IL LIBRO DI TRAVAGLIO FA STAR MALE BERLUSCONI

Non si fa attendere il commento del pregiudicato di Arcore al libro di Travaglio appena uscito e dedicato a lui: "Mi fa star male. Mai dati soldi ai boss, anzi sono stato una loro vittima". Ma nella sentenza Dell'Utri c'è scritto ben altro. Il frodatore attacca anche l'eroico giornale, l'unico che osa mettergli il bastone tra le ruote sulla strada della quarta vittoria elettorale, e scimmiotta il suo allievo Renzi: "Il Falso Quotidiano (Renzi dixit, nda) mi accusa di avere pagato la mafia". Ma il Fatto Quotidiano cita una sentenza della Cassazione. Ed è una MEDAGLIA, per un giornale serio e indipendente, venire ingiuriato con lo stesso epiteto da un delinquente conclamato e da un bugiardo conclamato. Il libro di Travaglio e il suo giornale fanno stare male il delinquente nell'ultima settimana di campagna elettorale? Benissimo, ottima ragione per correre in edicola ad acquistarli. 

B. come basta! di Marco Travaglio, ed. Paper First 2018, 389 pagine, euro 12,50.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/02/25/berlusconi-il-falso-quotidiano-mi-accusa-di-aver-pagato-la-mafia-e-scritto-nero-su-bianco-nella-sentenza-dellutri/4186668/

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

1 messaggio in questa discussione

Una bella intervista a Marco Travaglio sul Corriere della Sera. Leggete attentamente e meditate. Chi è molto giovane o ha la memoria corta si soffermi soprattutto sui passaggi sulla sinistra "complice" di Berlusconi e sull'ex ministro delle Comunicazioni Paolo Gentiloni. Personalmente oggi trovo troppo generose le parole di Marco sul prof. Prodi, ritenuto l'unico della sinistra non colluso con l'ex cavaliere. In realtà il secondo governo Prodi (come anche il primo del resto) aveva due punti centrali e qualificanti nel programma: una legge rigorosa sul conflitto d'interessi e il riassetto del sistema televisivo, all'epoca regolato dalla famigerata legge Gasparri e dominato dal duopolio Rai-Mediaset, per cancellare le posizioni dominanti in nome del pluralismo dell'informazione. Ambedue rimasero lettera morta. É vero che Prodi aveva una maggioranza molto risicata, ma avrebbe fatto molto meglio a dimettersi invece di finire come sappiamo. Ricordo anche il colossale sopruso, avallato anche da quel governo, subito dall'emittente televisiva Europa7. Che aveva vinto una gara per la concessione delle frequenze, a danno di Rete4 che doveva andare sul satellite. Ma tutto fu congelato dalla Gasparri. Nel ricorso dell'emittente alla Corte Europea, l'Avvocatura dello Stato, cioè il governo Prodi, si schierò vergognosamente a difesa della Gasparri, cioè a  difesa dei privilegi di Mediaset e contro i diritti di Europa7 ribaditi da una sentenza della Consulta. 

http://www.corriere.it/elezioni-2018/notizie/travaglio-la-sinistra-complice-berlusconi-m5s-errori-liste-ma-va-messo-prova-657686fe-1ad1-11e8-b6d4-cfc0a9fb6da8.shtml?refresh_ce-cp

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963