Non si perda altro tempo!

Inviata (modificato)

Che spettacolo penoso quello di ieri. Più che un giro di consultazioni è parso una presa in giro degli italiani. Meno male che alcuni patetici imitatori di Roberto Fico sono saliti al Colle a piedi, facendoci risparmiare un pochino di denaro pubblico. Al di là di questo buon esempio, gli italiani hanno capito solo una cosa: i loro cosiddetti rappresentanti hanno buttato un mese nel cesso, dopo averci buttata un'intera legislatura, e minacciano di buttarcene molti altri. Mentre chi segue la politica con un po' di attenzione ha visto ribaditi due punti fermi: c'è il veto del M5s sul delinquente Berlusconi, e questo è un fatto storico; e c'è il veto del Pd sul M5s, e questa è la ripicca dell'allievo ripetente che con il suo maestro Berlusconi sognava di governare e aveva scritto una leggiaccia elettorale ad hoc per tagliare fuori i grillini. Purtroppo l'allievo ripetente aveva scritto (sempre con i piedi) anche le liste del Pd e di conseguenza, nonostante il ceffone mollatogli dagli elettori in piena faccia (di bronzo), continua a fare il padrone del partito e a mandare ordini tramite il suo caminetto, con buona pace di Calenda e dei suoi mal di pancia. Per quanto mi riguarda la cosa più penosa è stata il rivedere la faccia (di plastica) del delinquente in un palazzo delle istituzioni, con il tricolore e la bandiera europea alle spalle. Uno spettacolo avvilente che, come hanno spiegato Sergio Rizzo e Massimo Fini, è possibile ed è tollerato solo in Italia. Perché nei paesi seri il veto dei 5stelle su un impresentabile pregiudicato che ha sempre usato la politica per i suoi interessi privati sarebbe il veto di TUTTI. Purtroppo dovremo sorbirci la seconda inutile puntata tra una settimana o due. Speriamo che il Qurinale non diventi la location di una telenovela. Io ne ho già abbastanza e suggerisco al M5s di non partecipare a un terza puntata ma di riportare la scena in Parlamento presentando il testo della nuova legge elettorale. Sarebbe un'altra intelligente e spiazzante mossa di Di Maio. Il maestro impresentabile e il suo allievo ripetente finirebbero sulla graticola: l'incubo di imminenti elezioni anticipate gli toglierebbe il sonno e quel poco di lucidità che gli resta. Probabilmente perderebbero anche il controllo dei loro partiti, o di ciò che ne resta. Mentre Salvini non potrebbe andarsene sull'Aventino, ma dovrebbe collaborare e prepararsi alla sfida finale. Non si perda altro tempo! Un bell'uninominale di collegio alla francese, con ballottaggio al secondo turno, sarebbe l'ideale per risolvere la questione. Se c'è ancora una piccola possibilità di votare a fine giugno (come nel 1983) sarebbe un delitto sprecarla, ma in ogni caso si ponga un paletto su ottobre. Certo la Lega potrebbe contare sui collegi del Nord, ma il Sud è compatto, terribilmente compatto, e vuole un'Italia nuova, un'Italia a 5 stelle. Mentre Salvini vive di politica da almeno 25 anni. Il 4 marzo non passerà alla storia come una perdita di tempo: è stato il funerale di Renzusconi e lo sdoganamento dei 5s. Gli italiani, anche i moderati del Nord, hanno capito che sono ben altro che la banda di incapaci e di balordi dipinta dai media renzusconani. Chiudo con un suggerimento anche al Dibba: si candidi anche lui, e si candidi a Milano. La patria chiama, quei voti servono. E non faccia 200 comizi in giro per l'Italia: ne faccia 400 e tutti sopra il Rubicone. Luigi ha conquistato il cuore dei meridionali, il Dibba incendierà le piazze del Nord e lo conquisterà.

 

 

Modificato da fosforo31

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

5 messaggi in questa discussione

2 minuti fa, fosforo31 ha scritto:

Che spettacolo penoso quello di ieri. Più che un giro di consultazioni è parso una presa in giro degli italiani. Meno male che alcuni patetici imitatori di Roberto Fico sono saliti al Colle a piedi, facendoci risparmiare un pochino di denaro pubblico. Al di là di questo buon esempio, gli italiani hanno capito solo una cosa: i loro cosiddetti rappresentanti hanno buttato un mese nel cesso, dopo averci buttata un'intera legislatura, e minacciano di buttarcene molti altri. Mentre chi segue la politica con un po' di attenzione ha visto ribaditi due punti fermi: c'è il veto del M5s sul delinquente Berlusconi, e questo è un fatto storico; e c'è il veto del Pd sul M5s, e questa è la ripicca dell'allievo ripetente che con il suo maestro Berlusconi sognava di governare e aveva scritto una leggiaccia elettorale ad hoc per tagliare fuori i grillini. Purtroppo l'allievo ripetente aveva scritto (sempre con i piedi) anche le liste del Pd e di conseguenza, nonostante il ceffone mollatogli dagli elettori in piena faccia (di bronzo), continua a fare il padrone del partito e a mandare ordini tramite il suo caminetto, con buona pace di Calenda e dei suoi mal di pancia. Per quanto mi riguarda la cosa più penosa è stata il rivedere la faccia (di plastica) del delinquente in un palazzo delle istituzioni, con il tricolore e la bandiera europea alle spalle. Uno spettacolo avvilente che, come hanno spiegato Sergio Rizzo e Massimo Fini, è possibile ed è tollerato solo in Italia. Perché nei paesi seri il veto dei 5stelle su un impresentabile pregiudicato che ha sempre usato la politica per i suoi interessi privati sarebbe il veto di TUTTI. Purtroppo dovremo sorbirci la seconda inutile puntata tra una settimana o due. Speriamo che il Qurinale non diventi la location di una telenovela. Io ne ho già abbastanza e suggerisco al M5s di non partecipare a un terza puntata ma di riportare la scena in Parlamento presentando il testo della nuova legge elettorale. Sarebbe un'altra intelligente e spiazzante mossa di Di Maio. Il maestro impresentabile e il suo allievo ripetente finirebbero sulla graticola: l'incubo di imminenti elezioni anticipate gli toglierebbe il sonno e quel poco di lucidità che gli resta. Probabilmente perderebbero anche il controllo dei loro partiti, o di ciò che ne resta. Mentre Salvini non potrebbe andarsene sull'Aventino, ma dovrebbe collaborare e prepararsi alla sfida finale. Non si perda altro tempo! Un bell'uninominale di collegio alla francese, con ballottaggio al secondo turno, sarebbe l'ideale per risolvere la questione. Se c'è ancora una piccola possibilità di votare a fine giugno (come nel 1983) sarebbe un delitto sprecarla, ma in ogni caso si ponga un paletto su ottobre. Certo la Lega potrebbe contare sui collegi del Nord, ma il Sud è compatto, terribilmente compatto, e vuole un'Italia nuova, un'Italia a 5 stelle. Mentre Salvini vive di politica da almeno 25 anni. Il 4 marzo non è stato un perdita di tempo: è stato il funerale di Renzusconi e lo sdoganamento dei 5s. Gli italiani, anche i moderati del Nord, hanno capito che sono ben altro che la banda di incapaci e di balordi dipinta dai media berlusconiani. Chiudo con un suggerimento anche al Dibba: si candidi anche lui, e si candidi a Milano. La patria chiama, quei voti servono. E non faccia 200 comizi in giro per l'Italia: ne faccia 400 e tutti sopra il Rubicone. Luigi ha conquistato il cuore dei meridionali, il Dibba incendierà le piazze del Nord e lo conquisterà.

 

 

no fosforo tu stai uccidendo dei raccomandati morti o con il fegato a pezzi !

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

31 minuti fa, fosforo31 ha scritto:

Che spettacolo penoso quello di ieri. Più che un giro di consultazioni è parso una presa in giro degli italiani. Meno male che alcuni patetici imitatori di Roberto Fico sono saliti al Colle a piedi, facendoci risparmiare un pochino di denaro pubblico. Al di là di questo buon esempio, gli italiani hanno capito solo una cosa: i loro cosiddetti rappresentanti hanno buttato un mese nel cesso, dopo averci buttata un'intera legislatura, e minacciano di buttarcene molti altri. Mentre chi segue la politica con un po' di attenzione ha visto ribaditi due punti fermi: c'è il veto del M5s sul delinquente Berlusconi, e questo è un fatto storico; e c'è il veto del Pd sul M5s, e questa è la ripicca dell'allievo ripetente che con il suo maestro Berlusconi sognava di governare e aveva scritto una leggiaccia elettorale ad hoc per tagliare fuori i grillini. Purtroppo l'allievo ripetente aveva scritto (sempre con i piedi) anche le liste del Pd e di conseguenza, nonostante il ceffone mollatogli dagli elettori in piena faccia (di bronzo), continua a fare il padrone del partito e a mandare ordini tramite il suo caminetto, con buona pace di Calenda e dei suoi mal di pancia. Per quanto mi riguarda la cosa più penosa è stata il rivedere la faccia (di plastica) del delinquente in un palazzo delle istituzioni, con il tricolore e la bandiera europea alle spalle. Uno spettacolo avvilente che, come hanno spiegato Sergio Rizzo e Massimo Fini, è possibile ed è tollerato solo in Italia. Perché nei paesi seri il veto dei 5stelle su un impresentabile pregiudicato che ha sempre usato la politica per i suoi interessi privati sarebbe il veto di TUTTI. Purtroppo dovremo sorbirci la seconda inutile puntata tra una settimana o due. Speriamo che il Qurinale non diventi la location di una telenovela. Io ne ho già abbastanza e suggerisco al M5s di non partecipare a un terza puntata ma di riportare la scena in Parlamento presentando il testo della nuova legge elettorale. Sarebbe un'altra intelligente e spiazzante mossa di Di Maio. Il maestro impresentabile e il suo allievo ripetente finirebbero sulla graticola: l'incubo di imminenti elezioni anticipate gli toglierebbe il sonno e quel poco di lucidità che gli resta. Probabilmente perderebbero anche il controllo dei loro partiti, o di ciò che ne resta. Mentre Salvini non potrebbe andarsene sull'Aventino, ma dovrebbe collaborare e prepararsi alla sfida finale. Non si perda altro tempo! Un bell'uninominale di collegio alla francese, con ballottaggio al secondo turno, sarebbe l'ideale per risolvere la questione. Se c'è ancora una piccola possibilità di votare a fine giugno (come nel 1983) sarebbe un delitto sprecarla, ma in ogni caso si ponga un paletto su ottobre. Certo la Lega potrebbe contare sui collegi del Nord, ma il Sud è compatto, terribilmente compatto, e vuole un'Italia nuova, un'Italia a 5 stelle. Mentre Salvini vive di politica da almeno 25 anni. Il 4 marzo non passerà alla storia come una perdita di tempo: è stato il funerale di Renzusconi e lo sdoganamento dei 5s. Gli italiani, anche i moderati del Nord, hanno capito che sono ben altro che la banda di incapaci e di balordi dipinta dai media renzusconani. Chiudo con un suggerimento anche al Dibba: si candidi anche lui, e si candidi a Milano. La patria chiama, quei voti servono. E non faccia 200 comizi in giro per l'Italia: ne faccia 400 e tutti sopra il Rubicone. Luigi ha conquistato il cuore dei meridionali, il Dibba incendierà le piazze del Nord e lo conquisterà.

 

 

Ahahahaha , ma insomma che caz.z.o vuoi dal PD?? Sei ossessionato da Renzi e meriteresti di stare 12 mesi in un kibbutz a riflettere . Ti informo che tra un po’ Giggino schiena dritta andrà da Renzi a supplicarlo di dargli i voti . E siccome non gli avrà, ti toccherà fare un governo con il noto musicista e paroliere della canzone : “ Senti che puzza , li sentono anche i cani , stanno arrivando i Napoletani “. E te , da buon napoletano non con la testa dritta ma con il Kulet.to in su sarai pronto e prono per la deflorazione sfinteriale. E noi saremo contenti perché avete vinto , avete i numeri e vi vogliamo veder governare concedendo il reddito di cittadinanza , la flat tax , via la Fornero e pure l’euro . Ci divertiremo nella speranza che vi tolgano il giocattolino prima di aver ridotto il Paese in cenere . Ma prima qualche risata vogliamo farcela . Il ragazzo dalla schiena dritta e’ uno spasso . Non si perda altro tempo ( ti vedo nervosetto , Cazzaro )..Ahahahah 

Modificato da mark222220

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Avevo scritto nel post iniziale che l'allievo ripetente di B. continua a sentirsi e a fare il padroncino del Pd, pur portando sul muso immusonito gli evidenti segni delle due sberle rifilategli dal popolo sovrano il 4 dicembre e il 4 marzo (e se votassimo domenica 4 novembre?). Però qualcuno nel Pd comincia ad averne piene le scatole di questo incapace, per giunta perdente e arrogante, oltre che invadente. E il motivo è presto detto: solo chi si è bevuto il cervello oggi può non avere la certezza che un futuro del Pd, ammesso che ci sia (e non è detto), passa necessariamente per la rottamazione del fu rottamatore. I mal di pancia non sono solo di Emiliano, Cuperlo e Calenda. Oggi il ministro della Giustizia Orlando, che come ho sempre scritto è un ragazzo intelligente piazzato nel posto sbagliato, ha puntato e ha centrato con un bel siluro il capetto alla frutta del Pd. E un altro segno incoraggiante degli effetti positivi del 4 marzo è che qualche tg ha mandato in onda anche il video. Leggete attentamente:

http://www.imolaoggi.it/2018/04/06/sconfitta-pd-orlando-a-renzi-se-e-colpa-dei-cambiamenti-climatici-ritiri-le-dimissioni/

P.S. l'accostamento di Renzi ai mutamenti climatici è molto divertente ma anche appropriato. Perché il tappetaro, promesse a parte, ha fatto poco o nulla per contrastare il global warming. Anzi lo ha addirittura incentivato con i suoi pacchiani favori ai petrolieri (non ultimo l'abolizione delle imposte comunali sulle trivellazioni marine). Con il bel risultato che l'Italia, in netta controtendenza rispetto al resto del mondo, vede diminuire la quota delle rinnovabili nel suo mix energetico e vede addirittura aumentare le sue emissioni di gas serra.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, fosforo31 ha scritto:

Avevo scritto nel post iniziale che l'allievo ripetente di B. continua a sentirsi e a fare il padroncino del Pd, pur portando sul muso immusonito gli evidenti segni delle due sberle rifilategli dal popolo sovrano il 4 dicembre e il 4 marzo (e se votassimo domenica 4 novembre?). Però qualcuno nel Pd comincia ad averne piene le scatole di questo incapace, per giunta perdente e arrogante, oltre che invadente. E il motivo è presto detto: solo chi si è bevuto il cervello oggi può non avere la certezza che un futuro del Pd, ammesso che ci sia (e non è detto), passa necessariamente per la rottamazione del fu rottamatore. I mal di pancia non sono solo di Emiliano, Cuperlo e Calenda. Oggi il ministro della Giustizia Orlando, che come ho sempre scritto è un ragazzo intelligente piazzato nel posto sbagliato, ha puntato e ha centrato con un bel siluro il capetto alla frutta del Pd. E un altro segno incoraggiante degli effetti positivi del 4 marzo è che qualche tg ha mandato in onda anche il video. Leggete attentamente:

http://www.imolaoggi.it/2018/04/06/sconfitta-pd-orlando-a-renzi-se-e-colpa-dei-cambiamenti-climatici-ritiri-le-dimissioni/

P.S. l'accostamento di Renzi ai mutamenti climatici è molto divertente ma anche appropriato. Perché il tappetaro, promesse a parte, ha fatto poco o nulla per contrastare il global warming. Anzi lo ha addirittura incentivato con i suoi pacchiani favori ai petrolieri (non ultimo l'abolizione delle imposte comunali sulle trivellazioni marine). Con il bel risultato che l'Italia, in netta controtendenza rispetto al resto del mondo, vede diminuire la quota delle rinnovabili nel suo mix energetico e vede addirittura aumentare le sue emissioni di gas serra.

 

meno male che dicono che le sceneggiate siano Napoletane (almeno da noi le fanno gli artisti) si vede che non sono mai stati in toscana !

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il Cazzaro si calmi e dopo non poter non notare che prosegue la sua marcia di avvicinamento alle stesse posizioni di Direttoretto , Suo prossimo alleatio, che , al pari suo cita i giornaletti campioni mondiali di fake news come Imola Oggi , lasci perdere le dinamiche interne del PD che non conosce. Il Segretario reggente esiste ma proprio l’etimologia stessa definisce compiti , più o meno burocratici,  che svolge  finchè non viene eletto un nuovo segretario . Nel frattempo la maggioranza congressuale è quella che ha eletto Renzi nemmeno un anno fa con il 70%. Ergo Cazzaro , limitati ai tuoi incontri giornalieri con Carmine Petruzziello e Gennarino Esposito con la partecipazione straordinaria di Catello Maglione e lascia stare argomenti di cui non hai la minima contezza e che , giorno dopo giorno , a cadenza progressiva e costante , ti hanno ridotto a Pulcinella del Forum che,  non e’ una mia impressione,  ma che per poterla constatare basta leggere i commenti a cui sei soggetto , Quotidianamente, dagli utenti seri del forum . Saluti da parte mia e dal Trombaio verso non solo a te . 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora