è tornato a scuola come niente fudesse

Per il minorenne friulano di origini algerine, accusato di terrorismo dalla Polizia per propaganda jihadista in rete, oggi è stato un giorno come un altro. Come se non fosse successo niente (o quasi). Lui, finito per un anno nel mirino delle indagini della polizia postale, il ragazzino che gestiva i canali Telegram e Chat di proselitismo dello Stato Islamico, siede allo stesso banco di sempre.

È tornato a scuola e nessuno tra il personale docente o i compagni sanno di chi è che si sta parlando da giorni su tutti i quotidiani nazionali. Possono solo supporlo. Il giovane è ora aiutato da un team di esperti con l'intento di tentare una de-radicalizzazione. E questo percorso prevedere il rientro a scuola senza stravolgimenti della vita.in fin dei conti,che voleva fare'? solo far esplodere la scuola!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

0 messaggi in questa discussione

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora