Minorenni diffondono foto osé di una coetanea: pagano i genitori

Avevano diffuso la foto nuda di una loro coetanea minorenne, facendola circolare sui telefonini di mezza città. Prosciolti in sede di udienza preliminare ora 11 minorenni sono stati chiamati a risarcire la parte lesa in sede civile, ma a pagare saranno i loro genitori.
Il giudice ha disposto inoltre che a pagare il risarcimento debbano essere i genitori degli allora minorenni perchè «è in capo al genitore l’onere di provare e di dimostrare il corretto assolvimento dei propri obblighi educativi e di controllo sul figlio, solo in tal modo potendosi esonerare dalla condanna risarcitorie». Nella specie nulla è stato dimostrato. Anzi sempre secondo la sentenza del giudice «i fatti esprimono, di per sè, una carenza educativa degli allora minorenni, dimostratisi in tal modo privi del necessario senso critico di una congiura capacità di discernimento e di orientamento consapevole delle proprie scelte nel rispetto e nella tutela altrui. Capacità che invece avrebbero già dovuto godere in relazione all’età posseduta. Tanto è vero che alcuni coetanei ricevuta la foto non l’hanno divulgata»
2000 euro per ogni messaggio con la foto è stata la giustissima punizione, che ne pensate?

Immagine correlata

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

1 messaggio in questa discussione

Il 10/4/2018 in 11:53 , rivaviva ha scritto:

Avevano diffuso la foto nuda di una loro coetanea minorenne, facendola circolare sui telefonini di mezza città. Prosciolti in sede di udienza preliminare ora 11 minorenni sono stati chiamati a risarcire la parte lesa in sede civile, ma a pagare saranno i loro genitori.
Il giudice ha disposto inoltre che a pagare il risarcimento debbano essere i genitori degli allora minorenni perchè «è in capo al genitore l’onere di provare e di dimostrare il corretto assolvimento dei propri obblighi educativi e di controllo sul figlio, solo in tal modo potendosi esonerare dalla condanna risarcitorie». Nella specie nulla è stato dimostrato. Anzi sempre secondo la sentenza del giudice «i fatti esprimono, di per sè, una carenza educativa degli allora minorenni, dimostratisi in tal modo privi del necessario senso critico di una congiura capacità di discernimento e di orientamento consapevole delle proprie scelte nel rispetto e nella tutela altrui. Capacità che invece avrebbero già dovuto godere in relazione all’età posseduta. Tanto è vero che alcuni coetanei ricevuta la foto non l’hanno divulgata»
2000 euro per ogni messaggio con la foto è stata la giustissima punizione, che ne pensate?

Immagine correlata

Penso sia giusto. Occorre finirla con il fatto che qui nessuno è mai responsabile di niente, non solo e non tanto in caso di minorenni.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora