piano lega per assegnazioni case popolari

Sarebbe la normalità, ma nell’epoca della menzogna universale anche la normalità è un atto rivoluzionario

QUANDO SENTIREMO GRILLI & KOMPAGNI A FARE LO STESSO OVVIO SCONTATO RAGIONAMENTO????

DOMODOSSOLA – “Gli alloggi popolari? Diamo precedenza ai cittadini italiani”. E’ il pensiero del senatore della Lega Enrico Montani che, in una nota stampa, rilancia un recente comunicato in cui l’assessore alle Politiche sociali di Domodossola, Antonella Ferraris, annunciava un giro di vite sulla situazione di illegalità esistente in città: “Il percorso intrapreso dal nostro assessore – dice Montani – è di assoluta ragionevolezza e per questo esprimo la mia personale soddisfazione per il suo operato. E’ giusto sanzionare chi occupa le case del Comune senza averne il diritto o chi le utilizza senza pagare il canone di locazione”

.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

5 messaggi in questa discussione

2 ore fa, director12 ha scritto:

Sarebbe la normalità, ma nell’epoca della menzogna universale anche la normalità è un atto rivoluzionario

QUANDO SENTIREMO GRILLI & KOMPAGNI A FARE LO STESSO OVVIO SCONTATO RAGIONAMENTO????

DOMODOSSOLA – “Gli alloggi popolari? Diamo precedenza ai cittadini italiani”. E’ il pensiero del senatore della Lega Enrico Montani che, in una nota stampa, rilancia un recente comunicato in cui l’assessore alle Politiche sociali di Domodossola, Antonella Ferraris, annunciava un giro di vite sulla situazione di illegalità esistente in città: “Il percorso intrapreso dal nostro assessore – dice Montani – è di assoluta ragionevolezza e per questo esprimo la mia personale soddisfazione per il suo operato. E’ giusto sanzionare chi occupa le case del Comune senza averne il diritto o chi le utilizza senza pagare il canone di locazione”

.

Vedi . Idio ta , le assegnazioni delle case popolari si fanno non in base alla nazionalità bensì ci sono delle graduatorie in cui sono presenti tutti coloro , italiani e non , che vivono in Italia e che in Italia pagano le tasse . In sintesi : ci sono dei parametri che permettono di avere dei punteggi per la relativa assegnazione . Quindi, anche per non dare contro alla norme Costituzionali , non si possono fare assegnazioni in base alla cittadinanza . Sennò crea la “ Padania” e le case le dai a chi vuoi te . Intesi , ebe te ?? 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 ore fa, director12 ha scritto:

Sarebbe la normalità, ma nell’epoca della menzogna universale anche la normalità è un atto rivoluzionario

QUANDO SENTIREMO GRILLI & KOMPAGNI A FARE LO STESSO OVVIO SCONTATO RAGIONAMENTO????

DOMODOSSOLA – “Gli alloggi popolari? Diamo precedenza ai cittadini italiani”. E’ il pensiero del senatore della Lega Enrico Montani che, in una nota stampa, rilancia un recente comunicato in cui l’assessore alle Politiche sociali di Domodossola, Antonella Ferraris, annunciava un giro di vite sulla situazione di illegalità esistente in città: “Il percorso intrapreso dal nostro assessore – dice Montani – è di assoluta ragionevolezza e per questo esprimo la mia personale soddisfazione per il suo operato. E’ giusto sanzionare chi occupa le case del Comune senza averne il diritto o chi le utilizza senza pagare il canone di locazione”

.

E con quali soldi pagano le multe?Quelli non hanno nemmeno gli occhi per piangere,figuriamoci se hanno il denaro per pagarle.Meglio non applicare nessuna sanzione...Una volta messe a ruolo e non vengono pagate vengono spalmate sull'intera comunità.Lo stato sciacallo vuole la sua parte.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, mark222220 ha scritto:

Vedi . Idio ta , le assegnazioni delle case popolari si fanno non in base alla nazionalità bensì ci sono delle graduatorie in cui sono presenti tutti coloro , italiani e non , che vivono in Italia e che in Italia pagano le tasse . In sintesi : ci sono dei parametri che permettono di avere dei punteggi per la relativa assegnazione . Quindi, anche per non dare contro alla norme Costituzionali , non si possono fare assegnazioni in base alla cittadinanza . Sennò crea la “ Padania” e le case le dai a chi vuoi te . Intesi , ebe te ?? 

e i parametri ,chi li ha designati?? fatti ad hoc per una certa categoria....sempre voi perdenti di sx..ovviamente

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, director12 ha scritto:

e i parametri ,chi li ha designati?? fatti ad hoc per una certa categoria....sempre voi perdenti di sx..ovviamente

I parametri sono disegnati dalla legge italiana ...!! Strano ??

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
20 minuti fa, mark222220 ha scritto:

I parametri sono disegnati dalla legge italiana ...!! Strano ??

prima di parlare,inserire il cervello:

oltre la polemica sui toni che hanno caratterizzato la vicenda, rimane il problema dell’emergenza abitativa per molti cittadini italiani. E in questo contesto, il problema dell’assegnazione di molti alloggi popolari agli stranieri, conta sempre di più, in un Paese in cui, come testimoniano i dati appena pubblicati dall’Istat, oltre un italiano su 4 è a rischio povertà assoluta. Quest’anno, alcune delle più importanti città d’Italia, infatti, apporteranno dei correttivi ai requisiti per ottenere l’assegnazione di un alloggio popolare, proprio per limitare l’accesso della popolazione straniera che, in proporzione, spesso è facilitata nella scalata alle graduatorie per l'assegnazione. Con redditi più bassi e famiglie più numerose, infatti, gli stranieri, in questi anni, sono stati naturalmente avvantaggiati.

Milano

Nel capoluogo lombardo ad esempio, nel 2012, su 1190 case popolari, quasi la metà, ovvero 455, sono state assegnate a cittadini stranieri. Stessa situazione l’anno dopo, nel 2013, quando ai cittadini extracomunitari furono destinate oltre il 40% delle 800 case popolari assegnate quell’anno dal Comune. Un dato sproporzionato, visto che, all’epoca, la popolazione straniera, in una città di quasi un milione e mezzo di abitanti, era di circa 250mila persone. Per questo, nel 2015, la giunta Maroni propose di innalzare a 10 gli anni di residenza nella Regione Lombardia, come uno dei criteri per l’assegnazione delle case popolari

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963