pd fa l'ultimo (speriamo)regalo

Il governo ha approvato la riforma delle carceri. Il ministro della Giustizia Andrea Orlando ha spiegato che “c’è una norma che dice che si deve valutare il comportamento del detenuto, naturalmente non per tutti i reati, quelli più gravi sono esclusi: se ha studiato, se ha lavorato a un certo punto la pena può essere trasformata in un altro tipo di pena che restituisca qualcosa alla società con il lavoro, anche risarcendo il danno che con il reato ha prodotto”.

“Si tratta di un provvedimento che serve ad abbattere la recidiva: siamo un Paese che spende quasi 3 miliardi di euro tutti gli anni per eseguire le pene, ma purtroppo abbiamo ancora un tasso di recidiva tra i più alti d’Europa. Con questo intervento – ha spiegato – andiamo in un’altra direzione: più studio e lavoro nel carcere e più restituzione ai cittadini di quanto si è tolto con il reato”.

Per Orlando “ci sarà chi tenterà di speculare e cavalcare le paure ma i cittadini non devono avere paura . Trascorso un certo periodo a prescindere dal comportamento, se non c’è stato nessun evento negativo, il detenuto può essere liberato e può godere dei benefici. Oggi ogni singolo detenuto sarà valutato sulla base del comportamento tenuto all’interno del carcere e nel periodo di reclusione”.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

2 messaggi in questa discussione

il nuovo esecutivo avra' un bel po' da lavorare..sai cose che bisogna cancellare?? la lista è ben lunga..pari ai danni che le sx ha fatto al paese!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora