Un plauso al "reggente" del Pd

Diciamo la verità: non sarebbe stato uno scandalo se il segretario pro tempore del Pd avesse cumulato questa carica con quella di ministro dell'Agricoltura. Il governo Gentiloni è in piedi solo per la gestione degli affari correnti e anche la "reggenza" par di capire che sia provvisoria e di profilo essenzialmente tecnico a meno che non si decida di deviare dalla linea politica dettata (con la consueta arroganza e inaudita presunzione) dal segretario uscente. Peraltro, lo stesso Martina aveva subito detto che la sua gestione sarebbe stata improntata alla massima collegialità, ovvero nella tradizione dei partiti della sinistra, tradizione purtroppo interrotta dall'egoarca Renzi con le conseguenze che sappiamo (partito spaccato e poi scisso,  in balìa di mercanti di tessere e imbarazzanti cacicchi alla De Luca a livello locale, e ripetutamente bastonato dagli elettori a livello locale e nazionale). Ebbene, Maurizio Martina, con un apprezzabile gesto di serietà, si è dimesso da ministro dell'Agricoltura per dedicarsi a tempo pieno al partito. Il segretario pro tempore passa per un fedelissimo dell'ex caudillo e come ministro dell'Agricoltura non ha certo brillato, tutt'altro, almeno a giudicare dall'andamento del valore aggiunto del settore. Nondimeno merita un sincero plauso per queste sue dimissioni. Che io voglio interpretare come un incoraggiante segnale di discontinuità rispetto al recente passato. É appena il caso di ricordare che Renzi aveva cumulato non per tre mesi ma per ben tre anni (con i risultati che sappiamo) le cariche di segretario e di presidente del Consiglio. Alla Craxi, per capirci. Se le batoste elettorali servono a riportare un poco di serietà e di umiltà in un partito divorato dalle ambizioni personali e dalle ingordigie di potere, ben vengano le batoste elettorali. Oggi la speranza di ogni vero democratico di sinistra è che il Pd volti realmente pagina, chiuda il più brutto capitolo della sua storia, metta una pietra tombale su Renzi sul renzismo, e inizi una lunga e difficile ricostruzione della sua immagine e della sua identità smarrita.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

6 messaggi in questa discussione

8 ore fa, fosforo31 ha scritto:

Diciamo la verità: non sarebbe stato uno scandalo se il sanniretario pro tempore del Pd avess e cumulato questa carica con quella di ministro dell'Agricoltura. Il governo Gentiloni è in piedi solo per la gestione degli affari correnti e anche la "reggenza" par di capire che sia provvisoria e di profilo essenzialmente tecnico a meno che non si decida di deviare dalla linea politica dettata (con la consueta arroganza e inaudita presunzione) dal segretario uscente. Peraltro, lo stesso Martina aveva subito detto che la sua gestione sarebbe stata improntata alla massima collegialità, ovvero nella tradizione dei partiti della sinistra, tradizione purtroppo interrotta dall'egoarca Renzi con le conseguenze che sappiamo (partito spaccato e poi scisso,  in balìa di mercanti di tessere e imbarazzanti cacicchi alla De Luca a livello locale, e ripetutamente bastonato dagli elettori a livello locale e nazionale). Ebbene, Maurizio Martina, con un apprezzabile gesto di serietà, si è dimesso da ministro dell'Agricoltura per dedicarsi a tempo pieno al partito. Il segretario pro tempore passa per un fedelissimo dell'ex caudillo e come ministro dell'Agricoltura non ha certo brillato, tutt'altro, almeno a giudicare dall'andamento del valore aggiunto del settore. Nondimeno merita un sincero plauso per queste sue dimissioni. Che io voglio interpretare come un incoraggiante segnale di discontinuità rispetto al recente passato. É appena il caso di ricordare che Renzi aveva cumulato non per tre mesi ma per ben tre anni (con i risultati che sappiamo) le cariche di segretario e di presidente del Consiglio. Alla Craxi, per capirci. Se le batoste elettorali servono a riportare un poco di serietà e di umiltà in un partito divorato dalle ambizioni personali e dalle ingordigie di potere, ben vengano le batoste elettorali. Oggi la speranza di ogni vero democratico di sinistra è che il Pd volti realmente pagina, chiuda il più brutto capitolo della sua storia, metta una pietra tombale su Renzi sul renzismo, e inizi una lunga e difficile ricostruzione della sua immagine e della sua identità smarrita.

Mi dispiace che uno come te faccia ormai parte di un partito o di partiti che solo pochi anni fa contrastavamo uniti, insieme.

Vederti cosi'  astioso nei confronti di un CENTROsinista che ha fatto di tutto per riportare il Paese sulla retta via dopo un 20ennio berlusconiano e seguito da un governo tecnico non ti fa pensare a nulla, tu continui a "predicare" contro chi per anni a cercato in ogni modo di fare il bene di tutti ! 

Va bene che 6 napoletano verace (  tante brave persone)  ma vederti sbraitare unicamente contro quello che rimane della sx mi fa pure pensare che tu non sia la stessa persona.

io credo che di piu non si possa ottenere in questa Italia che come vedi tende ad andare pericolosamente verso DESTRA, e tu invece che dare una mano a noi (noi onesti)  prendi parte a chi x anni hai combattuto! 

Fai pena...

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

E come avevo previsto sin dal 6 marzo , una volta terminato lo champagne , i fuochi d’artificio e le autoincensazioni e, nel contempo , si sarebbero affievoliti  i riflettori ed abbassate le luci, sarebbero venuti fuori i problemi. Quelli veri !! Ovvero quelli che tra ottenere un buon risultato e vincere c’è una differenza abissale . Infatti il governo non si fa. Ha voglia Giggino di dire , da analfabeta seriale , che il Paese ha votato per un candidato premier e per la sua squadra già presentata ( furbescamente proprio per poterlo dire in siffatta situazione . Scusate il francesismo , ma non e’ vero un caz.z.o !! Primo : In Italia non si vota per un candidato premier a meno che Giggino non ci dimostri che e’ l’unico ad aver capito cosa dice la Costituzione al riguardo e citi l’art. di legge che invece lo prevede. Secondo: Se l’aritmetica non mi tradisce, aver ottenuto il 32% significa che c’è un 68% che non lo vuole . Ovvero , 2 italiani su 3 non vogliono essere governati da Giggino e la sua squadra già presentata . Punto !! Ora si capisce bene che il referendum del 4 dicembre , quello che il Cazzaro di Napoli defini’ un grande successo , non era altro , come detto un referendum per mandare a casa Renzi e basta . Perché in quella riforma costituzionale era previsto , oltre all’abolizione del Senato, il meccanismo che , ora , con il premio di maggioranza avrebbe consentito a Giggino di governare per una intera legislatura senza chiedere *** a nessuno . Guai , quindi, a chi imputa a Renzi la responsabilità di aver fatto un pastrocchio con il Rosatellum . Renzi , inveve , dall’alto della sua notevolissima e superiore lungimiranza e fiuto politico , aveva messo a disposizione del Paese una legge che , già ora , avrebbe consentito di governare alle 5 stelline .  Ecco quindi che viene ricacciata in gola la boria e gioia di coloro che festeggiarono e che ora sono costretti a deglutire Bocconi amari per la loro pochezza . Ora il movimento si e’ messo in un cul de sac da solo. Non può governare senza chiedere aiuto a qualcuno . Oibo’ !! Ma questo significa derogare da un punto cardine e fondamentale della sua ragione di esistere . Un bel casi.no vero ?? Si e’ un bel casi.no !! . Giggino era programmato fino al 5 marzo e dal 6 non sa più che dire e fare . Fa appelli al buon senso , alla necessità che un governo deve nascere . Insomma vuole che il PD  ( anche se non lo nomina ) gli firmi una cambiale in bianco che gli consenta di governare . Ahahahaha. !! E questo senza aver nel frattempo aver dimissionato la sua squadra di ministrini già presentata con troppo anticipo , senza uno straccio di programma a parte l’impossibile reddito di cittadinanza ( fonte: Calandrino Travaglio , nda ). Quindi , senza nemmeno uno straccio di streaming ( dove a parti inverse ci sarebbe da divertirsi con i pop corn, nda) Giggino chiede aiuto ,  con la stessa facciaaculo del suo concittadino il Cazzaro di Napoli , a coloro che fino a 10 giorni fa definiva collusi con la Mafia , ladri , servi dei poteri forti e delle banche, con le mani grondanti di sangue e roba simile. Eh eh eh Giggino Giggino !! Ti sei messo in un bel ginepraio , sai ?? Però se riesci almeno per una volta ad accendere l’unico neurone che possiedi, puoi uscirne . Puoi lanciare l’hastag : #vigliofareilgovernodeivincitori# . Chiami Il felpato e razzista Salvini , visto che almeno su una decina di punti vi trovate perfettamente in sintonia,  vi mettete d’accordo e quando andate da Mattarella spiegate al Capo dello Stato che volete provarci  a chiedere la fiducia al Parlamento. Ci sta che Mattarella vi accontenti . Ma dovete chiederglielo eh ?? Sennò non c’è verso. Matt dopo un po’ scioglie le camere e tra un annetto andiamo di nuovo alle urne e te Giggino non puoi più nemneno candidarti e comunque in 12 mesi avrete voglia di autoslegorarvi. Saluti 

 

(Prendi anche questo , va :D)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, wronschi ha scritto:

Mi dispiace che uno come te faccia ormai parte di un partito o di partiti che solo pochi anni fa contrastavamo uniti, insieme.

Vederti cosi'  astioso nei confronti di un CENTROsinista che ha fatto di tutto per riportare il Paese sulla retta via dopo un 20ennio berlusconiano e seguito da un governo tecnico non ti fa pensare a nulla, tu continui a "predicare" contro chi per anni a cercato in ogni modo di fare il bene di tutti ! 

Va bene che 6 napoletano verace (  tante brave persone)  ma vederti sbraitare unicamente contro quello che rimane della sx mi fa pure pensare che tu non sia la stessa persona.

io credo che di piu non si possa ottenere in questa Italia che come vedi tende ad andare pericolosamente verso DESTRA, e tu invece che dare una mano a noi (noi onesti)  prendi parte a chi x anni hai combattuto! 

Fai pena...

Ma come, io scrivo un post per elogiare il nuovo segretario Martina, renziano ma serio, e per auspicare che il Pd volti pagina dopo la batosta elettorale per ricostruire la sua identità e la sua immagine, e mi si dice che sbraito contro ciò che resta della Sinistra! Per la verità quel poco che resta della Sinistra oggi sta quasi tutto fuori dal Pd, il partito votato nei quartieri bene dell'alta borghesia e abbandonato in massa dagli operai, dai disoccupati, dai giovani e dai meridionali. Se non capite questo, l'unico futuro che vi attende è il ritorno al passato, cioè al disastroso Renzi che completerà la sua opera riducendovi a un partitino di centro come tanti. Auspico che la rinascita del Pd parta dalla serietà e dall'umiltà e mi si dice che faccio pena. Fate pena, ma pena per davvero, voi che tuttora sognate, obnubilati dalle chiacchiere e dalle illusioni più che dalle botte in testa che vi danno gli elettori, di ripartire dal perdente arruffapopolo di Rignano. Come diceva l'amico Losoio per il berlusconismo, ci vorranno molti anni per estirpare il microbo del renzismo. 

  

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
33 minuti fa, fosforo31 ha scritto:

Ma come, io scrivo un post per elogiare il nuovo segretario Martina, renziano ma serio, e per auspicare che il Pd volti pagina dopo la batosta elettorale per ricostruire la sua identità e la sua immagine, e mi si dice che sbraito contro ciò che resta della Sinistra! Per la verità quel poco che resta della Sinistra oggi sta quasi tutto fuori dal Pd, il partito votato nei quartieri bene dell'alta borghesia e abbandonato in massa dagli operai, dai disoccupati, dai giovani e dai meridionali. Se non capite questo, l'unico futuro che vi attende è il ritorno al passato, cioè al disastroso Renzi che completerà la sua opera riducendovi a un partitino di centro come tanti. Auspico che la rinascita del Pd parta dalla serietà e dall'umiltà e mi si dice che faccio pena. Fate pena, ma pena per davvero, voi che tuttora sognate, obnubilati dalle chiacchiere e dalle illusioni più che dalle botte in testa che vi danno gli elettori, di ripartire dal perdente arruffapopolo di Rignano. Come diceva l'amico Losoio per il berlusconismo, ci vorranno molti anni per estirpare il microbo del renzismo. 

  

La rinascita del PD , coniglietto , non passa di certo da te che un Cazzaro sei e rimarrai in eterno . La sx fuori dal PD , rappresentata da una decina di liste , raggiunge , a malapena , un magnifico 6%. Quindi tra poco saranno più le liste della sx che piace a te rispetto a chi le vota . Preoccupati di ciò che e’ già scomparso invece di coloro che scompariranno nel tuo libro dei sogni , monumentale Cazzaro 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Dunque, se il PD orbita in un traballante 18 per cento e non vuole considerare il magnifico 6 percento di altre costellazioni di Sx, non si afferra dove sia andato a finire il restante 7-8 percento per raggiungere almeno il m5s.

2 milioni e 500mila elettori lo hanno lasciato per rifugiarsi nel m5s?

Una bella lezione per chi gridava uno scarto di pochi punti percentuale, prima delle elezioni.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
7 minuti fa, vidicolamia ha scritto:

Dunque, se il PD orbita in un traballante 18 per cento e non vuole considerare il magnifico 6 percento di altre costellazioni di Sx, non si afferra dove sia andato a finire il restante 7-8 percento per raggiungere almeno il m5s.

2 milioni e 500mila elettori lo hanno lasciato per rifugiarsi nel m5s?

Una bella lezione per chi gridava uno scarto di pochi punti percentuale, prima delle elezioni.

Come dove sia andato ?? Il 3,5 a LeU , il resto quasi tutto al M5S. Sei Cattaneo ?? Quello dei flussi ??

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963