioni di categoria, su oltre 2 milioni tra colf e badanti in Italia, almeno il 55% lavora in nero (e in molti casi si tratta anche di immigrati irregolari). Con questo non voglio affatto giustificare il lavoro nero, ma solo dire che il caso montato e ingigantito ad arte su questa colf della compagna di Fico è, con tutta evidenza, un attacco strumentale diretto a screditare il Movimento che ha vinto le elezioni. Un caso, non certo il primo, di sciacallaggio politico allo stato puro, non molto dissimile dal famigerato metodo Boffo. Ma gli sciacalli e le iene, che non sono solo quelle pagate da Mediaset, non si fermano davanti a nulla, neppure davanti a un triste caso umano. Infatti Selvaggia Lucarelli ha rivelato che la compagna di Fico è seriamente malata. Forse, come si evincerebbe anche da una foto recente dove appare con capelli molto corti, si sottopone a chemioterapia e le Iene di Mediaset lo sapevano. A questo punto lasciatemi dire che questi sono animali che speculano sulle disgrazie altrui, mentre io non ci vedrei nulla di male né di illegale se una donna malata di cancro si facesse aiutare in casa da una sua amica, magari versandole una piccola somma a titolo di riconoscenza o di rimborso spese. E in effetti sembra che la colf in oggetto sia un'amica di vecchia data della compagna di Fico. Il quale, ripeto, con questa faccenda in ogni caso non c'entra nulla e non deve rispondere di nulla. 

PS. mi devo correggere: non è vero che le Iene non si fermano davanti a nulla e nessuno. Si fermano quando ci sono in ballo un certo sindaco di Firenze e le sue note spese, e quando l'ordine di fermarsi e di non mandare in onda viene dall'alto, cioè dai vertici di Mediaset:

https://www.ilfattoquotidiano.it/2015/11/26/le-iene-e-gli-scontrini-di-renzi-ecco-cosa-ce-nel-servizio-che-mediaset-ha-fatto-saltare/2255950/

Vabbene , vabbene , so già quel che pensate : Fosforo e’ un Cazzaro di primo livello e te ci perdi pure tempo ?? Lo so cari forumisti , ma devo anche ammettere che mi piace vincere facile contro coloro che approfittano della credulità dei gonzi . Ed allora iniziamo non prima prima di ricordare che stiamo parlando dello stesso Cazzaro , ora in versione garantista e non giustizialista come ci ha abituato ad essere . Basta toccargli un grillino od un Napoletano che si trasforma . Sissignori !! E’ lì stesso Cazzaro che chiuderebbe un esercizio commerciale per 15 giorni per non avere fatto uno scontrino di caffè , 30 giorni alla seconda infrazione , chiusura totale ed immediata dell’esercizio e sequestro della licenza a vita al terzo . Caz.z.o !! Per 3 scontrini !! Per 3 caffè non battuti diventa inflessibile come il Che Guevara ( il cui manifesto manifesto campeggia nella sua camera matrimoniale . Fonte : il Trombaio di Firenze ). La stessa inflessibilità non la “tiene “ per la terza carica dello Stato che da anni paga una collaboratrice domestica e , sembra , pure un aiutante moldavo . A supporto di ciò , pur di definire sciacalli propensi al metodo Boffo chi ne ha dato notizia , pur di definire attacco strumentale quello che viene portato a chi ha vinto le elezioni, cita alcuni esempi che sono demrnzialita’ allo stato puro. Egregio Cazzaro , intanto non e’ affatto vero che il Fico , a Roma , usufruisce di una collaborazione domestica regolarmente “regolarizzata “, anzi , anch’essa e’ e sarà oggetto di indagini dell’Ispettorato del Lavoro . Il Fico , invece , deve e ripeto il deve , sapere , visto che la collaboratrice domestica nel filmato dichiara che e’ lui direttamente che le paga i 500 euro  ( in contanti ) mensili pattuiti per la prestazione e con tanto di orario e di giorni stabiliti affinché dette prestazioni vengano effettuate . L’esempio della malata che viene assistita saltuariamente ( a mo di favore e fatta oggetto di piccole somme) e’ altrettanto demenziale . Qua siamo di fronte a prestazioni continuative e non saltuarie e la legge impone precise e ben specificate regole da dover seguire . E’ altresì demenziale solo voler accostare detta vicenda a quella dei genitori di Renzi . Vorrei rammentate che su quella vicenda c’è un procedimento giudiziario in corso ed a nessuno e’ dato di disquisire ed entrare nel merito della vicenda . Per quel che riguarda L’allegato che il Cazzaro... “allega” , ricordo che sulla vicenda degli scontrini di Renzi e’ già intervenuta , per 2 volte , la Magistratura contabile assolvendo l’ex premier per non aver commesso il fatto . Ci siamo Cazzaro ?? Concludo affermando e rafforzando quanto sia pataccaro il Bufalaro napoletano, che pure il suo giornalino di riferimento lo smentisce e lo inquadra come Cazzaro ( formidabile , nda). Saluti 

Fico e la colf, i doveri di un presidente della Camera

Iene-Fico-Monteleone-Colf-in-nero-675.jpg

Tra accuse sballate al suo successorePaolo Gentiloni (“il Paese dal 4 dicembre del 2016 è bloccato”) e proposte di nuove riforme costituzionali già clamorosamente bocciate dalla maggioranza degli italiani, Matteo Renzi una cosa giusta da Fabio Fazio l’ha detta: il presidente della CameraRoberto Fico, deve davvero spiegare la questione della colf (per lui “un’amica della compagna”) che lavora nella casa della fidanzata in cui lui soggiorna ogni settimana da anni quando è a Napoli.

Le versioni diametralmente opposte offerte alle telecamere de Le Ienedalla ragazza (“ho un contratto regolare”) e da Fico meritano un chiarimento. Non solo perché chi ricopre cariche istituzionalitanto importanti ha il dovere di dare sempre il buon esempio e di non mentire (se mai Fico lo ha fatto), ma anche perché è facile prevedere che, in assenza di una parola definitiva, questa storia nei prossimi giorni finirà per provocare l’intervento dell‘Ispettorato del lavoro e delle autorità previdenziali.

 
 

Fingere che tutto verrà dimenticato non è giusto e soprattutto non serve: perché senza rapide decisioni la questione della presunta colf in nero diventerà un vulnus per la credibilità di Fico e finirà per provocare un grave danno al suo Movimento.

Certo, lo sappiamo. La vicenda, anche se fosse definitivamente accertata, è di per sé minima. Gli italiani che hanno colf prive dicontratto regolare sono centinaia di migliaia. A spingerli a non regolarizzare a volte sono le stessecollaboratrici domestiche e molto più spesso norme farraginose a cui si aggiungono costi sproporzionati. Ma Fico milita in una forza politica che da sempre sostiene di combattere ogni irregolarità ed ***. E che soprattutto ha fatto della trasparenza uno dei suoi principi fondanti. Se non si arriverà a un punto definitivo, questa storia verrà rinfacciata dagli avversari ai pentastellati in ogni dibattito pubblico e finirà per provocare loro una grave perdita di consensi.....

 

 

 

Editoriale il Fatto S.p.A. C.F. e P.IVA 10460121006   © 2009-2018 Il Fatto Quotidiano

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963