Storia e futuro del PD

Molto di ciò che era si è perduto, perché ora non vive nessuno che lo ricorda. Tutto ebbe inizio con la forgiatura del Grande Partito. Tre posti in direzione furono dati ai franceschiniani, gli esseri immortali più saggi e “leali” di tutti. Sette agli ex DS, eredi del PCI e collettivizzatori dei mezzi di produzione. E nove, nove Anelli furono dati alla razza dei giovani turchi che più di qualunque cosa desiderano il potere. 
Perché in quel partito era sigillata la forza e la volontà di governare tutto il paese. 
Ma tutti loro furono ingannati, perché venne creato un altro anello. Nella terra di Firenze, tra le acque dell’Arno, Matteo Renzi, l'Oscuro Signore, forgiò in segreto una corrente sovrana, per controllare tutti gli altri e in questa corrente riversò la sua crudeltà, la sua malvagità e la sua volontà di dominare ogni forma di vita: un partito per domarli tutti.
Uno a uno i dirigenti del Partito Democratico caddero sotto il potere di Renzi, ma alcuni opposero resistenza: un'Ultima Alleanza di orlandiani e cuperliani marciò contro le armate di Renzi e nei gazebo delle primarie  combatté per la libertà del Partito.

La vittoria era vicina, ma il potere di Renzi non poteva essere sopraffatto. Fu in quel momento, quando ogni speranza era svanita che Paolo Gentiloni, non eletto dal popolo, afferrò la campanella del presidente...

Renzi, il nemico delle correnti libere del Partito democratico, venne sconfitto. Il partito passò a Gentiloni che ebbe quest'unica possibilità di distruggere il male per sempre, ma il cuore degli uomini si corrompe facilmente e il Partito Democratico ha una volontà sua. Esso condusse Gentiloni al governo Di Maio e alcune cose che non avrebbero dovuto essere dimenticate andarono perdute. 
La storia divenne leggenda, la leggenda divenne mito. E per 2500 legislature del Partito Democratico si perse ogni conoscenza finché, quando si presentò l'occasione esso irretì un nuovo portatore.

Per 500 governi, nell'oscurità dell’opposizione attese. 
Le tenebre strisciarono di nuovo nella foresta del mondo, correvano voci di un'ombra in Toscana, sussurri di una paura senza nome. E il Partito del potere percepì che era giunto il suo momento. Ma accadde qualcosa che il Partito non aveva previsto. Fu raccolto dalla creatura più improbabile che ci fosse... 

Maurizio Martina: Che cos'è?! 

Voce fuori campo: Un bergamasco: Maurizio Martina di Mornico.

Voce fuori campo: Perché presto arriverà il momento in cui i bergamaschi plasmeranno la fortuna di tutti.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

3 messaggi in questa discussione

33 minuti fa, vidicolamia ha scritto:

Molto di ciò che era si è perduto, perché ora non vive nessuno che lo ricorda. Tutto ebbe inizio con la forgiatura del Grande Partito. Tre posti in direzione furono dati ai franceschiniani, gli esseri immortali più saggi e “leali” di tutti. Sette agli ex DS, eredi del PCI e collettivizzatori dei mezzi di produzione. E nove, nove Anelli furono dati alla razza dei giovani turchi che più di qualunque cosa desiderano il potere. 
Perché in quel partito era sigillata la forza e la volontà di governare tutto il paese. 
Ma tutti loro furono ingannati, perché venne creato un altro anello. Nella terra di Firenze, tra le acque dell’Arno, Matteo Renzi, l'Oscuro Signore, forgiò in segreto una corrente sovrana, per controllare tutti gli altri e in questa corrente riversò la sua crudeltà, la sua malvagità e la sua volontà di dominare ogni forma di vita: un partito per domarli tutti.
Uno a uno i dirigenti del Partito Democratico caddero sotto il potere di Renzi, ma alcuni opposero resistenza: un'Ultima Alleanza di orlandiani e cuperliani marciò contro le armate di Renzi e nei gazebo delle primarie  combatté per la libertà del Partito.

La vittoria era vicina, ma il potere di Renzi non poteva essere sopraffatto. Fu in quel momento, quando ogni speranza era svanita che Paolo Gentiloni, non eletto dal popolo, afferrò la campanella del presidente...

Renzi, il nemico delle correnti libere del Partito democratico, venne sconfitto. Il partito passò a Gentiloni che ebbe quest'unica possibilità di distruggere il male per sempre, ma il cuore degli uomini si corrompe facilmente e il Partito Democratico ha una volontà sua. Esso condusse Gentiloni al governo Di Maio e alcune cose che non avrebbero dovuto essere dimenticate andarono perdute. 
La storia divenne leggenda, la leggenda divenne mito. E per 2500 legislature del Partito Democratico si perse ogni conoscenza finché, quando si presentò l'occasione esso irretì un nuovo portatore.

Per 500 governi, nell'oscurità dell’opposizione attese. 
Le tenebre strisciarono di nuovo nella foresta del mondo, correvano voci di un'ombra in Toscana, sussurri di una paura senza nome. E il Partito del potere percepì che era giunto il suo momento. Ma accadde qualcosa che il Partito non aveva previsto. Fu raccolto dalla creatura più improbabile che ci fosse... 

Maurizio Martina: Che cos'è?! 

Voce fuori campo: Un bergamasco: Maurizio Martina di Mornico.

Voce fuori campo: Perché presto arriverà il momento in cui i bergamaschi plasmeranno la fortuna di tutti.

Tratto da ?? 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

 ma  strano    questi  grilli  non    copianoincollano  fonte  Eurocrati   ma....copiato palesemente lo status dal gruppo de I socialisti Gaudenti.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 minuti fa, pm610 ha scritto:

 ma  strano    questi  grilli  non    copianoincollano  fonte  Eurocrati   ma....copiato palesemente lo status dal gruppo de I socialisti Gaudenti.

Lo sapevo Los . Mi hai rubato la “sorpresa “ , Ahahahaha 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963