Setatases.... e

Inviata (modificato)

Setantases e...

 

Setantases e...

par dumò ier

che curevi par i praa

saltavi i scies,

rampegavi sura i piant

a ciapà scires.

Quanti dì, quanti mes,

quanti ann

quantu temp perdù

a cur dree ai tusan,

Occ pien de strad,

de paes, de gent.

Gent impurtanta

o che cuntava gnent,

amis perdù

che ul temp a portà via

che me impienisan

anca mò de nustalgia.

E mo su chi col cò

pien di rop che ou fa

'n quei vuna giusta,

ma anca trop sbaglià,

Setantases e..

par dumò ier

i prà in luntan

e a ghe pu i scires

sun chi dumo'

con tucc i me bisogn

i me ricordi

ma anca mo cui me sogn.

 

                                                      ref

 

Settantasei e...

Settanta sei e.../Sembra solo ieri/che correvo per i prati/saltavo le siepi/mi arrampicavo sugli alberi/a cogliere ciliegie./Quanti giorni, quanti mesi,/quanti anni/quanto tempo perso/a rincorrere ragazze./Occhi pieni di strade,/ di paesi, di gente/ Gente importante o che contava niente/amici persi/che il tempo ha portato via/ma che mi riempiono/ancora di nostalgia. E ora son qui con la testa/colma delle cose che ho fatto,/qualcuna giusta,/ma anche troppe sbagliate: Settantasei e... / sembra solo ieri/ i prati sono lontani,/e non ci sono più le ciliegie/ sono qui soltanto/ con tuti i miei bisogni/ tanti ricordi/ ma ancora coi miei sogni.

Modificato da refusi

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

0 messaggi in questa discussione

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora