Fosfy , ti ho mandato il modulo. Fai le fotocopie ...

Ricorda , oltre ai tuoi familiari , ci sono gli abitanti del quartiere Vesuviano , dei 3 figli di Gennaro Pasquariello, del nipote di Carmine Lettieri, per le cugine di Ciccillo O’Pescatore , per la vedova di Mariano Scalise e per Ninetta A’ Fattucchiera.  Fosfy , fanne 5./6.000 , dovrebbero bastarti . 

2E650DD2-283A-4432-AFCE-23264C01271A.jpeg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

5 messaggi in questa discussione

8 minuti fa, mark55550 ha scritto:

Ricorda , oltre ai tuoi familiari , ci sono gli abitanti del quartiere Vesuviano , dei 3 figli di Gennaro Pasquariello, del nipote di Carmine Lettieri, per le cugine di Ciccillo O’Pescatore , per la vedova di Mariano Scalise e per Ninetta A’ Fattucchiera.  Fosfy , fanne 5./6.000 , dovrebbero bastarti . 

2E650DD2-283A-4432-AFCE-23264C01271A.jpeg

🌋😂😂😂

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Fosfy , vedo che ci sei . Hai scaricato i moduli ??

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Prima si riduce la gente alla fame e alla disperazione, poi ci si scherza sopra. Questa oggi è la "sinistra" del Pd. VERGOGNA! Il comandante Lauro, uno che all'epoca era più ricco del Berlusconi di oggi, ma anche più generoso, in campagna elettorale regalava scarpe, coperte e incartate di pasta. Ancora oggi lo si critica ferocemente, ma si ignora o si dimentica cos'era Napoli negli anni '50. Io mi ricordo quella dei primi anni '60, quando ancora a Via Marina si ergevano gli scheletri dei palazzoni sventrati dai bombardamenti dei cari "alleati". E quando l'Italia del boom economico ancora lasciava centinaia di famiglie napoletane sopravvivere al lume di candela nei rifugi antiaerei sotterranei. E mi ricordo quel mio compagno delle elementari che in una fredda giornata si presentò in classe con i piedini scalzi. Nel 2018, dopo 10 anni di crisi che ha impoverito un Sud perennemente in crisi, un piccolo barlume di speranza ha fatto perdere la testa a qualche disperato che è andato al collocamento o al patronato a chiedere i moduli del reddito di cittadinanza. Poveracci, si illudevano che l'Italia si fosse trasformata all'improvviso in un paese serio e moderno, come la Germania o la Francia o anche il Brasile di Lula, cioè in un paese che non lascia cittadini nella disperazione. In natura l'istinto di conservazione è il più forte di tutti. Quando non si ha un futuro, quando si è nel buio assoluto, ci si aggrappa a tutto, anche a costo di rendersi ridicoli. Ma sempre meno ridicoli di quei politucoli che pretendono la pensione o il vitalizio dopo pochi anni in Parlamento o in Consiglio regionale. E molto meno ridicoli, e infinitamente più rispettabili, di quei politicanti del Pd che vorrebbero smaltire i rifiuti in Perù in cambio di mazzette. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

28 minuti fa, fosforo31 ha scritto:

Prima si riduce la gente alla fame e alla disperazione, poi ci si scherza sopra. Questa oggi è la "sinistra" del Pd. VERGOGNA! Il comandante Lauro, uno che all'epoca era più ricco del Berlusconi di oggi, ma anche più generoso, in campagna elettorale regalava scarpe, coperte e incartate di pasta. Ancora oggi lo si critica ferocemente, ma si ignora o si dimentica cos'era Napoli negli anni '50. Io mi ricordo quella dei primi anni '60, quando ancora a Via Marina si ergevano gli scheletri dei palazzoni sventrati dai bombardamenti dei cari "alleati". E quando l'Italia del boom economico ancora lasciava centinaia di famiglie napoletane sopravvivere al lume di candela nei rifugi antiaerei sotterranei. E mi ricordo quel mio compagno delle elementari che in una fredda giornata si presentò in classe con i piedini scalzi. Nel 2018, dopo 10 anni di crisi che ha impoverito un Sud perennemente in crisi, un piccolo barlume di speranza ha fatto perdere la testa a qualche disperato che è andato al collocamento o al patronato a chiedere i moduli del reddito di cittadinanza. Poveracci, si illudevano che l'Italia si fosse trasformata all'improvviso in un paese serio e moderno, come la Germania o la Francia o anche il Brasile di Lula, cioè in un paese che non lascia cittadini nella disperazione. In natura l'istinto di conservazione è il più forte di tutti. Quando non si ha un futuro, quando si è nel buio assoluto, ci si aggrappa a tutto, anche a costo di rendersi ridicoli. Ma sempre meno ridicoli di quei politucoli che pretendono la pensione o il vitalizio dopo pochi anni in Parlamento o in Consiglio regionale. E molto meno ridicoli, e infinitamente più rispettabili, di quei politicanti del Pd che vorrebbero smaltire i rifiuti in Perù in cambio di mazzette. 

Ahahahahaha , povero Cazzaro Napoletano!! Intanto mi hai letto di nuovo . Per caso ?? Eh , impostore ??  Dopodiché , oggi abbiamo pure il Cazzaro in versione sceneggiata vittimistica e, dopo aver sparato la prima cazza.ta (Lauro più ricco del Delinquente , nda), ci informa che lui , nato nel 1958, ai primissimi anni 60, quindi con il Cazzaro di 3/4/5/, Massimo 6 anni , oltre a saper leggere , scrivere , consultare i quotidiani e parlare fluentemente il Latino , si ricorda perfettamente come era la conformazione edilizia di via Marina e pure di quel compagno delle elementari che si presento’ in classe a piedi nudi in pieno inverno . Perché , come a tutti noi , a Fosfy, poteva mancare , oltre ad una zia suora ed uno zio prete , pure un compagno che andava in classe a piedi nudi ?? Certo che no !! Dopodiché , con le lacrime agli occhi , tenta di giustificare “l’assalto” al collocamento Partenopeo per il ritiro dei moduli per il reddito di cittadinanza come un necessario ed estremo tentativo di uscire dalla miseria , povertà e disperazione del popolo napoletano . Come se simili condizioni esistessero solo a Napoli !! Purtroppo però questi “assalti “ sono capitati solo a Napoli e nel Meridione in genere dove i Grillebeti hanno fatto cappotto. Ed allora io mi sento autorizzato a pensare che siamo alle solite . Vivere di assistenzialismo e’ una condizione che piace al Partenopeo che la preferisce di gran lunga ad ogni tentativo di andare... a fatiga’ . E dove , quindi , hanno buon gioco quelle forze politiche che sfruttano per fini politici ,  E pur sapendo che poi sarà impossibile mantenere quelle promesse , le “tendenze” di quel popolo . E te , che dovresti combattere , questi lazzaroni ed impostori del M5S , gli hai addirittura votati. Vai a casa , vai brodo !! Che tra poco rientrano le mulieres ...!! 

Modificato da mark55550

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 
 
 
 

In diverse città del Sud fioriscono le richieste di moduli per il reddito di cittadinanza. A chi cerca di passare all’incasso, cortesi funzionari spiegano la differenza tra una promessa elettorale e una legge dello Stato. Ma non sempre risultano convincenti, se è vero che davanti a un patronato di Palermo è stato esposto il seguente cartello, anche in arabo: «In questo Caf non si fanno pratiche per il reddito di cittadinanza».

Messaggio quanto mai ambiguo, perché mantiene viva l’illusione che si facciano da qualche altra parte. Può darsi che abbiano ragione i richiedenti. E che sia già passata una riforma istituzionale a soluzione istantanea, per cui il partito che arriva primo alle elezioni forma il governo la notte stessa del voto, senza disturbare il presidente della Repubblica. E, ottenuta la fiducia dal Parlamento con un WhatsApp, realizza immediatamente il proprio programma, evitandosi il fastidio di contrattarlo con le altre forze politiche che servivano per raggiungere la maggioranza quando ancora esisteva quella noia di democrazia.

Può darsi. Come può darsi che il voto di scambio non sia affatto finito, con buona pace di chi è abituato a valutare la qualità dei consensi dal partito che li riceve. Ma poiché l’eventuale reddito di cittadinanza verrebbe finanziato anche con le mie tasse, gradirei che i nuovi tribuni del popolo vi allegassero un bignamino della Costituzione o almeno una qualunque edizione del telegiornale.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963