dopo la fregatura di renzi verso berlusca anche salvini lo frega

mi sa che ormai l'età è età con veline e senza !

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

2 messaggi in questa discussione

MA  DAI  ECCOLO  IL  DIFENSORE  DEI  PREGIUDICATI  

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Beh, alla fine tra le due bastonate assestate sul kulo flaccido dell'ex cavaliere (così lo definiva l'esperta Minetti) il livido più grosso l'ha lasciato quella di Di Maio con il categorico e sacrosanto rifiuto di abbassarsi a incontrare un delinquente per trattare sulle presidenze delle Camere. Un rifiuto che ha lasciato bruciori in quel posto anche a molti berluscones, da Sallusti a Brunetta. Mentre Salvini ha alquanto ammorbidito il colpo rinunciando all'opzione Bernini (forzista perbene e non telecomandabile, dunque scomoda) e accettando la Casellati, una storica pasdaran del vecchio Caimano. Certo sempre meno peggio dell'impresentabile Romani, sul quale la Lega si è giustamente allineata al veto di Di Maio. Sarebbe stato davvero il colmo, un pessimo inizio di legislatura ritrovarsi con un pregiudicato seconda carica dello Stato. Ma è certo che sarebbe andata proprio così se fosse dipeso dal Pd, che era pronto ad astenersi al ballottaggio. Cedo qui la parola a Marco Travaglio dal suo magnifico editoriale di oggi: 

Il Pd Emanuele Fiano, anziché incitare i suoi a un no chiaro e netto al condannato Romani, dice che "il diniego del M5S su Romani è un ostacolo" e si sente distintamente che la voce non è la sua ma quella di B.

Andato a monte, grazie a Di Maio e Salvini, quello che doveva essere il primo inciucio renzusconiano della nuova legislatura, il Pd ha ripiegato nel ballottaggio su una candidatura di bandiera e di prestigio. La ministra uscente dell'Istruzione, segnalatasi per gli strafalcioni e per una laurea farlocca. Dunque meritevole, secondo i resti di un partito in confusione e quasi allo sbando, di andare a occupare la seconda carica dello Stato. Le bastonate degli elettori il 4 marzo e le bacchettate di Napolitano nel suo discorso di ieri non sono ancora abbastanza per questi irrecuperabili tafazziani del Pd.

 

Modificato da fosforo31

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963