Tempistica

Solo un dato di fatto, niente commenti da parte mia circa la nota vicenda "autogrill":  

Il segreto di stato ha iniziato a esistere quando Renzi ha cominciato a difendersi.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

103 messaggi in questa discussione

Ma non era solo un pacco di biscotti? 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
13 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Ma non era solo un pacco di biscotti? 

 

SCUOLA NON TANTO BUONA. Proteste e sit-in in tutta Italia, dimezzate le ore  di sostegno agli studenti disabili, raddoppiati supplenze e disagi. Se  questa è una buona scuola… | Free News Online –

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Ma non era solo un pacco di biscotti? 

Che commento è, scusa?

I fatti (solo di quelli voglio parlare per non prestare il fianco ad alcuna polemica, una che sia una) sono che RAI 3 ne ha fatto un caso di cui ha parlato tutta Italia per mesi. Renzi ha dato una sua spiegazione, e non voglio entrare nel merito se le spiegazioni di Renzi sono attendibili oppure non lo sono, veritiere o campate in aria. Sta di fatto che quando Renzi ha iniziato a dare le proprie spiegazioni è saltato fuori il segreto di stato. Mi domando se la Belloni era in Italia o su Marte quando RAI 3 parlava della vicenda. Dopo è forse successo che la Belloni è tornata da Marte è si è accorta che che la storia andava secretata? E, da cittadino italiano mi sento autorizzato a chiedermi se il segreto di stato (che impedisce a Renzi di dare le dovute spiegazioni) abbia qualcosa a che fare con la contrarietà di Renzi a che la Belloni fosse scelta come Presidente della Repubblica. Sono sicuro che non è così, ma da cittadino italiano la verità la vorrei sapere.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
15 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Ma non era solo un pacco di biscotti? 

 

Frasi Vignette Carine

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

A quanto pare però il segreto di stato per l'incontro con Mancini (che, se non vado errato, potrebbe essere snche il Commissario tecnico della Nazionale) è stato deciso da Draghi.

Per dirla alla Etrusco, girovagando sull'infinito web, mi è capitato di imbattermi in questo articolo.

https://www.google.com/url?sa=t&source=web&rct=j&url=https://www.ilfattoquotidiano.it/2022/11/21/lincontro-allautogrill-con-mancini-ora-renzi-accusa-belloni-ha-opposto-il-segreto-di-stato-ma-lok-e-arrivato-da-draghi-premier/6880796/amp/&ved=2ahUKEwjQ4Z-5-sH7AhWfRfEDHbq5DekQ0PADKAB6BAgHEAE&usg=AOvVaw3Hn5qjTzhD6SMYNMC_LipM

Modificato da ildi_vino

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
20 minuti fa, lupogrigio1953 ha scritto:

Che commento è, scusa?

I fatti (solo di quelli voglio parlare per non prestare il fianco ad alcuna polemica, una che sia una) sono che RAI 3 ne ha fatto un caso di cui ha parlato tutta Italia per mesi. Renzi ha dato una sua spiegazione, e non voglio entrare nel merito se le spiegazioni di Renzi sono attendibili oppure non lo sono, veritiere o campate in aria. Sta di fatto che quando Renzi ha iniziato a dare le proprie spiegazioni è saltato fuori il segreto di stato. Mi domando se la Belloni era in Italia o su Marte quando RAI 3 parlava della vicenda. Dopo è forse successo che la Belloni è tornata da Marte è si è accorta che che la storia andava secretata? E, da cittadino italiano mi sento autorizzato a chiedermi se il segreto di stato (che impedisce a Renzi di dare le dovute spiegazioni) abbia qualcosa a che fare con la contrarietà di Renzi a che la Belloni fosse scelta come Presidente della Repubblica. Sono sicuro che non è così, ma da cittadino italiano la verità la vorrei sapere.

Io mi accontenterei di sapere perché Mancini ha portato i babbi ad un semplice senatore come si definì lo stesso Leopoldino, in un autogrill invece che nell'ufficio di Roma 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
14 minuti fa, ildi_vino ha scritto:

A quanto pare però il segreto di stato per l'incontro con Mancini (che, se non vado errato, potrebbe essere snche il Commissario tecnico della Nazionale) è stato deciso da Draghi.

Per dirla alla Etrusco, girovagando sull'infinito web, mi è capitato di imbattermi in questo articolo.

https://www.google.com/url?sa=t&source=web&rct=j&url=https://www.ilfattoquotidiano.it/2022/11/21/lincontro-allautogrill-con-mancini-ora-renzi-accusa-belloni-ha-opposto-il-segreto-di-stato-ma-lok-e-arrivato-da-draghi-premier/6880796/amp/&ved=2ahUKEwjQ4Z-5-sH7AhWfRfEDHbq5DekQ0PADKAB6BAgHEAE&usg=AOvVaw3Hn5qjTzhD6SMYNMC_LipM

Vedremo. Dubito comunque che un Presidente del Consiglio prenda una decisione del genere motu proprio, senza l'input degli organi competenti; credo che il PdC si limiti a controfirmare (=autorizzare) le scelte di qualcun altro. Troverei un tantino strano che il PdC scavalchi il direttore dei servizi segreti.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, ahaha.ha ha scritto:

Io mi accontenterei di sapere perché Mancini ha portato i babbi ad un semplice senatore come si definì lo stesso Leopoldino, in un autogrill invece che nell'ufficio di Roma 

Se non sai il perché, forse non dovresti fare illazioni. Se poi hai fatti concreti da dire, dilli pure. Rimane il fatto che ti è stato negato il diritto di saperlo perché è stato apposto il segreto di stato. Se a te come cittadino sta bene che ti sia stato negato questo diritto, contento tu, contenti tutti.

Romane poi da capire il perché il segreto di stato sia stato apposto solo dopo che la vicenda è diventata di dominio pubblico, a proposito dei tuoi diritti negati (dei quali non sembra ti interessi molto).

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ci fosse solo questo segreto di stato, potrei preoccuparmi, ma poiché c'è ne sono parecchi e nessuno ne parla tanto vale mettere un velo pure su questo. 

Magari, in compenso, potremmo chiedere la ricetta per farci i babbi in casa, non credo mettano il segreto di stato pure sulla ricetta. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, lupogrigio1953 ha scritto:

Vedremo. Dubito comunque che un Presidente del Consiglio prenda una decisione del genere motu proprio, senza l'input degli organi competenti; credo che il PdC si limiti a controfirmare (=autorizzare) le scelte di qualcun altro. Troverei un tantino strano che il PdC scavalchi il direttore dei servizi segreti.

Se è per quello, sembra anche strano che si metta il segreto di stato di una banalità come la consegna di babbi. È capitato  anche a me di consegnare, per esempio,  di regalare qualche bottarga (ho un amico che la fa casa sua) da qualche parte ma nessuno mi ha messo il segreto di stato.

Ma soprattutto, leggendo l'articolo, viene messa in evidenza qualche discrepanza sulle date.

Draghi doveva controfirmare? Può darsi ma viene da pensare anche che gli abbiano spiegato il motivo del segreto di stato. Non credo che un PDC firmo tutto quello che passa il convento.

Per cui, è vero che non sappiamo esattamente le cose. Ma è anche vero che, non conoscendole, è cosa buona e giusta e fonte di salvezza comportarsi proprio così. Per l'esattezza, come chi non è nelle condizioni di sapere e, proprio perché non sa, Nel bene o nel male, ignora.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

L’episodio in realtà e’ molto oscuro . Non è ancora chiaro se sia stato posto da Draghi o se Conte abbia fatto in tempo, prima di febbraio 2021, ad apporre il segreto di Stato, forse su consiglio di Vecchione, l'allora capo del DIS, e sostituito dalla Belloni solo a maggio 2021 su nomina di Draghi. Poi ancora non è chiaro se, una volta che la Belloni a giugno 2022 ha opposto il segreto di Stato a chi le faceva domande su fatti coperti da quel segreto, sia stato chiesto al PdC di confermarlo, come prevede la legge (per chi è interessato ad approfondire, è la legge n° 124 del 2007, articoli dal 39 al 42, googlendo si trova). Se ciò fosse accaduto, allora a confermarlo non può che essere stato Draghi. Però il punto non è questo, o almeno, non è solo questo. Per me il punto fondamentale è per quale motivo vi è stata la copertura del segreto di Stato su quella vicenda, perché tale segreto si pone su fatti, documenti, vicende, elementi che, se conosciuti, possono essere suscettibili di nuocere alla sicurezza dello Stato e delle sue istituzioni. In altre parole, se su quella vicenda vi è il segreto di Stato, magari anche confermato da Draghi, allora può significare che i servizi stavano facendo qualcosa di grave, che se conosciuto dal pubblico può recare pregiudizio alle istituzioni (compreso lo stesso DIS) e alla sicurezza. Una cosa e’ certa , Matteo Renzi e’ stato oggetto di una continua ed organizzata fronda con il preciso scopo di silenziarlo ed estrometterlo dalla vita politica italiana . Purtroppissimo per loro hanno sbagliato i loro calcoli . Addirittura , ad una idio ta , hanno fatto credere di averlo archibugiato …!! 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sarebbe poco dire che la faccenda dell'autogrill non mi appassiona. Diciamo che mi appassiona quanto quella dei vaffa tra Totti e Ilary. Di ambedue le storie non ne so praticamente nulla, ma sulla prima rientro nella media nazionale. La seconda è roba da rotocalchi, la prima da repubbliche delle banane. In un paese serio e democratico un parlamentare in carica ed ex premier non si apparta con un agente dei servizi segreti in un autogrill sull'autostrada. Posso immaginare che i due avessero un appuntamento, ma ripeto: non me ne può fregardimeno. Posso sbagliarmi, ma a naso direi che il misterioso incontro abbia influenzato il corso della storia molto meno di una farfalla di Lorenz. Essendo una persona seria e trasparente, se fossi stato al posto di uno qualsiasi dei due avrei vuotato il sacco da un pezzo. Anche a costo di deludere le attese o di fare una figuraccia. E oggi me ne sbatterei del segreto di Stato. Suvvia, cosa volete che si siano detti quei due? Magari si saranno chiariti su qualche loro vecchio intrallazzo. Leggo che fu Mario Draghi, a giugno, a imporre il segreto di Stato. Chissà  perché, non è vero? Ma non mi interessa: sull'ex banchiere io ho già tirato lo sciacquone. Spero solo che Mattarella tenga duro altri 6 anni, e posso solo dire che un governo serio e democratico avrebbe imposto l'opposto del segreto di Stato. Avrebbe cioè invitato i due a raccontare tutto per filo e per segno, pubblicamente.  L'agente segreto mi pare che sia stato espulso dai servizi. Bene, ma perché il politucolo non è stato rimosso dalla politica, anzi è stato rieletto? Semplice: perché questo è il paese di Pulcinella. A proposito: ma non era quello stesso politucolo che aveva pubblicamente e ripetutamente promesso al popolo sovrano, in tutte le sedi (anche istituzionali) e in tutte le salse, che avrebbe lasciato la politica? Suvvia, ma uno così di cosa può avere discusso con un agente segreto di più significativo della farfalla di Lorenz? 

https://www.lanotiziagiornale.it/lincontro-allautogrill-tra-renzi-e-mancini-e-un-segreto-di-stato/

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
10 minuti fa, mark222220 ha scritto:

L’episodio in realtà e’ molto oscuro . Non è ancora chiaro se sia stato posto da Draghi o se Conte abbia fatto in tempo, prima di febbraio 2021, ad apporre il segreto di Stato, forse su consiglio di Vecchione, l'allora capo del DIS, e sostituito dalla Belloni solo a maggio 2021 su nomina di Draghi. Poi ancora non è chiaro se, una volta che la Belloni a giugno 2022 ha opposto il segreto di Stato a chi le faceva domande su fatti coperti da quel segreto, sia stato chiesto al PdC di confermarlo, come prevede la legge (per chi è interessato ad approfondire, è la legge n° 124 del 2007, articoli dal 39 al 42, googlendo si trova). Se ciò fosse accaduto, allora a confermarlo non può che essere stato Draghi. Però il punto non è questo, o almeno, non è solo questo. Per me il punto fondamentale è per quale motivo vi è stata la copertura del segreto di Stato su quella vicenda, perché tale segreto si pone su fatti, documenti, vicende, elementi che, se conosciuti, possono essere suscettibili di nuocere alla sicurezza dello Stato e delle sue istituzioni. In altre parole, se su quella vicenda vi è il segreto di Stato, magari anche confermato da Draghi, allora può significare che i servizi stavano facendo qualcosa di grave, che se conosciuto dal pubblico può recare pregiudizio alle istituzioni (compreso lo stesso DIS) e alla sicurezza. Una cosa e’ certa , Matteo Renzi e’ stato oggetto di una continua ed organizzata fronda con il preciso scopo di silenziarlo ed estrometterlo dalla vita politica italiana . Purtroppissimo per loro hanno sbagliato i loro calcoli . Addirittura , ad una idio ta , hanno fatto credere di averlo archibugiato …!! 

Io non so chi è stato e neanche mi interessa saperlo. So che abbiamo un presidente della repubblica, Mattarella, comunque ben pagato dai cittadini, un ex Presidente del Consiglio, Draghi, un altro ancora più ex, Conte, un direttore dei servizi segreti, la Belloni, tutti ben pagati non meno di Mattarella. E sicuramente dimentico qualcuno. Tutti costoro sapevano della trasmissione di RAI 3. Tutti costoro sanno che nel momento in cui il senatore Matteo Renzi ha iniziato a raccontare la sua verità (magari anche totalmente inventata, non è questo il punto) è stato posto un segreto di stato. Possibile che nessuno di costoro abbia pensato di apporre il segreto di stato quando RAI 3 raccontava tutti i particolari a 60 milioni di Italiani e se ne sono invece accorti solo quando quei quattro che compreranno il libro di Renzi (tra i quali al momento non ci sono io) hanno iniziato a leggere una verità "leggermente" scomoda? Qui siamo nella situazione che lo Stato è lo stato solo di alcune, neanche tutte, autorità (volutamente con la minuscola). Devono spiegare. 

 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

A questo punto, sig lupogrigio, sarebbe interessante sapere cosa la preoccupa in questa storia. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Eh si , tutto vero !! Però , ecchekazzo, detto che la Belloni era la preferita nonché unica candidata di Conte alla carica di Presidente della Repubblica , detto che in Italia il segreto di Stato e’ stato apposto solo sulla strage alla stazione di Bologna , le relazioni tra le stragi ed i terroristi palestinesi , il rapimento  a Roma di AbuOmar da parte della CIA , mi pongo sinceramente il problema di sapere chi c’era davvero in Autogrill a filmare Renzi quando Mancini chiese di incontrarlo . E me lo chiedo perché si e’ sempre detto che colei che filmo’ l’evento era una semplicissima insegnante con il papà affetto da un attacco di diarrea da cui scaturì la sosta in Autogrill , mi chiedo per quale motivo la sopracitata Belloni ( ripeto : quella che Conte e Salvini vomevano pdr), ha messo il se greto di Stato sulla vicenda ? Mah …!! 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
26 minuti fa, lupogrigio1953 ha scritto:

Io non so chi è stato e neanche mi interessa saperlo. So che abbiamo un presidente della repubblica, Mattarella, comunque ben pagato dai cittadini, un ex Presidente del Consiglio, Draghi, un altro ancora più ex, Conte, un direttore dei servizi segreti, la Belloni, tutti ben pagati non meno di Mattarella. E sicuramente dimentico qualcuno. Tutti costoro sapevano della trasmissione di RAI 3. Tutti costoro sanno che nel momento in cui il senatore Matteo Renzi ha iniziato a raccontare la sua verità (magari anche totalmente inventata, non è questo il punto) è stato posto un segreto di stato. Possibile che nessuno di costoro abbia pensato di apporre il segreto di stato quando RAI 3 raccontava tutti i particolari a 60 milioni di Italiani e se ne sono invece accorti solo quando quei quattro che compreranno il libro di Renzi (tra i quali al momento non ci sono io) hanno iniziato a leggere una verità "leggermente" scomoda? Qui siamo nella situazione che lo Stato è lo stato solo di alcune, neanche tutte, autorità (volutamente con la minuscola). Devono spiegare. 

 

Ineccepibile Lupogrigio!! 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
8 minuti fa, mark222220 ha scritto:

Eh si , tutto vero !! Però , ecchekazzo, detto che la Belloni era la preferita nonché unica candidata di Conte alla carica di Presidente della Repubblica , detto che in Italia il segreto di Stato e’ stato apposto solo sulla strage alla stazione di Bologna , le relazioni tra le stragi ed i terroristi palestinesi , il rapimento  a Roma di AbuOmar da parte della CIA , mi pongo sinceramente il problema di sapere chi c’era davvero in Autogrill a filmare Renzi quando Mancini chiese di incontrarlo . E me lo chiedo perché si e’ sempre detto che colei che filmo’ l’evento era una semplicissima insegnante con il papà affetto da un attacco di diarrea da cui scaturì la sosta in Autogrill , mi chiedo per quale motivo la sopracitata Belloni ( ripeto : quella che Conte e Salvini vomevano pdr), ha messo il se greto di Stato sulla vicenda ? Mah …!! 

Io sono molto più terra terra: neanche mi interessa sapere chi ha torto o chi ha ragione: voglio solo sapere chi tra Renzi, Mattarella, Draghi, Conte, la Belloni e chiunque altro che sicuramente ho dimenticato abbia mentito. So solo che quando Report ha raccontato su RAI3 tutta la sua verità nessuno ha apposto alcun segreto di stato; invece i segreto di stato è stato apposto nel momento in cui il senatore Renzi ha iniziato a raccontare la sua verità. Tutto qui. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
18 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

A questo punto, sig lupogrigio, sarebbe interessante sapere cosa la preoccupa in questa storia. 

Io invece vorrei sapere cosa non ti preoccupa di questa storia. Non ci posso credere che anche tu non ti senta vittima di un raggiro mondiale da parte del Presidente della repubblica, dal presidente del consiglio (ex e più ex) dal direttore dei servizi segreti ed eventuali altre istituzioni coinvolte, almeno fino a quando non spieghino perché (ognuno a seconda della propria competenza) non si sono accorti della trasmissione di RAI 3 (Report) e si siano invece accorti dell'autodifesa di Renzi. Se non arrivi a capire che è tuo interesse quanto mio venire informato della verità, mi chiedo cosa ci stai a fare in questa pagina di politica a parlare di cose delle quali evidentemente non hai consapevolezza.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sicuro sig lupogrigio, l'unica consapevolezza che ho, è la consegna dei babbi ad un "semplice senatore" da parte di un 007 italiano in un autogrill. 

Perché in autogrill e non negli uffici romani del senatore?

L'unica cosa che mi interesserebbe sapere di tutta la storia è la ricetta dei babbi. 

A proposito, non mi  sento vittima di un raggiro mondiale da parte del Presidente della repubblica, dal presidente del consiglio, dal direttore dei servizi segreti ed eventuali altre istituzioni coinvolte. 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, ahaha.ha ha scritto:

Sicuro sig lupogrigio, l'unica consapevolezza che ho, è la consegna dei babbi ad un "semplice senatore" da parte di un 007 italiano in un autogrill. 

Perché in autogrill e non negli uffici romani del senatore?

L'unica cosa che mi interesserebbe sapere di tutta la storia è la ricetta dei babbi. 

A proposito, non mi  sento vittima di un raggiro mondiale da parte del Presidente della repubblica, dal presidente del consiglio, dal direttore dei servizi segreti ed eventuali altre istituzioni coinvolte. 

 

Io non ho detto che le citate istituzioni abbiano raggirato te o me. Però dette Istituzioni, ancorché e certamente non colpevoli (almeno fino a prova contraria, che non c'è) sono però responsabili. La responsabilità non comporta solo ricevere un più che lauto stipendio. 

Quanto al resto, rimango ai fatti: tutte le istituzioni citate (non so se competenti o meno circa la materia in discussione) non hanno trovato nulla da eccepire quando Report di RAI3 ne parlava a tutta Italia, ma improvvisamente si sono accorte che era opportuno un segreto di stato nel momento in cui la persona coinvolta ha iniziato a difendersi.

Se non ti senti vittima di un raggiro è solo perché hai deciso di avere le tue posizioni politiche e ti sentirai vittima solo quando sarai coinvolto personalmente. Ma tranquillo, sei in buona compagnia: il popolo italiano non è famoso per avere il bene comune come ideale.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Vabbè. Che Renzi sia un ragazzo sfortunato, che tutti ce l'hanno con lui perché è basso e tarchiato e forse ha anche un neo dalla nascita nascosto ai più lo sanno tutti.

Il discorso pero' è un altro. E forse altro due.

Il primo che, appena scoperto che il segreto lo ha apposto Draghi, ha dichiarato che allora non ha niente da dire. Come dire insomma che, se lo avesse apposto chiunque altro, avrebbe avuto da ridire. La motivazione di questo assunto, a parte le questioni di simpatia o di antipatia (che sono sentimento umani e su questo nessuno può mettere bocca), dove stanno?

Il secondo è che il segreto di stato non è stato posto su di lui ma sul funzionario dei servizi segreti. 

E poi ce ne sarebbe un terzo. Se davvero Mancini gli avesse offerto i babbi e basta, come si fa a pensare che Mancini avrebbe avuto tutte queste difficoltà a dire che le cose stanno cosi?

Una cosa è certa ed è che non conosco la bontà dei Babbi ma, nel dubbio, se devo fare un regalo, continuerò a regalare la bottarga. Decisione irrevocabile. Non foss'altro perché, come minimo, si corrono meno rischi. E non è una cosetta da poco. :D

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, ahaha.ha ha scritto:

Sicuro sig lupogrigio, l'unica consapevolezza che ho, è la consegna dei babbi ad un "semplice senatore" da parte di un 007 italiano in un autogrill. 

Perché in autogrill e non negli uffici romani del senatore?

 

Questa domanda mi sembra legittima e andrebbe rivolta al senatore e allo 007.  Provo a rispondere con un semplice ragionamento. Se due soggetti, diciamo A e B, decidono di incontrarsi in un luogo segreto e fuori mano per discutere, questa è una evidente scomodità per entrambi. Per esempio, sarebbe molto più semplice telefonarsi. E allora è chiaro che almeno uno dei due ha qualche cosa da perderci, chiamiamola P, dalla eventuale intercettazione e divulgazione del colloquio, per quanto improbabili. E questa perdita P deve essere senza dubbio più rilevante della semplice scomodità dell'incontro segreto. Solo per fare un esempio, P potrebbe essere la perdita della faccia. Ma se uno dei due non ha nulla da nascondere, allora vuol dire che egli pensa di ottenere solo un vantaggio o un guadagno (di qualsiasi natura, non necessariamente materiale) dall'incontro, guadagno che deve essere almeno tale da giustificare la scomodità. Chiamiamo G questo guadagno dell'eventuale soggetto che non ha nulla da nascondere. Banalmente i casi possibili per i due soggetti Ae B sono:

PP, PG, GP. 

Il caso GG va escluso perché se ambedue hanno solo da guadagnarci e nulla da nascondere non si incontrerebbero in un luogo segreto. 

E allora la mia risposta alla domanda è questa. Si è trattato di un incontro interessato e non di cortesia, e almeno uno dei due aveva qualcosa di importante e di imbarazzante da nascondere.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Certo che uno dei due aveva qualcosa da nascondere, sig fosforo. 

Non era Leopoldino, era lo 007 Mancini che aveva qualcosa da nascondere.

Lui sapeva, essendo uno 007, di essere controllato strettamente dai superiori.

Un giorno mentre seguiva una pista fiutando l'aria col suo famoso naso elettronico, fu attratto un profumino dolciastro.

Quel profumo gli ricordò di averlo sentito qualche tempo prima in uno degli uffici dove i parlamentari svolgono il loro lavoro o incontrano i vari rappresentanti di qualche lobby. 

Seguendo il profumino giunse davanti ad una pasticceria.

In quel momento ricordò che quel profumo lo aveva avvertito proprio nell'ufficio di Leopoldino che un giorno ebbe l'ardire di mettere sotto controllo su ordine dei servizi segreti, che volevano sapere cosa mangiasse il senatore, al di fuori dei canonici pasti, per dover cambiare così spesso il guardaroba.

Per chi non lo sapesse, Mancini è un ammiratore di Leopoldino è poiché il naso elettronico lo aveva portato davanti a quella pasticceria che produceva i babbi che tanto piaciono all'ex presidente, entrò nel negozio comprando due pacchetti di biscotti con l'intenzione di regalarli allo statista, che generosamente e magnanimamente glieli fece assaggiare, dopo averlo scoperto a mettere le microspie nel suo ufficio. 

"Si, si - disse tra se - Lui mi ha perdonato, mi ha lasciato terminare di posizionare le microspie, non ha fatto parola con nessuno di quel fatto e mi ha perfino confessato che il suo sovrappeso era dovuto proprio a tutti i babbi che ingurgitava. Gli devo riconoscenza e gli regalerò sti due pacchetti di biscotti"

Il resto della storia lo abbiamo appreso dai media grazie a quell'insegnante che filmo' l'incontro tra i due, ma la cosa meno nota è che agli 007  è tassativamente vietato portare regalini alle amanti o peggio ancora ai politici seppur ex Presidenti del Consiglio.  Questi comportamenti sono vietatissimi perché possono portare, anzi portano sicuramente discredito  ai servizi segreti qualora trapelino queste notizie. 

Questo è il motivo del perché la Belloni, seppur in ritardo, abbia richiesto il segreto di Stato. 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2023Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963