Per chi non vuol capire che i 5stelle sono a sinistra del Pd (e pure di Leu)

In questi giorni un gruppo di internauti renziani, cornuti e mazziati, si sfoga su Twitter attaccando duramente il FQ. Motivo: il giornale di Travaglio è quello che più e meglio di tutti gli altri ha informato gli italiani sui disastri del Pd e del suo ex segretario. Pretesto: il Fatto ha pubblicato un sondaggio dell'autorevole IPR Marketing, secondo il quale il 59% degli elettori del Pd sarebbe favorevole a un governo del M5s sostenuto dal Pd. Risultato poi confermato al centesimo (58,8%) da un sondaggio indipendente di YouTrend. Come interpreto questo dato ormai acclarato? Semplicemente come il sano realismo della base del partito. É solare, infatti, che le sole due alternative, cioè il grande inciucio con Salvini e Berlusconi e le elezioni anticipate entro l'anno, sarebbero una più tragica dell'altra per il Pd. 

Ciò detto, voglio parlarvi di un sondaggio, a mio avviso molto più interessante, condotto da Ipsos, anch'esso confermato da altre indagini. Si tratta di un'analisi del voto per categorie sociali, basata su una partizione del corpo elettorale in 8 grandi categorie (vedasi la tabella al link allegato). Per ciascuna categoria (es. i pensionati o le casalinghe) è stata stimata la percentuale di voti ottenuta il 4 marzo dai vari partiti all'interno di quella categoria o strato sociale. Per es. leggiamo che tra gli studenti (over 18 e universitari ovviamente) il Pd con il 17,1% è  lievemente al di sotto del suo risultato complessivo, mentre Leu è nettamente al di sopra con l'8,2%. Ebbene, c'è un dato estremamente significativo e in apparenza sorprendente sul quale i vertici del Pd (ma anche quelli di Leu) dovrebbero seriamente interrogarsi, fin dalla Direzione nazionale di domani, se vogliono ricostruire un futuro per il partito. Tra le 8 categorie considerate, le due che tutti riterremmo tradizionalmente più vicine alla Sinistra, cioè quella degli operai (e affini) e quella dei disoccupati, sono, guarda caso, proprio le due nelle quali il Pd (e anche Leu) ha raccolto meno consensi. Tra gli operai il Pd perde ben 7 punti e mezzo rispetto al suo risultato medio, 8 punti e mezzo tra i disoccupati. Un autentico crollo in quello che un tempo era il bacino elettorale della Sinistra. Evidentemente le politiche del Pd, segnatamente il Jobs Act, non sono affatto piaciute a operai e disoccupati. Per contro, queste due stesse categorie sono quelle in cui il M5s ha raccolto di più (il 37 e il 37,2% rispettivamente) tra i suoi elettori. Ma non basta. Le due categorie dove il Pd è andato meglio coincidono con quelle in cui i 5stelle sono andati peggio e sono i pensionati e i ceti elevati (imprenditori e dirigenti). Il voto dei benestanti per il Pd è confermato da tutti i dati delle grandi città (Roma, Milano, Napoli) in cui il Pd è andato malissimo nelle periferie mentre si è mantenuto a galla nei centri storici e nei quartieri bene. Tirando le somme è del tutto evidente che oggi gli italiani percepiscono il Pd come un partito di potere e un partito conservatore, un partito per benestanti e anziani; mentre il M5s è percepito come un partito di sinistra, di cui diffidano gli anziani e quelli che hanno privilegi e rendite di posizione da difendere.

https://www.avvenire.it/attualita/pagine/gli-operai-hanno-lasciato-la-sinistra

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

10 messaggi in questa discussione

25 minuti fa, fosforo31 ha scritto:

In questi giorni un gruppo di internauti renziani, cornuti e mazziati, si sfoga su Twitter attaccando duramente il FQ. Motivo: il giornale di Travaglio è quello che più e meglio di tutti gli altri ha informato gli italiani sui disastri del Pd e del suo ex segretario. Pretesto: il Fatto ha pubblicato un sondaggio dell'autorevole IPR Marketing, secondo il quale il 59% degli elettori del Pd sarebbe favorevole a un governo del M5s sostenuto dal Pd. Risultato poi confermato al centesimo (58,8%) da un sondaggio indipendente di YouTrend. Come interpreto questo dato ormai acclarato? Semplicemente come il sano realismo della base del partito. É solare, infatti, che le sole due alternative, cioè il grande inciucio con Salvini e Berlusconi e le elezioni anticipate entro l'anno, sarebbero una più tragica dell'altra per il Pd. 

Ciò detto, voglio parlarvi di un sondaggio, a mio avviso molto più interessante, condotto da Ipsos, anch'esso confermato da altre indagini. Si tratta di un'analisi del voto per categorie sociali, basata su una partizione del corpo elettorale in 8 grandi categorie (vedasi la tabella al link allegato). Per ciascuna categoria (es. i pensionati o le casalinghe) è stata stimata la percentuale di voti ottenuta il 4 marzo dai vari partiti all'interno di quella categoria o strato sociale. Per es. leggiamo che tra gli studenti (over 18 e universitari ovviamente) il Pd con il 17,1% è  lievemente al di sotto del suo risultato complessivo, mentre Leu è nettamente al di sopra con l'8,2%. Ebbene, c'è un dato estremamente significativo e in apparenza sorprendente sul quale i vertici del Pd (ma anche quelli di Leu) dovrebbero seriamente interrogarsi, fin dalla Direzione nazionale di domani, se vogliono ricostruire un futuro per il partito. Tra le 8 categorie considerate, le due che tutti riterremmo tradizionalmente più vicine alla Sinistra, cioè quella degli operai (e affini) e quella dei disoccupati, sono, guarda caso, proprio le due nelle quali il Pd (e anche Leu) ha raccolto meno consensi. Tra gli operai il Pd perde ben 7 punti e mezzo rispetto al suo risultato medio, 8 punti e mezzo tra i disoccupati. Un autentico crollo in quello che un tempo era il bacino elettorale della Sinistra. Evidentemente le politiche del Pd, segnatamente il Jobs Act, non sono affatto piaciute a operai e disoccupati. Per contro, queste due stesse categorie sono quelle in cui il M5s ha raccolto di più (il 37 e il 37,2% rispettivamente) tra i suoi elettori. Ma non basta. Le due categorie dove il Pd è andato meglio coincidono con quelle in cui i 5stelle sono andati peggio e sono i pensionati e i ceti elevati (imprenditori e dirigenti). Il voto dei benestanti per il Pd è confermato da tutti i dati delle grandi città (Roma, Milano, Napoli) in cui il Pd è andato malissimo nelle periferie mentre si è mantenuto a galla nei centri storici e nei quartieri bene. Tirando le somme è del tutto evidente che oggi gli italiani percepiscono il Pd come un partito di potere e un partito conservatore, un partito per benestanti e anziani; mentre il M5s è percepito come un partito di sinistra, di cui diffidano gli anziani e quelli che hanno privilegi e rendite di posizione da difendere.

https://www.avvenire.it/attualita/pagine/gli-operai-hanno-lasciato-la-sinistra

Mi auguro che siano più a sx del PD, però alcuni sono all'estrema dx con casapaund, come è possibile ?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Se  ci  spieghi  come  mai  in  Europa   sono  alleati   con  il fascio   Farage    ah  già  forse sono così      tanto a  sx   da  tornare  all'estrema  dx. 

Comunque     inutile   continuare   a  tirare  in  ballo  il PD  avete   vinto   GOVERNATE  

Modificato da pm610

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
29 minuti fa, fosforo31 ha scritto:

oggi gli italiani percepiscono il Pd come un partito di potere e un partito conservatore

La base elettorale del PD è la stessa base che un tempo votava la DC , una base cioè fatta da statali  pensionati e ceti elevati;  sarebbe interessante poi analizzare il voto in regioni rosse come la Toscana, una regione che attualmente è rimasta rossa solo a  "chiazze",  da la maggioranza al PD cioè nelle province e nelle zone meno  industrializzate e più arretrate della regione dove il PD fa il pieno grazie al  voto di anziani che continuano a votare per abitudine e per quella che un tempo era la disciplina di partito

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Ma  ancora  con     il  piddi e  i  SUOI elettori  eh   già  mentre  la destra  pesca  dove ???  Gia  tra  i truffatori ed  evasori  se  non tra   i fasciodestri.   Ora  avete   vinto   dopo   aver  cancellato  il  comunismo,  ora  il  piddi e  creato  il peggior  populismo   fomentando  odio e  razzismo  adesso  GOVERNATE   e  dite   come  lo farete  e  basta  tirare  in  mezzo   chi a  perso. Tocca a  voi  ora   FARE  E   vediamo   certo se  fate   come  l'ultima  volta  che  ci  siete  stati  e  che  ancor  oggi  ne  stiamo  pagando  le  conseguenze .... POVERI  NOI

Modificato da pm610

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, pm610 ha scritto:

Ma  ancora  con     il  piddi e  i  SUOI elettori  eh   già  mentre  la destra  pesca  dove ???  Gia  tra  i truffatori ed  evasori  se  non tra   i fasciodestri.   Ora  avete   vinto   dopo   aver  cancellato  il  comunismo,  ora  il  piddi e  creato  il peggior  populismo   fomentando  odio e  razzismo  adesso  GOVERNATE   e  dite   come  lo farete  e  basta  tirare  in  mezzo   chi a  perso. Tocca a  voi  ora   FARE  E   vediamo   certo se  fate   come  l'ultima  volta  che  ci  siete  stati  e  che  ancor  oggi  ne  stiamo  pagando  le  conseguenze .... POVERI  NOI

Ahahahah...dai pm, vediamo poi dove vorranno arrivare con le promesse fatte...hihihi.. non dovrei ridere, ma....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Esaminando i vari interventi su questo forum ho ricavato l'impressione che chi ha perso non abbia la minima idea del perché il proprio partito ha perso, si sfogano continuando a parlare male dei propri avversari così come facevano durante la campagna  elettorale,  non vedo nessuna autocritica , nessuno che dica abbiamo sbagliato in questo o quello, a sbagliare, a loro parere,  sono stati gli elettori tutti populisti, populiste, donnette ignoranti, gente che non è "illuminata" tutti di destra, e giù  a inventare tutte le definizioni "offensive"  possibili e immaginabili.... guardate che questa è la strada maestra per perdere anche tutte le future elezioni........

3 persone è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, fosforo31 ha scritto:

In questi giorni un gruppo di internauti renziani, cornuti e mazziati, si sfoga su Twitter attaccando duramente il FQ. Motivo: il giornale di Travaglio è quello che più e meglio di tutti gli altri ha informato gli italiani sui disastri del Pd e del suo ex segretario. Pretesto: il Fatto ha pubblicato un sondaggio dell'autorevole IPR Marketing, secondo il quale il 59% degli elettori del Pd sarebbe favorevole a un governo del M5s sostenuto dal Pd. Risultato poi confermato al centesimo (58,8%) da un sondaggio indipendente di YouTrend. Come interpreto questo dato ormai acclarato? Semplicemente come il sano realismo della base del partito. É solare, infatti, che le sole due alternative, cioè il grande inciucio con Salvini e Berlusconi e le elezioni anticipate entro l'anno, sarebbero una più tragica dell'altra per il Pd. 

Ciò detto, voglio parlarvi di un sondaggio, a mio avviso molto più interessante, condotto da Ipsos, anch'esso confermato da altre indagini. Si tratta di un'analisi del voto per categorie sociali, basata su una partizione del corpo elettorale in 8 grandi categorie (vedasi la tabella al link allegato). Per ciascuna categoria (es. i pensionati o le casalinghe) è stata stimata la percentuale di voti ottenuta il 4 marzo dai vari partiti all'interno di quella categoria o strato sociale. Per es. leggiamo che tra gli studenti (over 18 e universitari ovviamente) il Pd con il 17,1% è  lievemente al di sotto del suo risultato complessivo, mentre Leu è nettamente al di sopra con l'8,2%. Ebbene, c'è un dato estremamente significativo e in apparenza sorprendente sul quale i vertici del Pd (ma anche quelli di Leu) dovrebbero seriamente interrogarsi, fin dalla Direzione nazionale di domani, se vogliono ricostruire un futuro per il partito. Tra le 8 categorie considerate, le due che tutti riterremmo tradizionalmente più vicine alla Sinistra, cioè quella degli operai (e affini) e quella dei disoccupati, sono, guarda caso, proprio le due nelle quali il Pd (e anche Leu) ha raccolto meno consensi. Tra gli operai il Pd perde ben 7 punti e mezzo rispetto al suo risultato medio, 8 punti e mezzo tra i disoccupati. Un autentico crollo in quello che un tempo era il bacino elettorale della Sinistra. Evidentemente le politiche del Pd, segnatamente il Jobs Act, non sono affatto piaciute a operai e disoccupati. Per contro, queste due stesse categorie sono quelle in cui il M5s ha raccolto di più (il 37 e il 37,2% rispettivamente) tra i suoi elettori. Ma non basta. Le due categorie dove il Pd è andato meglio coincidono con quelle in cui i 5stelle sono andati peggio e sono i pensionati e i ceti elevati (imprenditori e dirigenti). Il voto dei benestanti per il Pd è confermato da tutti i dati delle grandi città (Roma, Milano, Napoli) in cui il Pd è andato malissimo nelle periferie mentre si è mantenuto a galla nei centri storici e nei quartieri bene. Tirando le somme è del tutto evidente che oggi gli italiani percepiscono il Pd come un partito di potere e un partito conservatore, un partito per benestanti e anziani; mentre il M5s è percepito come un partito di sinistra, di cui diffidano gli anziani e quelli che hanno privilegi e rendite di posizione da difendere.

https://www.avvenire.it/attualita/pagine/gli-operai-hanno-lasciato-la-sinistra

“Tremo” all’idea che qualche amico forumista di sx non abbia ancora capito che il Cazzaro di Napoli , avendo votato il M5S , visto che c’ ha rotto i co@lioni nel dirci che e’ un comunista comunitarista , stia cercando una motivazione per legittimare la sua vergognosa scelta . D’altra parte lui fa solo quello che gli dice il fascista Travaglio come del resto ha sempre fatto , e da lui stesso confermato, nelle ultime 5 consultazioni . Lo capite o no che e’ un poveraccio decerebrato?? 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
30 minuti fa, mark55550 ha scritto:

“Tremo” all’idea che qualche amico forumista di sx non abbia ancora capito che il Cazzaro di Napoli , avendo votato il M5S , visto che c’ ha rotto i co@lioni nel dirci che e’ un comunista comunitarista , stia cercando una motivazione per legittimare la sua vergognosa scelta . D’altra parte lui fa solo quello che gli dice il fascista Travaglio come del resto ha sempre fatto , e da lui stesso confermato, nelle ultime 5 consultazioni . Lo capite o no che e’ un poveraccio decerebrato?? 

Perchè dovrebbe essere “vergognosa” l’eventuale scelta fatta dal forumista fosforo.

Tu pensi veramente che gli elettori dei cinque stelle debbano vergognarsi per la loro scelta?

Pensaci un attimo prima di rispondere, visto che tra loro ci sono almeno altri due milioni di freschi elettori ex PD.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

2 ore fa, vidicolamia ha scritto:

Perchè dovrebbe essere “vergognosa” l’eventuale scelta fatta dal forumista fosforo.

Tu pensi veramente che gli elettori dei cinque stelle debbano vergognarsi per la loro scelta?

Pensaci un attimo prima di rispondere, visto che tra loro ci sono almeno altri due milioni di freschi elettori ex PD.

Intanto non so se rispondo a Vidicolamia o a Fotonis/Frattalis Probabilmente una non esclude l’altra . La motivazione del “vergognosa” si capisce benissimo se una legge bene il mio post . Non vedo quindi cosa ci sia da aggiungere . La scelta del Cazzaro di Napoli e’ stato il cosiddetto “voto utile” suggeritogli da Calandrino Travaglio visto che i sondaggi davano un distacco più striminzito con il PD . Ergo , il Cazzaro ha fatto una scelta di pancia !! Può pure andare bene , ma almeno non ci venga a fare il “pistolotto” che il M5S  e’ di sx. Invece l’ha fatto per far pace con la sua coscienza della quale , essendone privo, a noi più fortunati di lui ce ne importa quanto un caz.z.o ed un barattolo . Hai capito , ora , perché oltre che essere il Cazzaro di Napoli e’ un “ vergognoso “ pluridio ta?? Spero di sì Frattalis/Fotonis/Vidicolamia..!! 

Modificato da mark55550

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
8 ore fa, etrusco1900 ha scritto:

Esaminando i vari interventi su questo forum ho ricavato l'impressione che chi ha perso non abbia la minima idea del perché il proprio partito ha perso, si sfogano continuando a parlare male dei propri avversari così come facevano durante la campagna  elettorale,  non vedo nessuna autocritica , nessuno che dica abbiamo sbagliato in questo o quello, a sbagliare, a loro parere,  sono stati gli elettori tutti populisti, populiste, donnette ignoranti, gente che non è "illuminata" tutti di destra, e giù  a inventare tutte le definizioni "offensive"  possibili e immaginabili.... guardate che questa è la strada maestra per perdere anche tutte le future elezioni........

Pienamente d'accordo. Peraltro l'esempio viene dall'alto e finora l'ex capetto del Pd, non l'unico ma il maggiore responsabile del tonfo del 4 marzo, non ha emesso una sola sillaba di autocritica. Lunedì sera 5 marzo convoca una conferenza stampa senza domande e scarica le colpe sugli elettori e addirittura su Mattarella che, secondo lui,  avrebbe dovuto sciogliere le camere mesi prima. E alla Direzione nazionale minaccia addirittura di non presentarsi. Il ragazzotto è stato decisamente trattato troppo con le buone dai suoi genitori. Dice bene Ugo Sposetti: questo sciagurato andrebbe processato dalla base. Ma sarebbe un processo in contumacia. Saluti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora